Alex Alexander (Rocktopia, a classic revolution.... in Broadway)
Rocktopia: una rivoluzione classica. Questa la formula a dir poco azzeccata per descrivere una formidabile iniziativa in musica che rivisita le più celebri sinfonie della musica classica in chiave Rock per un risultato strepitoso. In occasione di una delle date a Broadway (NYC), e in attesa di future date italiane, abbiamo fatto una bella chiacchierata con il celebre batterista Alex Alexander, parte del team fin dal 2016.
 
Lo spettacolo, a cui siamo stati invitati ad assistere lo scorso aprile, è davvero strepitoso come da tradizione americana. L'evento si è svolto a ritmi incessanti per oltre un mese, spesso con 2 date al giorno (una pomeridiana e una serale) quasi sempre sold out. Il teatro scelto è quello piu' capiente e si trova all'incrocio tra la leggendaria Fifth Avenue e la cinquantaquattresima, a due passi da Times Square. Tra i tanti ospiti spiccano i nomi di Dee Snider (Twisted Sister) e di Robin Zander (Cheap Trick), ma la caratura e il talento di tutti gli artisti in lista hanno lasciato il pubblico senza fiato. Rocktopia intervalla, in due atti della durata di un'ora ciascuno, grandi classici del rock e della musica classica, in una commistione avvincente e coinvolgente che sbarcherà in Europa e nel mondo il prossimo anno. Parliamone col diretto interessato, Alex Alexander...
Articolo a cura di Gaetano Loffredo - Pubblicata in data: 08/05/18
SCORRI IN BASSO PER LA VERSIONE ITALIANA
 

---ENG---

 

Rocktopia: a classic revolution. This is the formula of the very inspired music show able to mix the most famous classical symphonies with Rock. While we wait for some Italian shows, we had an interesting chat with the well-renowned drummer Alex Alexander who joined the project in 2016.

 

The show we attended to in NYC last April was impressive, as typical of the American scene. Rocktopia was on Broadway for a month, often twice a day (with afternoon and night shows) sold out most of the times. The venue was the largest of Broadway, very close to Time Square, between the legendary Fifth Avenue and 53rd Street. Dee Snider (Twisted Sister) and Robin Zander (Cheap Trick) are just two of the guest stars among the many famous artists that left Rocktopia audience breathless. Two acts of one hour each, an amazing selection of great rock anthems combined with classic music, bound to reach Europe and the rest of the world next year. Here you can find what Alex Alexander told us about this incredible project...

 

 

B - Broadway is one of those magical words everybody spells out with glittery sparks floating all around their minds. Like Hollywood and Las Vegas, I mean. So when did you first heard about it, when have you been there the first time and how does it feel to perform there?

 

First of all thank you Gaetano, for coming to the Rocktopia Show in NYC, and for giving me this interview opportunity. I have been a member of Rocktopia since March 2016. This year 2018 Rocktopia decided to perform in the Broadway Theatre. Of course I was honoured and thrilled to be a part of it. This is my second time on a Broadway stage. I had been a substitute drummer in the show, "Tony & Tina's Wedding", many years ago. That was my first time and I loved it. Performing on Broadway is very demanding! But performing on a Broadway stage with a Symphonic Orchestra, 6 Super Dynamic pitch perfect singers, a Super Talented Band, and a 40 person choir, is even More Challenging! It's thrilling and high pressure all at once. I feel very honoured to be a part of it all. We had 48 shows, and 6 rehearsals with guest singers, in 42 days. A marathon to say the least! The audiences loved every minute of it. We had a full house almost every night.

 

R - Rocktopia: a classical revolution is going to be on for 6 weeks on Broadway commencing on the 20th of March. It will feature a choir of 40 and an orchestra of 20, that's quite a crowd! I assume some of your colleague must have different musical backgrounds. How was working along with each other and... do you possibly have any funny stories from the backstage?

