Tears For Fears - Rule The World European Tour 2019
09/07/19 - Auditorium Parco della Musica, Roma


Articolo a cura di Simone Zangarelli
1990. Questa l'ultima apparizione dei Tears For Fears al completo nella Capitale, prima di sciogliersi qualche mese più tardi. La frustrazione provocata dallo scarso successo di "The Seeds Of Love", sul quale l'investimento in termini di tempo, denaro ed energie fu il più grande della loro carriera, provocò il definitivo allontanamento di Roland Orzabal (compositore, chitarrista, voce) e Curt Smith (voce e basso). Mentre il primo portò avanti il nome della band come unico membro fondatore pubblicando altri due album, il secondo intraprese una modesta carriera solista. Era il segno che il synth pop di matrice new wave non stava più funzionando. Non a caso furono anche gli anni del fallimento commerciale di "Spirit Of Eden", capolavoro dei Talk Talk rivalutato negli anni successivi. Il copione fu più o meno lo stesso: due band di grande successo, stesso genere musicale, che provano ad uscire dagli schemi con il disco più ambizioso e sperimentale della loro carriera e poi il declino commerciale, la separazione. Senza entrare nella questione del giudizio del pubblico, il tempo non è stato clemente con la band inglese, passata dai vertici delle classifiche mondiali all'oblio. Il revival anni '80 scaturito da Internet, la celebre cover di "Mad World" di Gary Jules e il ripristino dei rapporti tra i Orzabal e Smith diede impulso alla seconda vita della band. Un nuovo album nel 2004 e la pubblicazione di rarità, b-sides e due inediti. Finalmente arriva il tour a sostegno della raccolta "Rule The World: The Greatest Hits", iniziato lo scorso anno, che ha già fatto tappa a Milano e Padova in inverno, ma che approda finalmente all'Auditorium Parco della Musica per la kermesse Roma Summer Festival. Un viaggio lungo e ricco di peripezie ha riportato il duo inglese nella Città Eterna dopo quasi trent'anni.
 
tears_for_fears_567
 

Quando si spengono le luci della cavea ed entrano in scena i Tears For Fears, la sensazione è gioia di essersi ritrovati. Introdotti dalla versione di "Everybody Wants To Rule The World" cantata da Lorde (l'eredità della band coinvolge trasversalmente le generazioni), si inizia con l'originale e l'entusiasmo è incontenibile. Salta subito all'orecchio la conformità con la versione in studio, merito anche di musicisti eccellenti: Charles Pettus alle sei corde, Doug Petty alle tastiere, Jamie Wollam alla batteria e Carina Round ai cori. Le voci del duo dimostrano ancora una buona tenuta seppur con qualche imperfezione ma la sostanza rimane invariata, mentre l'acuto di Orzabal va anche a rimpiazzare le parti di sassofono. Dopo "Secret Love", unica canzone moderna del repertorio, si prosegue con una magnifica "Sowing The Seeds Of Love" in tutta la sua epicità: quel seme pop progressivo piantato con "Song From The Big Chair" dell''85 fiorisce rigoglioso nell'album dell'89, che diede tra i suoi frutti migliori "Advice For The Young At Heart", "Badman's Song" e altre, fortunatamente incluse in scaletta. Trattandosi del "Rule The World Tour", la setlist è un best of della band inglese con sommo piacere dei presenti che ad ogni attacco sobbalzano in un grido di entusiasmo. Non poter ballare è una tortura durante "Pale Shelter", gli arpeggi filati e puliti creano quell'incanto che è il marchio di fabbrica dei Tears, la precisione di Wollam alle pelli è straordinaria, la pulizia negli stacchi crea l'effetto di incastro perfetto su cui si sorregge l'intero pezzo. La dance di "Break It Down Again" ci fa capire che ogni strumento è calibrato alla perfezione sia nel suono che nella composizione, condita di quella componente pop allettante.

 

 

tears_for_fears_567_lr
 

 

Lezioni su come usare il pulito della chitarra vengono dalla già citata "Advice For The Youg At Heart", un calderone di emozioni che contiene tutta la drammaticità della romantic wave che rivela (se ancora ce ne fosse bisogno) la tecnica dei 6 musicisti. La coda onirica trascina verso la meravigliosa "Woman In Chains". A questo punto l'emozione esplode: qualche imprecisione di Orzabal vale comunque alla performance il titolo di migliore ballad dell'intero set, con una prova vocale impeccabile da parte di Carina Round, a cui spetta l'arduo compito di sostituire Oleta Adams. Un diamante dalle mille sfaccettature, altare e contraltare che si alternano in una danza melodica mentre intorno a loro le dinamiche crescono fino a esplodere: "So free her". La coda rivisitata inserisce il riff di basso iniziale. Curt Smith cerca il contatto con il pubblico e, finalmente, invita ad alzarsi e ballare sulle note di "Change", quando il vero cambiamento si fa sentire. Le parti sono ben organizzate, l'equilibrio e la misura la fanno da padrone in questo rock degli esordi per il duo britannico. E ancora "Mad World" è entusiasmo incontenibile, quella componente oscura e vorticosa che accosta la musica dance alla malinconia è una delle conquiste del synth pop di quattro decenni fa, e durante la serata rivive come se non fosse mai tramontato. La cover di "Creep", dedicata alla fidanzata di Orzabal, mette i brividi per come riesce a rappresentare in pieno lo spirito dei Radiohead senza sfigurare rispetto all'originale. Tra i momenti più alti del concerto sicuramente "Badman's Song" ricopre un ruolo di rilievo: tutta l'anima jazz del gruppo si concretizza negli incastri perfetti, nelle sincopi inaspettate e negli assoli di chitarra stile anni '60. Una chiusura perfetta per un concerto purtroppo breve (1 ora e 45 minuti) con "Head Over Heels" e l'encore con una "Shout" febbrile e dark che ancora risuona nelle orecchie dei quasi 4000 presenti.

 

 

tears_for_fears_567_lr_1
 

 

Il tempo sembra non aver intaccato le cose più preziose per i Tears For Fears: la voglia di suonare insieme e il senso di trasmettere un'eredità artistica di tutto rispetto. Canzoni dal sound vintage ma ancora attuali per la loro forza rappresentativa, pionieristiche per aver influenzato le generazioni più moderne. Il pubblico è felice di essersi riunito, c'è il metallaro appassionato di musica e lo spettatore adulto che con quelle canzoni ha rivissuto la propria adolescenza. Smith e Orzabal ci hanno insegnato che si può litigare, si può essere delusi, frustrati, arrabbiati, ma in fin dei conti, quando si è costruito qualcosa di così grande insieme, vale sempre la pena tendere la mano.

Setlist:  

Everybody Wants to Rule The World
Secret World
Sowing the Seeds of Love
Pale Shelter
Break It Down Again
Advice for the Young at Heart
Woman in Chains
Change
Mad World
Memories Fade
Suffer the Children
Creep
Badman's Song
Head Over Heels / Broken
Encore:
Shout 




Recensione
Alter Bridge - Walk The Sky

LiveReport
Volbeat - Rewind, Replay, Rebound World Tour - Milano 14/10/19

LiveReport
Pixies - UK & Europe Tour 2019 - Bologna 11/10/19

Recensione
Nick Cave & The Bad Seeds - Ghosteen

Videointervista
Lacuna Coil: Cristina Scabbia, Andrea Ferro

Recensione
Lacuna Coil - Black Anima