Avantasia (Tobias Sammet)
Nonostante tutte le volte dica immancabilmente che con gli Avantasia ha chiuso, Tobias Sammet torna sempre sul suo progetto solista. Questa volta lo fa in modo ancor più personale e particolare rispetto al passato, guardando solamente dentro di sé e sfruttando la band come valvola di sfogo. Sempre gioviale e divertente/divertito durante le interviste, Tobias in questa occasione ci è sembrato più profondo del solito e ne abbiamo approfittato per indagare idee e motivi che fanno funzionare la mente del simpatico cantante.
Articolo a cura di Stefano Torretta - Pubblicata in data: 14/02/19

SCORRERE VERSO IL BASSO PER LA VERSIONE IN ITALIANO

 

---ENG---

 

After "The Mystery Of Time" and "Ghostlights" you return with a new concept album. What is the story you wanted to tell with “MoonGlow”?

I wanted to write personal lyrics. I wanted to find a concept that would give me the chance to create a world that would drag the listener away from reality, a fantastic world, so to speak, but at the same time I wanted to have a fantastic environment that would give me the chance to get my personal feelings and thoughts off my chest. I achieved that thing and came up with the concept that was inspired by the great Victorian revival of gothic novel. I created a fantastic Victorian surrounding and the album itself is a concept album about a misfit creature, a creature that is created and set into a world where it doesn’t belong and it doesn’t find an emotional attachment to that environment and it doesn’t really find its place in that world of the bold and the beautiful and because it cannot cope with reality it escapes into darkness to be invisible, to open up a door to a parallel world, to its own world, to its own imagination. That all topic gave me the opportunity to write about myself! Hahaha (laughs, ndr.) So, that’s pretty much what the concept is about and I think it’s some of the most personal lyrics I have written in my life. I mean, I always write personal lyrics… that’s not true, actually, but I do it very personal.

What kind of musical scene did you want to represent in the new album?

I wanted to write music, that was the whole thing. I did not push it in a certain direction, I never do that. To me, writing music is some very, very innocent, or should be, at least for me, some very innocent process, letting out what you have in yourself, based on intuition. I started the album I think early 2017 or late 2016, when I came back from the "Ghostlights" tour and I wanted to slow down a little bit because I felt that I needed to slower my pace. Everybody else seemed to know what I was gonna do next, soon. Only I did not know and I felt scared that everybody else knew what I was gonna do next. So I slowed down and I build my own studio where I worked the music that eventually became my solo album but then I realized that I already have a solo project and it’s called Avantasia and it’s got the best musicians. It sounded like Avantasia so I said “OK, this is gonna be an Avantasia record” and I kept writing and producing everything and out came a new album which I think is a great album. It’s really hard for me to analyze what’s the difference between this album ad the previous album. It’s new songs. Hahaha (laughs, ndr.) It’s also, I can say, a little more embellished because it took so long until I delivered it. I had all the time in the world and that felt great. It felt great for the first time in my life having no deadlines, having nothing. I have worked at a lethal pace in the last 20 years and for the first time it was a relaxing pace.

You just talked about the embellished nature of “Moonglow”. You said in the release notes that “Someone in the music business just told me that the embellished nature of the sound makes it hard to market it, [that] it doesn't fit in the contemporary musical landscape, and if you take a look around, no one really sounds like that”. What’s wrong with an embellished sound?

You know, I don’t think that there’s anything wrong with an embellished sound, I love it, I love to pay attention to the details, but the listening behavior of the 21st century is different. Things have to be bold and massive and impressive and I understand perfectly what this guy meant when he told me, but I have a feeling that things have to be very obvious and things have to be impressive at first listen, things have to be impressive after 20 seconds. If you listen to a song on a streaming service, on a streaming platform, if you endure the song for more than 20 seconds it will mean that officially the song is calculated as it has been listened to. So, after 20 seconds you heard the song. That’s statistically the way Spotify and those streaming platform work. I don’t know if it’s 20 seconds or 30 seconds, but it’s only a couple of second you have to listen to. That says everything about our music industry: things have to be accessible very easily and there’s not much space for subtlety, that’s what I mean. I don’t wanna be just flashy! Of course, I love to be flamboyant when I go on stage and love to make something big even bigger, exaggerating things, musically. That’s something I love to do. But at the same time, I leave some room for subtlety, for little new outfits. I think the modern entertainment industry doesn’t leave much room for new outfits. Everything has to be loud and annoying and impressive after 5 seconds. That’s it.

