Cannibal Corpse (George Fisher)
Abbiamo sfidato le intemperie che lo scorso febbraio hanno sommerso l'Italia di neve e abbiamo incontrato George "Corpsegrinder" Fisher in occasione del FullOfHate Festival. Venite a scoprire qualche restroscena del nuovo album "Torture" e della vita on the road dei Cannibal Corpse.
Articolo a cura di Eleonora Muzzi - Pubblicata in data: 28/04/12

Ciao! È bello conoscerti! Come stai?


Bene, bene, stiamo tutti bene.


Sta per uscire un nuovo album, ho sentito una delle canzoni su YouTube, l'altro giorno, e penso che sia la classica canzone dei Cannibal Corpse...


Quale? "Demented Aggression"?


Sì, "Demented Aggression".


La suoneremo proprio stasera.


Puoi parlarcene un po'? Giusto un'introduzione...


È un pezzo old school, fondamentalmente veloce, un ritorno alle nostre basi. So che chi ascolta i Cannibal Corpse apprezza i brani veloci, ma ci sono anche alcune canzoni lente, ne suoneremo un paio questa sera, e per noi funzionano. Alcune persone vogliono la velocità, altre vogliono cose più lente. In generale, credo che questo album copra tutto lo spettro dei desideri dei nostri fan.


Come sta andando il tour?


Benissimo! Tutte le band sono fantastiche, siamo già stati in tour con i Legion Of The Damned in passato e un paio di volte anche con i Behemoth... Conosciamo i ragazzi personalmente e andiamo d'accordo con loro. Sta andando tutto alla perfezione, abbiamo davanti due viaggi lunghi, il che fa schifo, ma a parte questo, sta andando alla grande. E fa piuttosto freddo qui...


Ti sei perso la tempesta di neve!


Non mi dispiace la neve, ma complica la vita a chi guida. Dieci ore di viaggio possono diventare dodici e cose del genere. Non è il massimo!


Mi domando se puoi dirmi qualcosa di più sui temi del nuovo album?


La tortura è più o meno il tema principale. Prendere le persone e farle soffrire. Le canzoni, per lo più, riguardano questo.


Ho letto che non vuoi scrivere testi per la band, hai detto che gli altri sono bravi a scrivere i testi e va bene così: se una cosa funziona, non aggiustarla giusto?


Sì, non è che non posso scrivere o nessuno voglia che io scriva testi, è solo che, voglio dire, “se una cosa non è rotta, non aggiustarla”; non ci sono parole migliori per descrivere la situazione. Non ho alcun problema a cantare i testi e non mi faccio problemi per il fatto che gli altri scrivano i testi. Non ho mai avuto interesse nella scrittura dei testi in realtà.


Ti piace così, insomma.


cannibalcorpse_intervista_2012_02Sì, mi piace così, e se avrò voglia di scrivere un sacco di canzoni del prossimo disco, lo farò. In questo momento, non ho questa gran voglia di farlo. Gli altri ragazzi sono sempre meglio di me a scrivere roba, sono bravi scrittori. Per la fine di quest'anno ho in progetto un side-project per il quale scriverò tutti i testi, a fine anno dovremmo registrare qualcosa. Ecco, in un'occasione simile mi sentirei in vena di scrivere dei testi.


Qual è la cosa più pazza che hai dovuto cantare? Una cosa che ti ha fatto scoppiare a ridere.


(Pensieroso, ndr) Beh, i nostri testi sono decisamente folli! Non lo so, sul palco sono sicuramente più serio, non ho intenzione di far casino coi testi. Voglio dire, prendiamo sul serio le nostre canzoni, prendiamo molto sul serio quello che scriviamo, non quello che stiamo effettivamente dicendo. Si può ridere di alcuni titoli per la loro estrema brutalità... Alcuni sono così esagerati che non puoi far altro che ridere!


Avete mai pensato di produrre un film ispirato ad una delle vostre canzoni o ad un album, o qualcosa del genere?


Nessuno ce lo ha mai chiesto, quindi non si sa mai: Hollywood ha bisogno di qualcuno che abbia un po' di idee fresche. Ovviamente, le nostre canzoni trattano di certi temi, ovvero horror e gore. Potrebbe essere possibile usare le nostre canzoni come ispirazione per un film o una cosa del genere, effettivamente.


In passato, avete avuto qualche problema con la censura e cose del genere, avete ancora problemi o li avete superati?


In Germania l'ultimo album, "Evisceration Plague", è attualmente bandito. Possiamo suonare le canzoni vecchie, ma non quell'album. È ridicolo, la Germania salta sempre fuori con questo tipo di problemi. Inoltre censura parecchio la cinematografia: è una che non possiamo controllare, è fuori delle nostre capacità, il fatto di non poter suonare queste canzoni.


Non credo che i vostri fans andrebbero a un vostro concerto e inizierebbero a uccidere persone...


Sì, io non so cosa queste persone abbiano in mente quando tagliano i film e vietano alcune canzoni.


Siete on the road da più di vent'anni, come band. Che cosa è cambiato rispetto agli esordi?


Nella scena musicale molte cose sono cambiate, soprattutto per via di Internet. La musica è più accessibile: per ascoltare una nuova band ora si va su MySpace, su Facebook, su YouTube. Dal punto di vista dei tour, i Cannibal Corpse sono diventati talmente famosi che a volte le cose sono facilissime, a volte no. Ci sono stati miglioramenti in diversi ambiti, ma in altri non è cambiato nulla, ma come ho già detto per me, ciò che ha realmente cambiato la scena musicale è stato Internet: al giorno d'oggi non c'è bisogno di andare in studio per fare un album, si può fare tranquillamente a casa con tutti gli strumenti. La tecnologia ha sicuramente cambiato la scena musicale. Le persone che scaricano musica non si rendono conto che le band cercano di vivere grazie alla musica. Non importa se sono due persone a scaricare l'album, invece importa se ci sono altri 20.0000 che lo fanno. Si tratta di migliaia di dollari tolti dalle tasche della gente. Ma ciò significa che non possiamo girare più di tanto, che dobbiamo rimanercene a casa... La gente pensa che per noi musicisti sia tutto alcol e glamour. No, non è così. Sarebbe bello, nessuno si lamenta, ma... Sì, conosciamo altre band, passiamo dei bei momenti e facciamo festa, ci divertiamo, ma non è come la gente pensa che sia. Pensano che siamo ricchi e sprechiamo i nostri soldi, ma non è affatto vero.


Per chiudere, giochi ancora a World of Warcraft?


Sì, certo che gioco a World of Warcraft! L'anno scorso sono andato alla Blizzcon. Ho cantato sul palco "The Power Of The Horde" con i Level 80 Tauren Chieftain (band composta da dipendenti Blizzard che lavorano a World Of Warcraft). Ma sono due o tre settimane che non riesco a giocare. Quando sono a casa, ho più tempo a disposizione per quest'attività.


Cambieresti fazione per l'amore della tua vita?


No. MAI, MAI cambiare. Senti, “Mi ami? Sei Orda”! “Tu non mi ami? Sei Alleanza”. L'Alleanza è per le ragazze - scusate, senza offesa! - L'Orda è per metallari. Siamo brutti e ne siamo orgogliosi!




LiveReport
Architects - Live at the Royal Albert Hall - Londra 21/11/20

Speciale
Videointervista - Moonlight Haze

Recensione
Iron Maiden - Nights Of The Dead - Legacy Of The Beast, Live In Mexico City

Speciale
L'angolo oscuro #13

Intervista
Ellefson: David Ellefson

Recensione
AC/DC - Power Up