 

We get along like a family. Everyone loves and respects everyone else.
We give each other the musical and moral support so that everyone has a chance to shine at their best. It's been like that from the beginning. When I first joined Rocktopia, they were so happy with my time keeping and ability to stay with the click track and still give plenty of fire and feel to the show, that they all gave me hugs of appreciation. You don't get that very often in many working environments. Every one is special in their own way. I remember one time we were rehearsing at SIR for a U.S. tour, and we were playing Prokofiev's Romeo & Juliet Symphony combined with Patti Smith's "Because The Night". it was dark in the room and I had seen someone come in but could not see who it was. When we finished, out of the shadows stepped Patti Smith herself! She was clapping and saying "That was the best version of my song I have ever heard"! Our singer screamed from the shock and nearly fainted, she was so surprised. We were all surprised! Patti was very gracious and complimented everyone on their playing. It's special moments like that, that make all the practicing and rehearsing worthwhile.

 

alexalexanderdrums 

 

O - On the one hand you are giving a second life to classical compositions, on the other you are making the most of modern rock to realize an amazing mixture of these two worlds. We are curious to know how did you manage to do that... was it a team work or you followed the lead of the one in charge?

 

All of the arrangements were created by our conductor Randall Fleischer & our lead singer Rob Evan. They have been working on this show for a long time. They had everything charted out when I first arrived. The only thing I brought to it was my knowledge of the history of Rock drumming and my many years experience playing with Rock & Pop artists around the world. I play very hard in Rocktopia so that the "Rock" side of the music comes thru. Ironically, I was raised by my parents listening to a lot of classical music. My father had a very large classical vinyl collection. I used to love to listen to those records over and over again when I was very young. So, my appreciation for the classical side of Rocktopia's arrangements comes from the heart. In a way this is the ultimate show for me. I can use all of my experience to make it the best it can be.

 

A - As a drummer, how does it feel to perform in this sort of venue? I mean in front of a seated audience... And what has been the craziest gig you have ever been involved in? Why?

 

I am used to performing in both loud concert stadiums and in seated theaters. I've performed in every possible type of venue you can imagine. From my first show with Dido at CBGB's in NYC (3 people came, her manager, the bartender, and Clive Davis!) to Live Aid in London in front of more than 250,000 screaming fans. So, I'm used to it. With Rocktopia, our audiences start the evening seated down, but by the end of the show, they are standing, clapping, dancing, and singing. That is the objective. To touch people's hearts so they lose their inhibitions and react with passion! I've had many, many crazy gigs. Too many to mention. Every one of them was special in their own way. I've played in castles with Blackmore all over Europe. I've played in ancient Stadiums in Italy, where the gladiators used to fight. I've played in beautiful majestic homes in Austria that were a mile long. You name it, I think I've done it. Playing with Rocktopia in the Budapest Opera house where we shot the Live DVD was a definite Hi-Light for me. We performed with a 65 piece symphonic orchestra and a 50 person choir. Yamaha found me a great drum kit over there and Zildjian found me the best Cymbals. It was a magical evening. The people love every minute of it, and so did I.


D - Do you think there are any chances to see Rocktopia in Italy? Perhaps in one of our most famous theatres...

 

I certainly think so. I know the Italian audiences would love the show. The managers are working on bringing the show to the whole world, so everyone can see it. I've played all over italy many times. From Bari to the Swiss border. I think Italy would be especially great.

 

W - Who is your favourite classical composer, Mozart?

 

Yes, Mozart is my favourite. His sense of melody and counterpoint is beautiful. A true genius. I also like Ravel a lot and Čajkovskij. Recently I got a chance to play on Jackie Evancho's Christmas record. We recorded the "Little Drummer Boy" in a stairwell with lots of natural echo. I played the snare drum rhythm from Ravel's Bolero. It came out magical. Her record went #1 in the US Charts. I also love the Viennese Valses. My favourite composition would have to be Handel's "Water Music" though. It touches me in a special way. Like a memory from a previous life. I "See" colors when I hear sounds. So listening to music is like watching colors dance around in my brain. I even see colors when I hear people's voices.

 

A - And what about the setlist selection? Are there any artists you rehearsed but left out because they really wouldn't work out nowadays? Who would you add if you just had the chance to?

