Shaman's Harvest (Shaman's Harvest)
La Rock Band americana di Jefferson ha risposto alle nostre domande a seguito dell'uscita del suo ultimo album "Red Hands Black Deeds". Tra traguardi, una line up finalmente definitiva e Wrestling abbiamo dato uno sguardo al futuro prossimo della band che ci ha dato qualche anticipazione sul tour e su cosa è successo in studio mentre nasceva il nuovo disco.
Articolo a cura di Giovanni Maria Dettori - Pubblicata in data: 12/10/17

Ciao ragazzi e benvenuti su SpazioRock.it! Abbiamo ascoltato a lungo e recensito il vostro nuovo album e dobbiamo ammettere che ci è piaciuto davvero tanto! Il sound ci è sembrato ruvido ma allo stesso tempo intrigante e coinvolgente! non vediamo l'ora di vedervi dal vivo e ascoltare come suona sul palco! Negli ultimi tre anni ci sono stati alcuni cambiamenti nella band, e questo è finalmente il primo album registrato con la nuova formazione. Quanto questa rivoluzione ha influenzato la vostra musica?

Negli ultimi anni abbiamo avuto qualche cambiamento nella line up. Ogni volta c'è qualcosa che porta un'iniezione di linfa vitale nella musica, un'energia ed un cambiamento fondamentali per quest'arte.

Qual'è elemento che più vi ha ispirati nella stesura delle nuove tracce?

In ogni parte del mondo basta dare un'occhiata ai telegiornali per trovare dell'ispirazione per scrivere canzoni. Per questo lavoro ci sembra che uno dei temi comuni sia quello dell'empatia.

Alla fine vi siete trovati tra le mani l'album che vi immaginavate sin dall'inizio oppure qualcosa durante il processo creativo qualcosa è cambiato mentre eravate in studio?

Il sound alla fine non ci è sembrato lontano da quelle che erano le nostre intenzioni all'inizio, ma alcune canzoni sono state cambiate a seconda di ciò che sentivamo e che cercavamo all'interno di questo processo.

Già, un suono robusto, massiccio ma estremamente ben bilanciato da numerose influenze proveniente da diversi generi, dal country all'alternative. Secondo noi questa alchemia rende il vostro ultimo disco unico. Che punto della vostra carriera rappresenta questo "Red Hands Black Deeds"?

Probabilmente come compositori rappresenta la maturità. Pensiamo sia importante evolversi disco dopo disco, per cui non escludiamo che il prossimo album ad esempio potrebbe essere completamente diverso da quello che avete ora fra le mani.

shamansharvestintervistainterno1

 

C'è qualche collaborazione che ha contribuito al vostro lavoro in studio? Ci chiedevamo poi se c'è un artista in particolare con cui avreste piacere a lavorare.

A dire il vero non c'è stato qualcosa di simile in questo disco, ma ci piacerebbe collaborare con Josh Homme. Senza dubbio c'è una vena folle ed autentica nel suo modo di fare musica che creerebbe una combinazione a dir poco letale con noi!

Al momento siete in tour in Nord America ed avete già cominciato ad eseguire alcune delle nuove canzoni durante questi show. Quali delle vostre nuove canzoni non vedete l'ora di eseguire dal vivo? Noi ci aspettiamo grandi cose soprattutto da "Long way home", "Tusk and bone" e "The come up"

Per ora stiamo eseguendo circa metà del nuovo disco, ma ci piacerebbe inserire tutte le tracce da qui in avanti. La maggior parte della musica che eseguiamo dal vivo subisce più di una trasformazione dal vivo, e anche noi siamo molto curiosi di vedere e sentire come sarà per queste tracce.

shamansharvestintervistainterno2

Dopo un giro negli U.S.A. e il Canada toccherà anche all'Europa, quindi all'Italia?

Datevi un'occhiata intorno in primavera, magari nei primi mesi!

Il nome della vostra band è sempre stato legato al mondo del Wrestling. In passato avete composto più di una canzone per diversi lottatori, una anche per un match importantissimo del leggendario "The Undertaker". C'è un lottatore degli ultimi tempi per il quale vorreste scrivere una canzone?

Se i Bushwackers dovessero mai tornare a lottare siamo sicuri che faremmo sicuramente qualcosa per loro.

Qual'è il prossimo traguardo degli Shaman's Harvest?

Senza dubbio esibirci in tutto il mondo.

Vi va di lasciare qualche messaggio ai vostri fan italiani ed ai nostri follower?

Grazie per aver ascoltato il nostro disco! Ci vediamo presto, molto presto!

Grazie per il vostro tempo ragazzi. Vi auguriamo tutto il meglio! E mi raccomando, non fermatevi mai e continuate a fare rock'n'roll così!




Speciale
Trivium (Corey Beaulieu)

Speciale
Hardcore Superstar: "The Party Ain't Over 'Till We Say So"

Recensione
Robert Plant - Carry Fire

Speciale
PREMIERE: guarda "Shine", nuovo video dei SIMO

Intervista
Albert Lee: Albert Lee

Intervista
Enslaved: Ivar Bjørnson