A few minutes ago, you just said that the album is inspired by the Victorian age. What fascinates you about that period?

I have no idea! Hahaha (laughs, ndr.) You know, I really love England, I love historic buildings, I love intense atmospheres, I love the atmosphere of places. I feel very, very calm when I’m in England, when I’m sitting in an old pub looking out in the street seeing Victorian buildings and having a glass of beer. I look out of the window and I can write. That’s inspiring to me. I really need a certain environment to get in a certain writing mood. The environment has a very, very strong impact on my composing and my writing. I’m right now sitting in front of a Victorian huge desk in my study, I’m looking at a picture of a Victorian painter John Atkinson Grimshaw, hanging over my piano. I just like historical stuff, I like antiques, I like historical buildings, I like historical movies, I think it stimulates my imagination. Maybe it’s romanticizing a different era but to me there’s something romantic about the architecture of the Victorian age, about the furniture, about the stories that were written in that period, I like the writers of that era. But what is exactly I can’t tell you!

 

avantasiaintevista201901
 

You've just mentioned John Atkinson Grimshaw. I’m a big fan of his work. What fascinates you about his paintings?

Again, I don’t know! I like the moonlit paintings, I like the moon, I like the night, I like that there’s something mysterious, something magical about the moon, about a moonlit castle, a moonlit forest, a moonlit old historical house, a moonlit silhouette of a tree in winter. I don’t know why, but it’s eerie and it’s grotesque and it’s beautiful and it’s magical. You know, it’s really funny because whenever we do cover artwork, I give instructions. And if you take a look at our artworks, in Avantasia, the second one has a moon, there are always historical buildings, historical towers or historical clothes or moon or snow. Our artwork is always a little bit eerie and grotesque. I like the mysterious aspect of our existence, a way more appealing to me than the superficial, beautiful, shallow mainstream daylight aspect of it.

This time you have three new guest singers. Hansi and Mille are family for you, so the participation of Candice Night is the real big surprise of this new album. How did this collaboration come about?

I had the song “Moonglow” and it was completely written and I had a voice in my mind. When I wrote it, I didn’t know who has that voice, I just knew it needed a certain type of voice, and then I found out it’s the kind of voice that Candice Night has. Then I asked her and she listened to the song and she immediately agreed after listening to the song. That was evidence or proof for me that she really meant it, that she really wanted to sing that song and that made me. She was recording it in a studio in New York and she did an amazing magical performance, very, very great. That’s pretty much the story about it.

At the end of the album we find the cover of "Maniac" by Michael Sembello. What made you choose this song?

(laughs, ndr.) I always liked that song and I thought “wow, this should be a rock song, it should be a really heavy rock song, with heavy guitars and fast drum”. So I said “Sasha, let’s do a cover version of it”. And Sasha said “No! It’s been done so many times!”. And I said “I don’t care, I don’t do it for the record, I just do it for myself, we don’t even have to use it. Let’s just do it. Do me the favor. Let’s produce this song”. And we did a demo and we finished it and we got the feeling that this is maybe a real great song we’re working on and a real great version of it and I thought “Ok, if we have a duet partner and I don’t sing it on my own it could be a perfect Avantasia song”. So we got Eric Martin and by the time it was finished it was obvious that this song needed to go on the album. Also because it was a straightforward song and we have so many long song on the record already so we thought that was a good option to counterbalance the more sophisticated stuff on the album. We did it and put it on the record. It doesn’t really make sense from the story point of view, but, you know, heavy metal is not about making sense, it’s about the joy of play music, play it loud. It’s really ok to have it on the album.

It’s not the first time that cover songs appear in the albums of Avantasia or Edguy. What is Tobias Sammet's relationship with cover songs?

A good song is a good song no matter who has written it. I’ve always been excited about others’ songs on the record. On “Angel Of Babylon” there was a song that Sasha wrote. I don’t have a problem with cover songs. I think it’s a very, very good way of just playing around. I mean, sometime you can make a statement through it, for example as we did with Edguy when we did “Hymn” on the “Vain Glory Opera” album. It was an artistic statement. We took a pop song and turned into a heavy metal or rock song. It’s very interesting if you hear something about a song that is not necessarily obvious in the cover version but it can always also be a pure joy. That was the case for example when we did “Lay All Your Love On Me” or “Dancing With Tears In My Eyes” or “In My Defense” or now “Maniac”. That was pure joy, a tribute to the original.