 

We have not left anyone out voluntarily. All of the arrangements they taught me are performed. There might be some I have not heard yet. I don't know. In addition to our regular set, we also had to learn 3 new songs with our special guests on Broadway. Our guitar player Tony Bruno made some special arrangements along with our Conductor Randall for our guests to perform as encores. We had Pat Monahan from the band Train the first 2 weeks. Then we had Dee Snider from Twisted Sister for the following week. Then we had Robin Zander from Cheap Trick on the last week. All of them were great singers and tore the house down. I was happy to rock with them all.

 

_g0a08892 

Y - Your outstanding career as a musician was a series of great collaborations with big names of music... David Bowie, Ritchie Blackmore and Eminem just to mention a few of them. What has been your most challenging project so far and the one which was the most unexpected success? And what next for you?

 

To me they have all been challenging in different ways. I have learned something from every artists I have played with. Blackmore, Dido, Eminem, Sophie B. Hawkins, Chaka, Springsteen, Rocktopia. They all taught me different things. Recording percussion with David Bowie on his Next Day album was especially rewarding. Montel Jordan was very inspiring. Meeting and working with Jimmy Cliff for a super bowl commercial was very inspiring. The list goes on and on. Every single one taught me something meaningful. Recently I've been working and recording with Eljuri. She is a socially conscious singer that writes great songs. I'll be going to Canada with her. We recorded her record in NYC in three days and it came out super great. I will also be going to Los Angeles and working with K.O., an artist I have been producing for a few years now. We are doing a show in LA and then going to Nashville to make his 3rd CD. He recently made a video with Billy Bob Thornton as the actor. The video has had more that 2 million likes and won awards in the Toronto Film Awards and in the NY Film Awards. I will be accepting the award for best actor in a video on behalf of Billy & K.O. on May 13th. I love producing and have produced quite a few artists. At this point I'm looking forward to producing more and performing with more artists around the world, as well as continuing with Rocktopia later in the year. You can keep up with my adventures thru my website or Social Networks.

 

---ITA---

 

Traduzione a cura di Costanza Colombo

 

B - Broadway è una di quelle parole magiche che ciascuno di noi pronuncia con una sorta di aura fantasmagorica in mente: un po' come per Hollywood e Las Vegas... Quando è stata la prima volta che ne hai sentito parlare e come ti senti a esibirti su uno dei suoi palcoscenici?
 

Innanzitutto ci tengo a ringraziarti Gaetano, non soltanto per essere venuto a vedere lo show di Rocktopia a New York ma anche per avermi offerto la possibilità di questa intervista. Sono entrato a far parte di Rocktopia nel marzo 2016 e quando quest'anno ci è stato comunicato che ci saremò esibiti là naturalmente ne sono stato tanto onorato quanto emozionato. E' la mia seconda volta su un palco di Broadway. La prima volta venni chiamato a sostituire il batterista dello show "Tony & Tina's Wedding", molti anni fa, fu fantastico. Ad ogni modo, esibirsi a Broadway è molto impegnativo ma poterlo fare con un'orchestra sinfonica, 6 cantanti super dinamici incredibilmente dotati, una band fenomenale e un coro di 40 voci è ancora più impegnativo, in senso buono naturalmente! E' al contempo emozionante e stressante ma è comunque un grande onore. Abbiamo già fatto 48 show e sei prove con cantanti ospiti in 42 giorni. Dire che è una maratona è un eufemismo! Il pubblico però ne adora ogni singolo istante. Abbiamo fatto sold out quasi ogni sera.

 

R - Rocktopia: una rivoluzione classica in scena per ben 6 settimane. Come dicevi giustamente tu, avere a che fare con un coro di 40 persone e un'orchestra di 20 non sarà certo semplice, siete un esercito! Immagino che alcuni dei tuoi colleghi abbiano background musicali diversi. Com'è lavorare fianco a fianco e... hai qualche aneddoto divertente da raccontarci?

