Tenacious D: Post-Apocalypto Tour 2020
19/02/20 - Lorenzini District, Milano


Articolo a cura di Federico Barusolo
"La più grande band della Terra" - questo il titolo a lungo sfoggiato dai Tenacious D - è in città e nessuno vuole perdersela. Non per niente, l'affollamento registrato già in orario di apertura al Lorenzini District di Milano lascia presagire una serata da (quasi) tutto esaurito per una strana coppia che ha dedicato la propria carriera al concetto nudo e puro di rock.


Per restare in tema, l'apertura della serata è affidata a un'altra coppia. Si tratta dei Wynchester, duetto country californiano in cui figurano le chitarre di Mike Bray e dello stesso chitarrista solista dei Tenacious D, John Konesky. La sala è già nutrita e galvanizzata quando i due fanno il loro ingresso imbracciando i loro strumenti acustici e iniziando a sfoggare un repertorio misto tra brani della band ed illustri cover, tra le quali spicca "Rainbow In The Dark", di R.J. Dio.

 

open57

 

L'esibizione è breve e forse un po' troppo sagomata all'interno dei confini stilistici e territoriali della seppur molto tecnica band oltreoceanica, ma è efficace quanto basta a scaldare il clima tra un pubblico che arriva ora a coprire quasi interamente la non poco estesa metratura della venue milanese.


Un lungo cambio palco viene accompagnato dalle sempre gradite note di "The Wall", album capolavoro dei Pink Floyd che sintonizza la sala sul tema del concept. La prima parte dello show dei Tenacious D è infatti dedicata all'esecuzione integrale dell'ultimo lavoro "Post-Apocalypto", concept forse leggermente inferiore a quello sopracitato, ma non di inferiore ambizione.


Il palco è schermato da un telo, sul quale vengono riprodotte le stilizzate immagini della mini-serie prodotta contestualmente all'album del 2018. I video, opportunamente sottotitolati in italiano per l'occasione, intervallano le prime esibizioni di due elegantissimi Jack Black e Kyle Gass, acclamati da subito a gran voce dall'audience milanese. Uno scenario post apocalittico - appunto - ospita Kage e Jables tra avventure che attraversano trasversalmente il mondo eterogeneo ed immaginifico dei Tenacious. Si susseguono storie, ambientazioni, figure retoriche, una serie considerevole di organi genitali maschili e femminili, riferimenti e personaggi grotteschi, quasi tutti "autori" di almeno uno dei brani presentati.

 

tenacious_57
 
Si susseguono così brani come "Making Love", "Fuck Yo-Yo Ma", "Robot" e "Save The World", prima che il telo finalmente si alzi lasciando saltellare fuori degli incontenibili KG e JB. "Adesso è il momento delle Greatest Hits, Milano", bastano queste parole a suscitare un boato generale tra le note di "Rize Of The Fenix", title-track del tanto acclamato album del 2012.


Jack Black incita il pubblico italiano tra una gag e l'altra, sforzandosi di parlare la nostra lingua con risultati incoraggianti. Così annuncia l'esecuzione di un brano 'imposible' e tale è effettivamente il celebre "Master Exploder", presentato con l'usuale gag di una improbabile interpretazione in playback. Siamo nel bel mezzo del repertorio classico del duo americano e ben presto è il turno di "Belzeboss (The Final Showdown)", scena di punta della pellicola "Tenacious D In The Pick Of Destiny" che racconta della leggendaria tenzone a suon di rock tra due comuni mortali e niente meno che Satana, per l'occasione impersonato dal sempre preciso Konesky. L'incontro mefistofelico si ripete dopo appena due pezzi con "Tribute", narrazione che riporta la vittoria sul male della "più grande canzone al mondo".


Il pubblico partecipa intensamente, cantando e - addirittura - recitando ogni singola parola interpretata dai due frontman. Gli attori in scena - è il caso di dirlo - ricambiano il grandissimo affetto mostrando tecnica ed affiatamento invidiabili, in grado di condurre uno show di altissimo livello dall'inizio alla fine.


Una lunga presentazione di ogni singolo membro della band e della crew accompagna i Tenacious D dietro le quinte, prima di un encore che sfoggia le cover parziali di "Lose Yourself" (Eminem) e "Sunshine Of Your Love" (Cream), prima del gran finale con "Fuck Her Gently".


Una prestazione maiuscola da parte di una band sempre più solida e capace di mostrare nella propria presenza dal vivo tutto il proprio valore. Gli anni passano ma Kage e Jables sono sempre in una forma invidiabile, capaci non solo di far divertire, ma anche di coinvolgere a 360 gradi un pubblico sempre numerosissimo.

 

jables57  

Setlist:

 

Set 1: Post-apocalypto

Hope
Making Love
Fuck yo-yo ma
Daddy ding dong
Robot
Colors
JB JR Rap
Woman Time
Save the world
Post-apocalypto Theme reprise

 

Set 2: Greatest hits

Rize of the Fenix
Low Hangin' Fruit
Sax-a-Boom
Roadie
Dude (I Totally Miss You)
Kickapoo
Beelzeboss (The Final Showdown)
The Metal
Wonderboy
Tribute
Double Team

 

Encore


Lose Yourself
Sunshine Of Your Love
Fuck Her Gently

 




Speciale
Come as you are: Kurt Cobain and the grunge revolution

Speciale
L'angolo oscuro #4

Intervista
Paralydium: John Berg

Speciale
Blue Öyster Cult - iHeart Radio Theater N.Y.C. 2012

Speciale
Follow the White Pony: 12 curiosità sul capolavoro dei Deftones

Recensione
Lamb Of God - Lamb Of God