 

avantasiaintevista201902
 

For the first time in your career you worked on an album without a contract and without a record label rushing you. What were the positive and negative aspects of this experience?

There were no negative aspects! It was pure, pure joy. For the first time in my life I was hiring an attorney to get me the record contract I didn’t have to find it myself, I hired somebody, so I got away from the music business a little bit, in a way, and just focused on my music! Of course, I went to Hamburg to produce the choirs with Sasha, I went to Frankfurt to work with Geoff Tate, I went to Würzburg to work with Jorn Lande, I went to England many times to compose and to record some of the stuff, but in general, working at your own speed, at home, without having somebody push you, no record label, no booking agency saying “we have a tour booked, you have to hurry”, not even band mates saying “we need a new album, our fridge is getting empty”. I made clear that I cannot fulfill anybody else’s expectations, I have to work at my own speed. And once you do that and you go to your own basement to a song and you spend three or four hours, working on a keyboard passage just at your own speed, it’s the greatest thing possible. You’re sitting there, sometimes I had a glass of red wine and I was sitting there and time stood still. It’s a different world and that’s very important for me, I could go there anytime I wanted, I can go there in the middle of the night, in he morning, in the afternoon, whenever I had ideas to work with, whenever sparks fly, when spirit flies, I can go there and work.

In the end you chose your usual record label, Nuclear Blast. What’s the reason behind this choice?

I think it was one of the best offers, and I think all in all it was the best package. As I said I hired an attorney who also sorted everything for me and helped me with the decision. We had a couple of serious, good offers that I could have lived with, but in the end I thought that they really, really wanted to keep me and they really wanted to work with me and that’s what I thought. The distribution worldwide, the way they understand the band, also the monetary things, all that together was the best decision to get.

Because of the economic crisis, fans cannot always afford to buy tickets to see their idols' concerts, especially here in Italy where you often find the arenas are not full. But Avantasia and Edguy always stop in Italy, and especially in the Milano area, between Alcatraz and Live Club. What motivates you to come back to these parts?

Because we like it! (laughs, ndr.) That is the easiest answer, but that’s not the reason! It’s just, we like it, personally I like the mentality, I like the country, I like Italian food, there’s no reason not to go to Italy. You’re almost our neighbor, there’s only Austria squeezed in between! Hahaha (laughs, ndr.) So we are almost neighbor, I just like it! It’s always been great there, we’ve always been welcomed with open arm. I remember the first time we went on tour with Iron Savior in 1998. I think the biggest show we played was in Greece and then we went on the tour bus and the biggest show we played on the tour bus was in Biella, near Torino. And I remember it was an amazing show because the crowd treated us as if we were a good band! Hahaha (laughs, ndr.) We were really greenhorn, we did not know much, but the fans made it so easy for us. And that’s why since then Italy has always been included in our touring schedule. It’s a shame there are not so many festivals in Italy. I like Italy, it’s great, it’s a great country, beautiful people and great heavy metal people.

Twenty years ago, you created the Avantasia project. What did this idea represent for you at the time? Over the past twenty years has it changed its value?

