Jack Savoretti - Singing To Strangers Tour 2019
19/04/19 - Atlantico, Roma


Articolo a cura di Federico Falcone
A un anno di distanza dall'ultima esibizione capitolina (in quel del teatro dell'Opera), l'Atlantico di Roma ha accolto il ritorno di Jack Savoretti. Al secolo Giovanni Edgar Charles Galletto Savoretti, inglese di nascita ma italiano di origini, per sua stessa ammissione ama definirsi più scrittore che musicista, fin da quando, a 17 anni, si trasferì a Londra per dare sfogo alla sua vena creativa. Dopo aver girato il mondo per proporre la propria musica, esibendosi ovunque fosse possibile, dai pub alle osterie, ha finalmente trovato la consacrazione tanto ambita, grazie anche a una serie di brani capaci di fare breccia nel cuore del pubblico internazionale.

Il ritorno a Roma coincide con la pubblicazione di "Singing To Strangers", full-length uscito meno di due mesi fa e che risulta essere già tra gli album più venduti in Inghilterra, mercato tutt'altro che facile. Il compito di aprire lo show, in qualità di special guest dell'intera tournée italiana, è stato affidato alla cantautrice italo-nigeriana Afra Kane, il cui stile, frutto di una interessante fusione di musica classica, soul e jazz, ispirato ad autori come Al Green, Gladys Knight, Aretha Franklin e Otis Redding, ha scaldato a dovere la platea che man mano andava prendendo posto in sala.

 

savorettireportint

 

Dopo un breve cambio di palco fa il suo ingresso l'headliner della serata, palesemente emozionato nel trovarsi di fronte a una platea di "compaesani". Apre il set "Candlelight", primo estratto dal nuovo album. Atmosfere vintage, tipiche della melodia italiana anni '60, e rimandi alla celebre colonna sonora del film "Il Padrino", fanno si che il brano, di facile memorizzazione, venga accolto e acclamato a gran voce. Seguono "Love Is On The Line" e "Dying For Your Love", brani di fresca pubblicazione che mettono subito in chiaro l'intenzione di Savoretti: proporre per intero al pubblico italiano il nuovo lavoro. I fan sembrano gradire le nuove composizioni ed ecco che vengono suonate anche "Better Off Without Me" e "What More Can I Do". Prima parte della setlist totalmente dedicata al nuovo album, quindi.

Nel suo italiano perfetto e per niente claudicante, Mr Savoretti spiega la scelta di registrare "Singing To Strangers" a Roma: "questa città mi rievoca numerosi ricordi e grazie alla musica che ascoltavo da piccolo con mio padre ho potuto dedicarmi a questa professione. Devo molto all'Italia, alla sua musica anni '60 e '70, e a Roma". Vengono eseguite "Ancora Tu", cover di Lucio Battisti, l'applauditissima ballata "Soldier's Eyes", e due tra le sue hit più famose: "Catapult" e "Home", quest'ultima cantata a gran voce dai presenti in sala (non molti, purtroppo). La sua voce ruvida, malinconica e ricca di atmosfere, strappa applausi a ogni fraseggio. Il sound proposto dall'artista anglo-italiano è carico di contaminazioni, narrante vari tipi di amore, gli stessi incontrati nella sua vita di giramondo con la chitarra sulle spalle, quasi fosse uscito da un libro di Jack Kerouac. Si torna a respirare aria nuova ed ecco che trovano spazio in scaletta anche "Singing To Strangers", "Youth And Love" e "Greatest Mistake" il cui incipit o è un tributo a "Profondo Rosso" dei Goblin oppure... è un tributo a "Profondo Rosso" dei Goblin.

A questo punto del concerto, ormai tendente alla fine, ci si trova inevitabilmente a riflettere sulla setlist dello show, pesantemente sbilanciata in favore dei nuovi pezzi (come è giusto che sia, d'altronde, essendo un tour con promozionale a essi) che, però, pur lasciandosi ascoltare con piacere, non convincono del tutto. In sede live è particolarmente evidente la differenza di personalità tra le canzoni più datate e queste ultime, le quali, spiace dirlo, in alcune fasi risultano essere impersonali e scritte appositamente per lanciare l'artista alla conquista di un mercato più ampio. Impressione condivisa dai più che, però, non incide minimamente sulla qualità di un'esibizione di spessore, carica di suggestioni, di atmosfere, di amore e passione per la musica e per la vita. La stessa che Jack mette in ognuno dei suoi brani. Concerto emozionante, non c'è che dire.




LiveReport
Muse - "Simulation Theory" World Tour - Milano 13/07/19

LiveReport
Rock The Castle 2019 - Day 3: Slayer and more - Villafranca di Verona 07/07/19

LiveReport
Rock The Castle 2019 - Day 2: Slash feat Myles Kennedy & The Conspirators and more - Villafranca di Verona (VR) 06/07/19

LiveReport
Rock The Castle 2019 - Day 1: Dream Theater and more - Villafranca di Verona (VR) 05/07/19

LiveReport
Toto - 40 Trips Around The Sun Tour - Roma 04/07/19

Speciale
ESCLUSIVA: scopri "Sacrilegious", il nuovo singolo degli Sharks In Your Mouth