 

E' come essere una grande famiglia. Ci vogliamo bene e ci rispettiamo a vicenda.
Ci supportiamo mutualmente sia per quanto riguarda la musica che il morale così che ciascuno abbia l'opportunità di brillare al suo meglio. E' sempre stato così fin dal primo giorno. Quando mi unii a Rocktopia erano così felici per la mia capacità di tenere il tempo e di dare una tale energia allo show, mi abbracciarono per dimostrare il loro apprezzamento. Non è che capiti tutti i giorni sul posto di lavoro. Ciascuno di noi è speciale a modo suo. Mi ricordo una volta che stavamo provando al SIR per il tour americano e stavamo suonando la Sinfonia di Romeo e Giulietta di Prokofiev combinata a "Because The Night" di Patti Smith. Era buio nella sala e sentii qualcuno entrare ma non sapevo di chi si trattasse, non riuscivo proprio a vedere. Poi quando finii, una figura uscì dall'ombra ed era proprio Patti Smith stessa! Stava applaudendo e dicendo: "Questa è la migliore versione della mia canzone che abbia mai sentito!" la nostra cantante per poco non svenni dalla sorpresa! Eravamo tutti molto sorpresi! Patti fu davvero gentile e si complimentò con tutti noi per la nostra performance. E' in momenti speciali come quello che tutto quel provare e riprovare ne vale la pena.

 

O - Oggigiorno è davvero un'idea ammirevole quella di offrire una seconda chance alla musica classica. Come ci riuscite? E' un lavoro di squadra immagino... ma chi è al comando?


Tutti i nostri arrangiamenti sono stati composti dal nostro direttore Randall Fleischer e dal primo cantante Rob Evan. Hanno lavorato a lungo sulla realizzazione di questo show. Tutto era già stato messo nero su bianco prima che arrivassi. L'unico contributo che ho fornito è stata la mia conoscenza riguardo la storia della batteria in ambito rock ed esperienza in sede live con artisti rock e pop in giro per il mondo. Suono in modo davvero tosto in Rocktopia così che la parte "Rock" della musica risalti. L'aspetto ironico è che i miei genitori mi hanno cresciuto facendomi ascoltare un sacco di musica classica. Mio padre aveva un'enorme collezione di vinili di classica. Quando ero giovane adoravo ascoltarli, quindi il mio apprezzamento per l'ambito classico di Rocktopia è davvero genuino. Per me è lo show perfetto: posso sfruttare tutta la mia esperienza per rendere al massimo.

 

ts 

 

A - Avere un intero teatro seduto di fronte non è esattamente il pubblico a cui si un batterista rock è abituato... qual è stato il concerto più folle in cui sei stato coinvolto?

 

Sono abituato a esibirmi sia negli stadi che nei teatri, ho suonato in ogni tipo di location che possiate immaginarvi. Dal mio primo concerto con Dido al CBGB's a NYC (c'erano 3 persone: il suo manager, il barista e Clive Davis!) al Live Aid a London davanti a più di 250.000 fan urlanti. Il pubblico di Rocktopia inizia la serata seduto ma poi lo finisce in piedi, applaudendo, ballando e cantando. Quello è l'obiettivo: toccare il cuore delle persone così da far perdere loro ogni inibizione e farli reagire con passione! Di concerti folli ne ho vissuti fin troppi... troppi da citare. Ciascuno di loro fu speciale a modo suo. Ho suonato per castelli con Blackmore in giro per l'Europa, in antiche arene in Italia, dove i gladiatori erano soliti battersi, in bellissimi e giganteschi palazzi austriaci. Dinne una e l'ho fatta. Suonare Rocktopia nella sede dell'Orchestra di Budapest, dove abbiamo registrato il DVD è stato fantastico. Ci siamo esibiti un'orchestra di 65 pezzi e un coro di 50 persone. Yamaha mi ha procurato un bel kit di batteria laggiù e Zildjian i migliori piatti. Fu una serata magica. Il pubblico ne ha adorato ogni istante e lo stesso vale per me.

 

D - Dici che potremo aspettarci di vedervi esibire anche in uno dei nostri bei teatri italiani?

 

Penso proprio di si. So che il vostro pubblico adorerebbe lo show. Il management sta lavorando a un tour mondiale e ho suonato in Italia molte volte. Da Bari al confine con la Svizzera. Credo che in Italia specialmente sarebbe grandioso.

 

W - Wolfgang Amadeus Mozart è solo uno dei tuoi compositori preferiti immagino...