When I started it, it was to me just because I felt I needed to break out and do something that was out of the ordinary. I had ideas but I couldn’t fulfill them with Edguy, and then I started Avantasia and everybody thought I was crazy, the business experts, they thought “nobody need a Tobias Sammet’s solo rock opera, that’s overambitious”, but I needed it for myself and I took the chance. I already said back then “if it’s not successful I don’t really care, I need to do that, I need to fulfill my own dreams”. I wanted to learn, I wanted to jump in the deep end. It was a huge challenge for me back then, to work and to be the driving force for all these legendary artists that had much more experience than me. I took the responsibility for the guitar player in Gamma Ray, the bass player in Helloween, the drummer in Angra, and all of a sudden there was Kai Hansen, Michel Kiske, Rob Rock and Andre Matos, Eric Singer and Sharon Den Adel, all these great people that had so much experience and I was in charge. That put a lot of pressure on me, but I did it, and I needed to do it to break out of my routine, to do something new, to do something that was unpredictable, that would surprise myself. I didn’t expect to become what is now, but I have it was a very, very innocent approach and I try to maintain that innocent approach, I try to maintain that innocent intuition that will tell me what to do next as an artist and that is something that I had to tell myself after I come back from the “Ghostlight” tour, that I need to focus on what I have in me instead of focusing on what the public demands to get out of me. You need to jump in the deep end as a musician, to fulfill your dreams, you need your dreams to come out and fight for them, and that’s what I do. In the end, I haven’t done the Avantasia, back in 1999, there would be no “The Metal Opera”, of course no “The Scarecrow”, but I could not have written “Hellfire Club”, I could not have written “Mandrake”. The two “The Metal Opera” albums were so important to me because they made me mature, as a musician, as a band leader, as somebody who dares to take responsibility and jump in the deep end, and jump into the cold water, rolls up his sleeves and just does things and works hard. To me that was a very, very healthy experience and if you ask the question “did I think that Avantasia would be here today with eight albums?” I would say no! I don’t know what is gonna happen in twenty years, I can’t tell you. I don’t know if there’s gonna be Avantasia or Edguy in twenty years, maybe I will be a mountain climber or I can promise you I won’t be a professional football player in twenty years. I don’t know what life has in store for me but I don’t wanna make a schedule, I don’t even know what’s gonna happen in two years, it’s the excitement of being a musician and it’s great to have those two bands and to do those things with them but you can never know what is in twenty years. I’m just thankful that things have turned out the way they are.

 

avantasiaintevista201903
 

 

 

---ITA---

 

Dopo "The Mystery Of Time" e "Ghostlights" ritorni con un nuovo concept album. Quale storia volevi raccontare con "MoonGlow"?

Volevo scrivere testi personali. Volevo trovare un concetto che mi desse la possibilità di creare un mondo che trascinasse l'ascoltatore lontano dalla realtà, un mondo fantastico, per così dire, ma allo stesso tempo volevo avere un ambiente fantastico che mi avrebbe dato la possibilità di esternare i miei sentimenti e i miei pensieri. Sono riuscito ad ottenere quella visione e ho creato un concetto ispirato alla grande rinascita vittoriana del romanzo gotico. Ho creato un’ambientazione vittoriana fantastica e l'album stesso è un concept album su una creatura disadattata, un essere che viene creato e gettato in un mondo in cui non appartiene e non trova un attaccamento emotivo a quell'ambiente e non riesce davvero a trovare il proprio posto in quel mondo di audaci e belli e, poiché non può affrontare la realtà, fugge nelle tenebre per essere invisibile, per aprire una porta verso un mondo parallelo, verso il proprio mondo, verso la propria immaginazione. Questo argomento mi ha dato l'opportunità di scrivere su me stesso! Hahaha (ride, ndr.) Quindi, questo è praticamente il concetto e penso che siano alcuni dei testi più personali che ho scritto nella mia vita. Voglio dire, scrivo sempre i testi personali ... non è vero, in realtà, ma lo faccio in modo molto personale.

Che tipo di paesaggio musicale volevi rappresentare nel nuovo album?

Volevo scrivere musica, tutto qui. Non ho spinto in una certa direzione, non lo faccio mai. Per me, scrivere musica è molto, molto innocente, o dovrebbe essere, almeno per me, un processo molto innocente, lasciare emergere ciò che hai in te stesso, basato sull'intuizione. Ho iniziato l'album credo all'inizio del 2017 o alla fine del 2016, quando sono tornato dal tour di "Ghostlights" e volevo rallentare un po’ perché sentivo che dovevo rallentare il mio ritmo. Tutti gli altri sembravano sapere cosa avrei fatto dopo, nell’immediato. Solo io non lo sapevo e mi sentivo spaventato che tutti sapessero cosa avrei fatto dopo. Così ho rallentato e ho costruito il mio studio personale dove ho lavorato sulla musica che alla fine è diventata il mio album solista, ma poi ho capito che ho già un progetto solista e si chiama Avantasia e ha i migliori musicisti. Aveva il sound degli Avantasia, quindi ho detto "OK, questo sarà un disco degli Avantasia" e ho continuato a scrivere e produrre il tutto ed è uscito un nuovo album che credo sia un grande album. È davvero difficile per me analizzare quale sia la differenza tra questo album e l'album precedente. Sono nuove canzoni. Hahaha (ride, ndr.) È anche, posso dire, un po’ più impreziosito perché ci è voluto così tanto tempo prima che lo consegnassi. Ho avuto tutto il tempo del mondo ed è stato fantastico. È stato incredibile per la prima volta nella mia vita non avere scadenze, non avere nulla. Ho lavorato ad un ritmo letale negli ultimi 20 anni e per la prima volta è stato un ritmo rilassante.

