Crash The System (Siren Kronqvist)
Siren Kronqvist è la mente che si cela dietro l'esordio discografico dei Crash The System. Siccome stiamo parlando di uno dei migliori album di rock melodico partorito quest’anno, era imperativo per noi di Spaziorock raggiungere Siren per una chiacchierata. Ecco a voi quello che il compositore svedese ha voluto dirci.
Articolo a cura di Fabio Rigamonti - Pubblicata in data: 15/07/09

Qual è il sistema che state tentando di crashare, Siren? (che poi non è altro che un modo elegante per chiederti: cosa significa il monicker della tua band?)

Stiamo tentando di infrangere il sistema tradizionale di realizzare una project band. Sai, solitamente ci sono sempre coinvolti delle persone che hanno una grande esperienza nel campo della musica e se questo è un fatto sicuramente vero per Daniel Flores (l'altra metà del duo che ha partorito l'album n.d.r.), visto che è un musicista che ha suonato a lungo come turnista in svariati live, io ho solamente un background atletico, visto che facevo il salto della siepe negli anni '80 ed i primi '90.
Fino a circa 5 anni fa io, praticamente, non avevo la più pallida idea di come si componesse una canzone o come funzionassero le cose nel music business. Ho avuto un po' d'aiuto all'inizio da un mio amico finlandese che è un chitarrista (Gustav Käld) e mi ha insegnato le basi, poi sono tornato in Svezia e sono entrato negli studi di registrazione dove, pian piano, ho imparato sempre di più fino ad avere in mano delle canzoni vere e proprie.

Ed in quali circostanze hai incontrato il tuo partner artistico Daniel?

Daniel aveva messo la batteria su un paio di mie canzoni un po' di anni fa, e poi ci siamo tenuti in contatto fin da allora. Sono andato spesso nel suo studio per imparare un po' di cose sul processo di registrazione, scrittura ecc. In quelle occasioni, abbiamo scoperto di andare d'accordo e quindi, ad ottobre-novembre dell'anno scorso, gli chiesi si voleva produrre una mia canzone, cosa che fece. Si trattava di "All Because Of You", e tutto ebbe inizio da lì...

E' stato difficile quindi raggiungere tutti gli altri membri del progetto, oppure internet vi ha facilitato la strada?

Il fatto è che Daniel ha lavorato con tutte le persone che compaiono sul nostro album, quindi tutto è iniziato da lui: è stato lui a portare tutte quelle persone nella band, quindi dovresti fare a lui questa domanda.

crash_2Come scegliete quale specifica voce deve finire su una specifica canzone, visto che per "The Crowning" avete lavorato con artisti del calibro di Göran Edman, Mats Levèn, Thomas Vikström e Björn Jansson?

Abbiamo fatto tutto ad istinto: semplicemente, sentivamo a pelle che una voce era più adatta ad un'altra e credo, se posso permettermi, che abbiamo fatto decisamente un buon lavoro in tal senso.

E c'è per caso qualcuno con cui vi sarebbe piaciuto lavorare in questa occasione, ma con cui alla fine non siete riusciti ad accordarvi, per cui ci possiamo aspettare una sua comparsa sul prossimo album?

Guarda, abbiamo considerato strategicamente ogni aspetto come impegni, burocrazia ecc. ecc. che, alla fine, siamo riusciti ad avere sul cd ogni artista che volevamo. Siamo davvero felici di avere riunito quattro dei migliori cantanti di tutta la Svezia su un unico album, e pensa che solo due di questi artisti si sono già ritrovati sullo stesso album prima del nostro. Credo che questo sia un piccolo bonus interessante per un amante della scena...

Ed ora parliamo un po' del vostro "The Crowning": devo dire che, nonostante tu possa essere un principiante, questo per me è il migliore album di melodic rock che abbia ascoltato sinora quest'anno, e tutto grazie a quel particolare uso delle tastiere che fate: quasi come se fosse Symphonic metal! Come te ne sei venuto fuori con un'idea del genere?

Io ti ringrazio tantissimo per queste tue parole, come puoi immaginare sono semplicemente un onore, specialmente per un principiante come me! Ero un ragazzino durante gli anni '80, e quindi inevitabilmente quegli anni hanno avuto un'influenza su di me visto che ascoltavo molto AOR, hard rock, hair-metal ecc. Oggi, invece, ascolto molta roba moderna, come Nightwish, Leverage, Within Temptation...quindi, perché non riunire la vecchia scuola dell’hard rock anni '80 con quel pizzico di moderno metal? Ecco cosa stava nel mio cuore quando composi le canzoni...