 

Si, Mozart è il mio preferito. Il suo senso della melodia e del contrappunto è bellissimo. Un vero genio. Mi piacciono molto anche Ravel e Čajkovskij. Di recente ho avuto l'opportunità di suonare sul disco natalizio di Jackie Evancho. Abbiamo registrato "Little Drummer Boy" in una tromba delle sale con un sacco di echi naturali. Ho suonato lo snare drum rhythm per il Bolero di Ravel. E' stato magico e il suo disco si è aggiudicato il primo posto delle classifiche americane. Amo anche i valzer viennesi. Credo che la mia composizione preferita sia "Water Music" di Handel. Mi tocca dentro in un modo speciale, come un ricordo di una vita precedente. E' come se "vedessi" i colori mentre ascolto i suoni. Ascoltare musica è come vedere i colori danzare nella mia mente. Vedo i colori perfino quando sento le voci delle persone.

 


A - Avere da selezionare una scaletta su un repertorio che in pratica abbraccia buona parte della nostra cultura musicale immagino non sia stato semplice. C'è qualche artista che avete lasciato fuori perché pensavate non avrebbe funzionato oggigiorno?

 

Non abbiamo escluso nessuno volontariamente, almeno che io sappia. In aggiunta al nostro set di base abbiamo imparato tre nuove canzoni per gli show a Broadway con i nostri special guest. Il nostro chitarrista Tony Bruno ha fatto qualche arrangiamento speciale con il direttore Randall per gli encore. Abbiamo avuto Pat Monahan dei Train per le prime due settimane, poi Dee Snider dei Twisted Sister la successiva e infine Robin Zander dei Cheap Trick. Tutti grandi cantanti che hanno quasi buttato giù il teatro. Sono stato felice di poter fare un po' di buon rock con loro.

 

Y - La tua carriera come musicista ti ha visto collaborare con un sacco di grandi nomi da David Bowie a Ritchie Blackmore passando per Eminem. Quale è stato il progetto che ha avuto il successo più inaspettato? E cosa hai in programma per il futuro?

 

Ogni progetto è stato una sfida, in modi diversi. Ho imparato qualcosa da ogni artista con cui ho lavorato. Blackmore, Dido, Eminem, Sophie B. Hawkins, Chaka, Springsteen, Rocktopia. Registrare la batteria per "Next Day" di David Bowie è stato molto gratificante e Montel Jordan mi ha ispirato molto. Lo stesso vale per Jimmy Cliff con cui ho collaborato per uno spot per il super bowl. E' una lunga lista... Di recente ho lavorato e registrato con Eljuri. E' una cantante molto consapevole che scrive davvero belle canzoni. Andrò con lei in Canada. Abbiamo registrato il suo disco in tre giorni a NYC ed è venuto molto bene. Ho in programma anche di lavorare con K.O., è un artista che sto producendo da qualche anno. Andremo a suonare a LA e poi a Nashville per il suo terzi CD. Ha appena fatto un video, in cui recita Billy Bob Thornton, che ha ottenuto più 2 milioni di like ed è stato premiato al Toronto Film Awards e al NY Film Awards. Ritirerò il premio per 'Miglior Attore' a nome di Billy & K.O. il giorno 13 maggio. Amo produrre e ormai ho l'ho fatto per diversi artisti. A questo punto non vedo l'ora di continuare a farlo e anche esibirmi con ancora altri nomi in tutto il mondo. Naturalmente portando avanti il progetto Rocktopia nei prossimi mesi. Potete continuare a seguire le mie avventure sul mio sito e sui miei social network.





Speciale
ESCLUSIVA: ascolta lo streaming di "Il Primo Uomo Sulla Luna"

LiveReport
Nightwish - Decades World Tour - Assago (MI) 04/12/18

Speciale
ESCLUSIVA: ascolta lo streaming de "Il Vento"

Speciale
PREMIERE: guarda il video di "Nowhere Latitude"

Speciale
ESCLUSIVA: ascolta lo streaming di "Handle With Care"

Speciale
ESCLUSIVA: ascolta lo streaming di "Fury"