Hai appena parlato della natura impreziosita di "Moonglow". Hai detto nelle note di rilascio che "Qualcuno nel settore musicale mi ha appena detto che la natura impreziosita dal suono rende difficile la sua commercializzazione, [che] non si adatta al panorama musicale contemporaneo, e se dai un'occhiata in giro, nessuno suona davvero così ". Cosa c'è di sbagliato in un suono impreziosito?

Sai, non penso che ci sia qualcosa di sbagliato in un suono impreziosito, lo adoro, mi piace prestare attenzione ai dettagli, ma l’attitudine all’ascolto nel 21° secolo è diversa. Le cose devono essere audaci, massicce e impressionanti e capisco perfettamente cosa intendesse questo tizio quando me lo ha detto, ma ho la sensazione che le cose debbano essere molto ovvie e le cose debbano essere impressionanti al primo ascolto, le cose devono essere impressionanti dopo 20 secondi. Se ascolti una canzone su un servizio di streaming, su una piattaforma di streaming, se rimani sulla canzone per più di 20 secondi significherà che ufficialmente la canzone viene calcolata come se fosse stata ascoltata. Quindi, dopo 20 secondi hai sentito la canzone. Questo è statisticamente il modo in cui Spotify e le altre piattaforme di streaming funzionano. Non so se sono 20 secondi o 30 secondi, ma è solo un paio di secondi che devi ascoltare. Questo dice tutto sulla nostra industria musicale: le cose devono essere accessibili molto facilmente e non c'è molto spazio per la sottigliezza, questo è ciò che intendo. Non voglio essere solo appariscente! Certo, adoro essere stravagante quando salgo sul palco e amo creare qualcosa di ancora più grande, esagerando le cose, musicalmente. È un qualcosa che amo fare. Ma allo stesso tempo, lascio un po’ di spazio alla sottigliezza, a piccoli nuovi tocchi. Penso che l'industria moderna dell'intrattenimento non lasci molto spazio a nuove idee. Tutto deve essere rumoroso, fastidioso e impressionante dopo 5 secondi. Questo è tutto.

Pochi minuti fa, hai detto che l'album è ispirato all'età vittoriana. Cosa ti affascina di quel periodo?

Non ne ho idea! Hahaha (ride, ndr.) Sai, amo davvero l'Inghilterra, amo gli edifici storici, amo le atmosfere intense, amo l'atmosfera dei luoghi. Mi sento molto, molto calmo quando sono in Inghilterra, quando sono seduto in un vecchio pub e guardo fuori in strada e vedo edifici vittoriani e bevo un bicchiere di birra. Guardo fuori dalla finestra e posso scrivere. Tutto questo mi ispira. Ho davvero bisogno di un certo ambiente per entrare in un determinato stato d'animo. L'ambiente ha un impatto molto, molto forte sulla mia abilità di comporre e sulla mia scrittura. In questo momento sono seduto di fronte a un'enorme scrivania vittoriana nel mio studio, sto guardando un quadro di un pittore vittoriano, John Atkinson Grimshaw, appeso sopra il mio pianoforte. Mi piacciono le cose storiche, mi piacciono le antichità, mi piacciono gli edifici storici, mi piacciono i film storici, penso che stimoli la mia immaginazione. Forse sta romanticizzando un'epoca diversa, ma per me c'è qualcosa di romantico nell'architettura dell'epoca vittoriana, riguardo i sui mobili, le storie che sono state scritte in quel periodo, mi piacciono gli scrittori di quell'epoca. Ma cosa sia esattamente non riesco a dirtelo!

 

avantasiaintevista201904
 

 

Hai appena citato John Atkinson Grimshaw. Sono un grande fan del suo lavoro. Cosa ti affascina dei suoi dipinti?

