Funeral For A Friend (Matthew Davies-Kreye)
In occasione dell'uscita di "Welcome Home Armageddon", SpazioRock ha intervistato il cantante Matthew Davies-Kreyes, che si è rivelato molto gentile e disponibile. Buona lettura!
Articolo a cura di Alessandra Leoni - Pubblicata in data: 22/03/11
Ciao!


Ciao, sono Alessandra di SpazioRock, un sito italiano di rock.


Ciao a te!


Ehi! Come stai?


Sto molto bene. Stavo parlando con qualche giornalista circa il nuovo album e sono estremamente esaltato.


Allora immagino che tu voglia dirci qualcosa sul nuovo disco!


Se proprio vuoi! (ride)


Ma, sì, certamente!


Bene, come ho detto ad un po' di persone nelle ultime settimane, mi piace il nuovo album, è come un pugno in faccia, seguito da un bacio sulla guancia. È possibilmente l'album più immediato che abbiamo mai composto. È quello più aggressivo. Penso che sia quello più conciso, diretto, da sempre.


Ottimo! Dunque, un'altra cosa che ho notato è che avete delle copertine interessanti per i vostri CD, e sai, la prima cover che ho notato è stata quella di "Your History Is Mine", con una nonna che abbraccia i suoi nipoti. E poi, questo nuovo album, "Welcome Home Armageddon", che ritrae una famiglia ridotta a degli scheletri. È un po' inquietante, ma condividono lo stesso tema, la famiglia, ma come siete giunti a queste due copertine?


Beh, con "Your History Is Mine" abbiamo enfatizzato il fatto che fosse una retrospettiva e penso di aver cercato dei modi per poterlo rendere evidente nella copertina e renderlo personale davvero, perché tutte le foto nel disco sono della mia famiglia. Nella cover c'è mio papà e suo fratello quando erano bambini. Mentre con "Welcome Home Armageddon" abbiamo puntato più sull'ideale felice nella mia testa, quando negli anni '50, o '60 c'erano le "famiglie nucleari", ma questo tema ha un po' perso il controllo, perché il disco ha a che fare con l'ignoranza, l'ignorare il fatto che ci sia un disegno più grande di te, fino a quando è troppo tardi; considerato che tratta anche di disastri naturali, in che modo noi esseri umani influenzino il mondo in cui viviamo, ha perfettamente senso e hai pure collegato queste due immagini e non l'avrei mai notato, io. La famiglia ha un ruolo evidente in tante cose che facciamo, la band ... sentiamo di essere una famiglia. Le famiglie al di fuori della band sono molto vicine tra loro.


intervista_funeral_2011_02Riferendoci sempre alla famiglia ed ai ricordi, suppongo che sia molto importante avere sempre una famiglia su cui contare, e questo è un tema ricorrente, o almeno, una fonte di ispirazione.


Si, ho sempre creduto fermamente che si dovrebbe imparare dalla tua esperienza e da quello che sai, io sono molto fortunato ad avere gente nella mia vita che ci tiene a quello che faccio, mi influenza decisamente e (la famiglia) è un ambiente in cui posso lavorare al meglio; penso sia molto importante avere persone che ti seguano e che ti fanno rimanere con i piedi per terra. Mi fa sentire più creativo ed espressivo.


Avete inoltre la morte, i fantasmi (e penso che al riguardo la vostra canzone "Ghosts" abbia dei bei testi!) ed altri temi tra cui l'oblio ... Prendete ispirazione da libri e film?


Si, sai, mi piace leggere più che posso, quando posso e si, guardo un sacco di film, sin da prima di unirmi alla band, quando studiavo all'università. Le immagini, le parole scritte sono molto importanti. Per me, un tema mi colpisce quando colpisce la mia mente ad un determinato punto; queste dimensioni seguono con una canzone circa il perdere qualcuno in una relazione, magari un parente od un genitore, ed inizio a scrivere, riguardo quelle cose. Scrivo di cose rilevanti, temi di tutti i giorni che tutti conoscono.


Certamente, perché sai, penso che tante band che ho sentito recentemente, scrivono per lo più sull'odio, sono troppo aggressive.


