Placebo - Live @ Milano City Sound
22/07/14 - Ippodromo del Galoppo, Milano


Articolo a cura di Gabriella D'Auria
Tornano i Placebo, e lo fanno alla grande portando in tutta Europa il loro ultimo album “Loud Like Love”. Quella di Milano è stata la prima data di un mini tour italiano di due tappe, con l’Ippodromo del Galoppo stipato all’inverosimile da un pubblico adorante che non si è fatto scoraggiare dalla minaccia di pioggia e dal fango.
 

In apertura si sono presentati gli spagnoli L.A. I pezzi proposti nella mezz'ora a loro disposizione sono presi dal primo album “Dualize” pubblicato nel 2013; esecuzione apprezzata dal pubblico, ben disposto ad ascoltare un gruppo pressoché sconosciuto in Italia. A presto ragazzi, speriamo di vedervi quanto prima in un tour tutto vostro. Nel frattempo un pubblico eterogeneo di persone si sta riversando all'interno del City Sound Milano: ci aspettavamo persone di un certo tipo, ma con nostro sommo piacere ci siamo ritrovati circondati da gente di tutti i tipi, dall'alternativo al dark, dallo studente in Erasmus all'impiegato in giacca e cravatta appena uscito dall'ufficio (tipico dei concerti milanesi), anche qualche famiglia ad accompagnare i figli adolescenti. Insomma, già si sapeva ma con i Placebo abbiamo avuto la conferma che i preconcetti vanno a farsi un bel giro e i benvenuti sono la libertà di espressione e la voglia di vivere come meglio si crede.

Poco dopo le 21.15 (con un leggero ritardo per permettere alle numerosissime persone ancora in coda di entrare) si accendono le luci e inizia il concerto. Due maxi schermi ai lati del palco per consentire veramente a tutti di potersi godere appieno lo show e monitor sul fondo palco che proiettano immagini: con questa scenografia minimalista compaiono, strumenti in mano, i Placebo. La band si presenta con una formazione graditissima: fra i boati del pubblico entrano Brian Molko alla chitarra e voce (leader indiscusso della band, capace di incantare tutti con i suoi occhi magnetici), Stefan Olsdal al basso (con un look da bello e dannato notato dalla maggior parte del pubblico femminile... e non solo), Steve Forrest alla batteria (bello come il sole e sempre più tatuato). Ad accompagnare la band Fiona Brice (violino, tastiera e cori) e Nick Gavrilovic (chitarra), che hanno anche contribuito in studio alla realizzazione di “Loud Like Love”. Nessun saluto iniziale, parte subito “B3”: pubblico in delirio, l'Ippodromo salta all'unisono e già abbiamo chiaro che questo concerto rimarrà scolpito a lungo nella memoria di tutti i presenti.

 

placebo_rm_14_09_600_02

 

Finalmente Molko saluta gli astanti: il classico in italiano “CIAO MILANO, GRAZIE MILLE”, detto con un accento quasi perfetto (bravo Brian, si vede che hai studiato!) e in inglese: “Noi siamo i Placebo da Londra, e veniamo in pace!”. Grida e delirio collettivo invadono l'arena, e il concerto prende subito il via. Quindici canzoni suonate di fila, interrotte solo dai numerosi ringraziamenti di Molko per l'affetto e la dedizione dimostrati dal pubblico, che ha cantato ogni singola canzone senza perdersi nemmeno una strofa. La tracklist copre quasi tutta la discografia dei Placebo; unica pecca la mancata esecuzione di pezzi tratti dal primo album omonimo. Piccola delusione per i fan della prima ora, per quelli che ascoltano i Placebo da quasi vent'anni. Il gruppo è però riuscito a farsi perdonare suonando brani vecchi e nuovi, in un mix perfetto che ha coinvolto veramente tutti sia sugli spalti che nel parterre.
Si ricomincia con “For What It’s Worth” per passare a “Loud Like Love”: davvero suggestivo il ritornello cantato da tutti, con Brian Molko visibilmente soddisfatto.

 

Si torna al passato con “Allergic (to Thoughts of Mother Earth)” e “Every You, Every Me”, per poi fare un nuovamente un tuffo nel futuro. Questi “salti nel tempo” sono davvero piaciuti, tant’è che al pubblico non è parso vero di sentire “Song to Say Goodbye” seguita subito dopo da Special K”. Il concerto sembra quasi chiudersi con “The Bitter End”, ma lo sentivamo nell’aria che si trattava solamente di una pausa, preludio di altri venti minuti di concerto.

 

Non poteva mancare “Running Up That Hill”, cover del famosissimo brano di Kate Bush: versione molto dark e seducente, che ha fatto brillare gli occhi a quella parte di pubblico non più giovanissimo. Bellissimo sentire i genitori spiegare ai figli chi sia Kate Bush e quanti anni abbia questa canzone.

 
placebo_rm_14_10_600_02

Spendiamo una nota in più per Fiona Brice: il suo violino elettrico e la sua presenza scenica hanno dato un tocco in più al concerto. Più di una volta Molko si è inginocchiato davanti a lei per esaltare la sua figura e la sua bravura.
 
Chiude il concerto “Infra-red” e, come vuole la migliore tradizione, la band si riunisce sul palco per salutare il pubblico. Tutti in fila, mano nella mano e inchino di ringraziamento: i Placebo ci hanno donato uno spettacolo meraviglioso che speriamo di poter riavere presto in Italia, vista la grande partecipazione e il forte sentimento lasciato nei cuori di tutti.
 
 
Tracklist

B3
For What It’s Worth
Loud Like Love
Allergic (to Thoughts of Mother Earth)
Every You, Every me
Scene of the Crime
A Million Little Pieces
Rob the Bank
Too Many Friends
Space Monkey
One of a Kind
Exit Wounds
Meds
Song to Say Goodbye
Special K
The Bitter End
Begin the End
Running Up That Hill
Post Blue
Infra-red



Recensione
Alter Bridge - Walk The Sky

LiveReport
Volbeat - Rewind, Replay, Rebound World Tour - Milano 14/10/19

LiveReport
Pixies - UK & Europe Tour 2019 - Bologna 11/10/19

Recensione
Nick Cave & The Bad Seeds - Ghosteen

Videointervista
Lacuna Coil: Cristina Scabbia, Andrea Ferro

Recensione
Lacuna Coil - Black Anima