Di nuovo, non ne ho idea! Mi piacciono i dipinti al chiaro di luna, mi piace la luna, mi piace la notte, mi piace che ci sia qualcosa di misterioso, qualcosa di magico riguardo alla luna, riguardo ad un castello illuminato dalla luna, una foresta illuminata dalla luna, una vecchia casa storica illuminata dalla luna, una sagoma al chiaro di luna di un albero in inverno. Non so perché, ma è misterioso ed è grottesco ed è bellissimo ed è magico. Sai, è molto divertente perché ogni volta che siamo al lavoro sull'immagine di copertina, do delle istruzioni. E se dai un'occhiata alle nostre copertine, degli Avantasia, il secondo ha una luna, ci sono sempre edifici storici, torri storiche o abiti storici o la luna o della neve. Le nostre copertine sono sempre un po’ misteriose e grottesche. Mi piace l'aspetto misterioso della nostra esistenza, un aspetto che mi attrae di più dell’aspetto superficiale, bello, frivolo e tradizionale alla luce del giorno.

Questa volta avete tre nuovi cantanti ospiti. Hansi e Mille sono di famiglia, per te, quindi la partecipazione di Candice Night è la vera grande sorpresa di questo nuovo album. Come è nata questa collaborazione?

Avevo la canzone "Moonglow" ed era completamente scritta e avevo una voce nella mia mente. Quando l'ho scritta, non sapevo chi avesse quella voce, sapevo solo che aveva bisogno di un certo tipo di voce, e poi ho scoperto che è il tipo di voce che ha Candice Night. Allora gliel’ho chiesto e lei ha ascoltato la canzone e ha immediatamente accettato dopo aver ascoltato la canzone. Era una dimostrazione o prova per me che lei lo pensava davvero, che voleva davvero cantare quella canzone e questo mi ha fatto felice. L’ha registrata in uno studio a New York e ha fatto una straordinaria performance magica, molto, molto fantastica. Questa è praticamente la storia a riguardo.

Alla fine dell'album troviamo la cover di "Maniac" di Michael Sembello. Cosa ti ha fatto scegliere questa canzone?

Hahaha (ride, ndr.) Mi è sempre piaciuta quella canzone e ho pensato "wow, questa dovrebbe essere una canzone rock, dovrebbe essere una canzone rock davvero pesante, con chitarre pesanti e batteria veloce". Così ho detto "Sasha, facciamone una cover version". E Sasha ha detto "No! È stato fatto così tante volte! ". E ho detto "Non mi interessa, non lo faccio per l’album, lo faccio solo per me stesso, non dobbiamo nemmeno usarla. Facciamolo e basta Fammi il favore. Produciamo questa canzone ". Abbiamo fatto una demo e l'abbiamo terminata e abbiamo avuto la sensazione che quella su cui stiamo lavorando è forse una grande canzone e una versione davvero fantastica e ho pensato "Ok, se abbiamo un partner per un duetto e io non devo cantarla da solo potrebbe essere una perfetta canzone per gli Avantasia". Quindi abbiamo recuperato Eric Martin e quando l’abbiamo completata era ovvio che questa canzone doveva essere inserita nell'album. Anche perché era una canzone diretta e abbiamo già così tante canzoni lunghe sul disco, quindi abbiamo pensato che fosse una buona opzione per controbilanciare le cose più sofisticate dell'album. L'abbiamo fatto e l’abbiamo messa sull’album. Non ha molto senso dal punto di vista della storia, ma, sai, lo scopo dell’heavy metal non è quello di avere senso, ha a che fare con la gioia di suonare la musica, di suonarla a volume alto. È davvero ok averla nell'album.

Non è la prima volta che delle canzoni cover appaiono negli album degli Avantasia o degli Edguy. Qual è il rapporto di Tobias Sammet con le cover?

Una buona canzone è una buona canzone, non importa chi l'abbia scritta. Sono sempre stato entusiasta delle canzoni degli altri nei dischi. In "Angel Of Babylon" c'era una canzone che ha scritto Sasha. Non ho problemi con le cover. Penso che sia un modo molto, molto buono di giocare. Voglio dire, a volte puoi fare una dichiarazione attraverso di esse, per esempio come abbiamo fatto con gli Edguy quando abbiamo fatto "Hymn" sull'album "Vain Glory Opera". Era una dichiarazione artistica. Abbiamo preso una canzone pop e l’abbiamo trasformata in una canzone heavy metal o rock. È molto interessante se senti qualcosa su una canzone che non è necessariamente ovvia nella versione cover, ma può sempre essere anche una gioia pura. Questo è stato il caso, ad esempio, di "Lay All Your Love On Me" o "Dancing With Tears In My Eyes" o "In My Defense" o ora "Maniac". Era pura gioia, un omaggio all'originale.