Preferisco la speranza. Mi piace pensare che, anche se tanta gente prende il lato negativo delle cose, che ci sia una scintilla di speranza. Voglio che le persone lo capiscano tramite i testi, vorrei che arrivassero ad una comprensione, specie se ti sono piaciuti. C'è molto che possiamo fare come razza, stabilizzare il modo in cui viviamo, accettare tutto questo e fare in modo di accettarci a vicenda, personalmente è rendere tutto questo un posto migliore. Non intendo solo gli animali, ma ogni creatura è fortunata ad essere qua, abbiamo solo bisogno di fare un grande passo in avanti per renderci conto di tutto questo.


Certamente. Parliamo dei sogni e se c'è qualcosa che avete sempre sperato di poter fare, ma che per qualche motivo non avete ancora fatto. Se c'è qualcosa.


Penso che ogni sogno che ho fatto da bambino fosse di diventare qualcuno realizzato e non ho mai pensato di poter avere una band, suonare, andare in tour per il mondo, incontrare persone, conoscere culture differenti; non ho mai pensato di poter lasciare la mia piccola città. In Inghilterra, le possibilità di successo ... Insomma, si riesce ad andare molto lontano. Quindi, per me, tutte le cose che ho sognato da bambino sono state realizzate. Non vorrei mai camminare sulla luna, è troppo pericoloso, ma sarebbe abbastanza figo, ma sarei troppo spaventato per farlo. Sono piuttosto contento dei miei sogni, li vivo, al momento sono molto felice di dire questo.


Avete suonato con molte band e con molti gruppi grossi, come i Guns ‘n' Roses e gli Iron Maiden, quali sono i vostri migliori ricordi che avete di questi mostri del rock?


Non saprei, forse guardare a quello che hanno fatto e cercare di emularli, in una prospettiva di quello che si può ottenere, sai, di poter ottenere qualcosa. Loro sono dei maestri, quelle band sono lì dove sono per un motivo, hanno esperienza e come intrattengono tutto il pubblico, è semplicemente fonte di ispirazione.

 

intervista_funeral_2011_03


Pensi che il metalcore o l'emocore sia meglio ricevuto negli Stati Uniti? Perché ho questa sensazione che questo tipo di musica sia apprezzata senz'altro in Europa, ma credo non abbastanza.


Sono d'accordo, l'etichetta poi cerca di fare le cose giuste fino ad un certo punto. C'è cosi tanta musica qua fuori dall'America, da dove vengono le ricerche e le influenze, comunque. Forse è lo stesso per gli europei. Ci sono un sacco di fantastiche band europee, ma non ricevono abbastanza credito per quello che fanno. Se una band viene rifiutata, le prospettano sempre delle band più famose dall'America. Penso che dovremmo smettere di guardare alle band oltreoceano, ci sono un sacco di band buone qui.


Siete ispirati da band metalcore come Hatebreed, Integrity, Strife e via discorrendo? O magari, da band metalcore appartenenti alla vecchia scuola?


Penso che una band come gli Strife sia amata da tutti noi, io sono cresciuto con quel gruppo. Poi ci sono gli Earth Crisis, che hanno avuto una grossa influenza su di me. Così come band metal come gli At The Gates, Carcass, hanno un ruolo significativo nella musica che compongono. Loro prendono ciò che abbiamo, lo mettono tutto assieme, e ti fanno sentire ... Così.


Verrete presto in Italia?


Certo, verremo in Aprile o in Maggio, credo faremo tre concerti in Italia. Penso che suoneremo a Roma, Milano, ma non ricordo l'altra località. Se vai e controlli sul nostro MySpace, tutte le date dovrebbero essere lì. Comunque saremo in Italia prima che finisca l'estate.


Grazie mille per il tuo tempo e la tua pazienza, mi dispiace per l'interruzione! Vorresti lasciare un messaggio a tutti i fan italiani ed agli utenti di SpazioRock?


Vorrei solo ringraziarvi di cuore per il vostro supporto e non vediamo l'ora di suonare nuovamente in Italia, ci siamo divertiti moltissimo quando ci siamo venuti l'ultima volta e il pubblico italiano è uno dei migliori in Europa e non vediamo l'ora di tornarci.


Grazie mille Mattew, è stato un piacere, ciao!

 




LiveReport
Architects - Live at the Royal Albert Hall - Londra 21/11/20

Speciale
Videointervista - Moonlight Haze

Recensione
Iron Maiden - Nights Of The Dead - Legacy Of The Beast, Live In Mexico City

Speciale
L'angolo oscuro #13

Intervista
Ellefson: David Ellefson

Recensione
AC/DC - Power Up