E come prende vita nello specifico una canzone dei Crash The System?

Circa metà delle canzoni che compongono l'album derivano da vecchi demo che avevo fatto 2-3 anni fa, mentre metà è roba nuova. Per quanto riguarda il materiale "vecchio" (comunque mai inciso su un album), abbiamo semplicemente ri-registrato il tutto ed aggiunto i testi ai pezzi che ancora non li avevano.
Per quanto riguarda il mio processo di composizione, devo dire che le idee mi vengono nei momenti più diversi della giornata: mentre mi sto per addormentare (e quindi mi devo svegliare e registrare il tutto prima che mi dimentichi l'idea!), oppure mentre mi reco al lavoro, oppure mentre guido o parto per un viaggio.
Occasionalmente, mi siedo e stabilisco a tavolino di dover scrivere una ballad o una canzone veloce, a seconda di quello che è necessario.
L'unica parte comunque realmente creata nello studio, per "The Crowning", sono stati gli accordi del ritornello di "I Still Believe In Love", poiché sono tutta opera di Daniel. Il resto della musica è stata creata a casa mia alle tastiere, e quindi registrata poi nello studio con tutti gli strumenti.
Per quanto riguarda le linee vocali, preparo delle demo in modo tale che loro abbiano approssimativamente idea di come voglio che funzioni il tutto e, per realizzarle, coinvolgo degli amici, come Anna Stenlund che ha cantato la demo di "Love Is In Your Eyes".

Che musica ti piace ascoltare ultimamente? E quali sono le tue radici musicali, le band da cui senti di aver tratto maggiore ispirazione?

Credevo che avrei avuto più tempo di ascoltare della musica quest'estate dopo una primavera piuttosto movimentata, ma a quanto pare non è così! Mi auguro presto di avere il tempo per poter ascoltare qualche nuova band. Le band, invece, che mi hanno influenzato risiedono sicuramente tutte nel passato, per esempio Rainbow, Whitesnake, Def Leppard, Bon Jovi, Judas Priest, Dio, Iron Maiden, Europe, Treat, Pretty Maids...la lista potrebbe andare avanti ancora a lungo

Come ti spieghi che in Svezia coesistano le più belle e cristalline melodie della musica pop/rock (pensa, oltre a tutte le band AOR/melodic rock, anche agli Abba, ai Roxette ecc.), insieme al più brutale del death metal?

Non sono un esperto di musica, ma ci sono state tonnellate di grandi band e soprattutto grandi compositori in Svezia per molto tempo. Forse una spiegazione potrebbe stare nella musica tradizionale svedese, in quello che ci insegnano a cantare quando siamo bambini...giuro, non saprei. Per quanto riguarda il death metal, essendo un genere che proprio non ascolto il massimo che riesco a dirti è che sicuramente ci sono persone che sono attratte dal polo opposto di quella melodia tradizionale che ti dicevo prima...potrebbe essere così.

 

crash_3
 

 

Sarebbe bello potervi vedere in tour, ma immagino che non sarebbe semplice, vista la natura di project band...quindi, quale sono i vostri progetti futuri?

Esatto, Crash The System è al momento una band da studio di registrazione e basta. Ma, chissà: se il tempo e le circostante lo vorranno, potrebbero anche esserci dei concerti in futuro. Ad ogni modo, dubito che, in quel caso, tutte le persone che hanno preso parte al progetto possano stare tutte insieme sullo stesso palco.
Abbiamo comunque dei progetti riguardo al prossimo album, anche stavolta con degli ospiti...ne sapremo di più tra un paio di mesi.

Bene Siren, siamo alla fine di questa intervista. Prenditi pure questo spazio per qualsiasi cosa tu voglia dire ai nostri lettori!

Sono semplicemente felice che io possa scrivere della musica che mi piace scrivere e dell'opportunità che mi è stata data di collaborare con i massimi professionisti del settore. E' sia un'occasione di apprendimento che un grande onore per me.




LiveReport
Architects - Live at the Royal Albert Hall - Londra 21/11/20

Speciale
Videointervista - Moonlight Haze

Recensione
Iron Maiden - Nights Of The Dead - Legacy Of The Beast, Live In Mexico City

Speciale
L'angolo oscuro #13

Intervista
Ellefson: David Ellefson

Recensione
AC/DC - Power Up