 

avantasiaintevista201905
 

 

Per la prima volta nella tua carriera hai lavorato ad un album senza contratto e senza che un'etichetta discografica ti mettesse fretta. Quali sono stati gli aspetti positivi e negativi di questa esperienza?

Non ci sono stati aspetti negativi! Era pura, pura gioia. Per la prima volta nella mia vita ho assunto un avvocato per prendermi il contratto discografico che non dovevo trovare da solo, ho assunto qualcuno, quindi mi sono allontanato un po’ dal mondo della musica, in un certo senso, e mi sono solo focalizzato sulla mia musica! Naturalmente, sono andato ad Amburgo per produrre i cori con Sasha, sono andato a Francoforte per lavorare con Geoff Tate, sono andato a Würzburg per lavorare con Jorn Lande, sono andato in Inghilterra molte volte per comporre e registrare alcune delle cose, ma in generale, lavorando alla tua velocità, a casa, senza che nessuno ti spinga, nessuna etichetta discografica, nessuna agenzia di booking che dice "abbiamo prenotato un tour, devi fare in fretta", nemmeno i compagni di gruppo che dicono "abbiamo bisogno di un nuovo album, il nostro frigorifero si sta svuotando ". Ho reso chiaro che non posso soddisfare le aspettative di nessun altro, devo lavorare alla mia velocità. E una volta che lo fai e vai nel tuo seminterrato per una canzone e passi tre o quattro ore, lavorando su un passaggio di tastiera solo alla tua velocità, è la cosa più grande possibile. Sei seduto lì, a volte avevo un bicchiere di vino rosso e io ero seduto lì e il tempo si fermava. È un mondo diverso e questo è molto importante per me, potevo andare lì ogni volta che volevo, posso andare lì nel mezzo della notte, in mattina, nel pomeriggio, ogni volta che avevo idee su cui lavorare, quando le scintille volano, quando lo spirito vola, posso andare lì e lavorare.

Alla fine hai scelto la tua solita etichetta discografica, Nuclear Blast. Quale è la ragione di questa scelta?

Penso che sia stata una delle migliori offerte e penso che tutto sommato fosse il miglior pacchetto. Come ho detto ho assunto un avvocato che ha anche valutato tutto per me e mi ha aiutato con la decisione. Avevamo un paio di offerte serie e valide con cui avrei potuto vivere, ma alla fine ho pensato che volessero davvero tenermi e volevano davvero lavorare con me ed è quello che ho pensato. La distribuzione in tutto il mondo, il modo in cui capiscono la band, anche le cose monetarie, tutto ciò insieme è stata la decisione migliore da prendere.

Complice la crisi economica, i fan non possono sempre permettersi di comprare i biglietti per vedere i concerti dei loro idoli, specialmente qui in Italia dove spesso le arene non sono piene. Ma Avantasia e Edguy si fermano sempre in Italia, specialmente nell'area milanese, tra Alcatraz e Live Club. Cosa ti motiva a tornare da queste parti?

Perché ci piace! Hahaha (ride, ndr.) Questa è la risposta più semplice, ma non è questo il motivo! È solo che ci piace, personalmente mi piace la mentalità, mi piace il paese, mi piace il cibo italiano, non c'è motivo per non andare in Italia. Siete quasi i nostri vicini, c'è solo l'Austria schiacciata lì in mezzo! Hahaha (ride, ndr.) Quindi siamo quasi dei vicini, mi piace proprio! È sempre stato bello lì, siamo sempre stati accolti a braccia aperte. Ricordo la prima volta che andammo in tour con gli Iron Savior nel 1998. Penso che il più grande spettacolo che abbiamo suonato sia stato in Grecia e poi siamo andati sul tour bus e il più grande spettacolo che abbiamo suonato sul tour bus è stato a Biella, vicino a Torino. E ricordo che è stato uno spettacolo incredibile perché la folla ci ha trattato come se fossimo una buona band! Hahaha (ride, ndr.) Eravamo davvero dei pivelli, non ne sapevamo molto, ma i fan lo hanno reso così facile per noi. Ed è per questo che da allora l'Italia è sempre stata inserita nei nostri programmi dei tour. È un peccato che non ci siano così tanti festival in Italia. Mi piace l'Italia, è fantastica, è un paese fantastico, persone meravigliose e grandi appassionati heavy metal.

