Curiositą
Corey Taylor: "Gestire la parte commerciale della musica mi distrae ed estenuante"


pubblicato in data 12/09/17 da SpazioRock
L'8 luglio scorso, Corey Taylor, frontman di Slipknot e Stone Sour, ha avuto un'intervista insolita; ha risposto alle domande di un gruppo di ragazzini, nella Scuola di Rock Green Valley a Henderson, Nevada.
 
 

Alla domanda su come riesca a bilanciare il lato commerciale di essere in due band di successo e mantenendo ancora l'entusiasmo per creare ed essere fedele alla sua arte, Taylor ha dichiarato: "È difficile, soprattutto quando sei nella posizione del capo. Ho imparato molto fino ad un punto. Dopo di che, ho gente, fortunatamente, a cui credo posso fare affidamento. Sta tutto nell'essere in grado di relegare e delegare, fondamentalmente. So che ci sono alcune aree in cui i miei dirigenti e i miei contabili fanno il loro lavoro: sono gli stessi dirigenti e contabili che ho avuto per quindici anni, quindi non mi preoccupo, perché lavoriamo a stretto contatto e so anche - non che qualcosa possa mai accadere, ma che se qualcosa accadesse, ci sono altre persone che mi farebbero sapere. Quindi ho garanzie e fiducia, fondamentalmente. Sanno però che capisco anche l'aspetto creativo di esso e nessun altro lo fa veramente. Quindi quando si tratta di Slipknot, siamo ancora molto in grado di riunirci e lavorare sull'arte, lavorare sulla musica, senza influenza esterna. C'è anche molto poca influenza dalla casa discografica, per la quale mi ritengo molto fortunato".

 
 
Ha poi aggiunto:  "Con gli Slipknot e gli Stone Sour abbiamo dimostrato che, dopo tutto questo tempo, possiamo ancora competere creativamente, possiamo produrre musica che alla gente piace veramente senza compromettere niente. Credo di essere abbastanza fortunato. Ma viene anche da avere quella fiducia e di poter dire a volte che...'Sto cercando qualcosa, musicalmente parlando. Potrei avere bisogno di aiuto' e non solo chiudere le porte a quella roba. Sanno se cerco qualcosa di specifico che posso raggiungere certe persone e mi sostengono nel farlo. Quindi è un buon equilibrio che ho dovuto imparare a mantenere per tenere insieme le cose, perché fosse per me, non vorrei avere niente a che fare con nessuna delle cazzate da business. Non posso sopportarlo - è molto distrattivo ed estenuante - ma deve essere fatto."

 
 
Guarda il video dal player in alto!

 
 
A cura di Davide Vergnani