Venti anni fa, hai creato il progetto Avantasia. Cosa rappresentava questa idea per te in quel momento? Negli ultimi venti anni ha cambiato il suo valore?

Quando l'ho iniziato, era solo per me perché sentivo che avevo bisogno di uscire e fare qualcosa che era fuori dall'ordinario. Avevo idee ma non potevo realizzarle con gli Edguy, e poi ho iniziato gli Avantasia e tutti pensavano che fossi pazzo, gli esperti di business, pensavano che "nessuno ha bisogno dell'opera rock solista di Tobias Sammet, è troppo ambizioso", ma ne avevo bisogno per me stesso e ho colto l'occasione. Ho già detto allora "se non ha successo non mi interessa davvero, ho bisogno di farlo, ho bisogno di realizzare i miei sogni". Volevo imparare, volevo testarmi. È stata una grande sfida per me allora, lavorare ed essere la forza trainante di tutti questi artisti leggendari che avevano molta più esperienza di me. Ho preso la responsabilità per il chitarrista dei Gamma Ray, il bassista degli Helloween, il batterista degli Angra e all'improvviso c'erano Kai Hansen, Michel Kiske, Rob Rock e Andre Matos, Eric Singer e Sharon Den Adel, tutte queste persone fantastiche che avevano così tanta esperienza ed io ero al comando. Mi ha messo molta pressione, ma l'ho fatto, e avevo bisogno di farlo per uscire dalla mia routine, fare qualcosa di nuovo, fare qualcosa che fosse imprevedibile, che mi avrebbe sorpreso. Non mi aspettavo che diventasse ciò che è ora, ma credo che fosse un approccio molto, molto innocente e cerco di mantenere quell'approccio innocente, cerco di mantenere quell'intuizione innocente che mi dirà cosa fare dopo come artista e questo è qualcosa che ho dovuto dire a me stesso dopo il mio ritorno dal tour di "Ghostlight", che ho bisogno di concentrarmi su ciò che ho in me invece di concentrarmi su ciò che il pubblico vuole ottenere da me. Hai bisogno di metterti in gioco come musicista, di realizzare i tuoi sogni, hai bisogno di dare vita ai tuoi sogni e devi combattere per loro, ed è quello che faccio. Alla fine, se non avessi creato gli Avantasia, nel 1999, non ci sarebbe stata "The Metal Opera", ovviamente nessun "The Scarecrow", ma non avrei potuto scrivere "Hellfire Club", non avrei potuto scrivere "Mandrake". I due album di "The Metal Opera" erano così importanti per me perché mi hanno fatto maturare, come musicista, come band leader, come qualcuno che osa assumersi la responsabilità e mettersi in gioco, e tuffarsi nell'acqua fredda, arrotolarsi in su le maniche e dedicarsi solo alle cose e lavorare sodo. Per me è stata un'esperienza molto, molto sana e se mi fai la domanda "ho pensato che gli Avantasia sarebbero qui oggi con otto album?" Ti direi di no! Non so cosa succederà tra vent'anni, non posso dirtelo. Non so se ci saranno gli Avantasia o gli Edguy tra vent'anni, forse sarò un alpinista o posso prometterti che non sarò un calciatore professionista tra vent'anni. Non so cosa mi riservi la vita ma non voglio programmarla, non so nemmeno cosa succederà fra due anni, è l'eccitazione di essere un musicista ed è fantastico avere queste due band e fare quelle cose con loro ma non puoi mai sapere cosa succederà tra vent'anni. Sono solo grato che le cose siano andate come sono.




LiveReport
Archive - 25th Anniversary Tour - Roma 03/12/19

LiveReport
Alter Bridge, Shinedown, The Raven Age - "Walk The Sky" Tour 2019 - Assago (MI) 02/12/19

Intervista
The Low Anthem: The Low Anthem

Speciale
Music Industry e innovazione tecnologica: la blockchain come strumento per rivoluzionare il mercato

Speciale
Alter Bridge: la nostra top 20

Speciale
Pink Floyd “The Later Years 1987-2019”