Virgin Steele
Age Of Consent (Reissue)

2011, Steamhammer/SPV
Epic Metal

Recensione di Davide Panzeri - Pubblicata in data: 05/02/12

Chi non ha mai sentito parlare dei Virgin Steele del carismatico David De Feis? Ogni buon metallaro, che in cotal maniera si definisca, volente o nolente, deve per forza di cose essere incappato in una canzone, album o concerto dell’esperta formazione statunitense. I Virgin Steele sono una di quelle band storiche che finché avrà la possibilità di far musica, lo farà con dovuta attenzione, soprattutto suonando col cuore e non pensando al vil danaro che molto spesso corrompe le vene degli odierni musicisti. Nella trentennale carriera dei Virgin Steele, i picchi musicali sono stati molteplici, da “Noble Savage”, passando per “Invictus” e i due “Marriage”, punti di qualità e di indubbia solidità. Ognuno ha eletto a miglior disco personale della band un album che per altri è stato solo mediocre: questa è stata la vera forza di De Feis e soci.

Questo “Age Of Consent” è un’ennesima riedizione di uno dei cd storici della formazione che permetterà ai neofiti del metallo epico di farsi una cultura approfondita sulla band, di capire come tutto è nato e come si è evoluto, e permetterà ai fan di vecchia data di rituffarsi in un periodo storico forse ultimamente un po’ troppo dimenticato e oscurato. Questa reissue ha visto un egregio lavoro di mixing e mastering, lasciando inalterate le tracce musicali e cantate del platter. Il risultato è molto buono (certo il sound ottantiano lo si sente eccome, soprattutto se paragonato a certe produzioni moderne bombastiche e potenti), canzoni evergreen che non moriranno mai trovano nuovo splendore, restaurate e agghindate di tutto punto si rivelano essere oasi nel deserto. “The Burning Of Rome”, “Let It Roar” e “Lion in Winter” vanno ascoltate per poter capire quello che ho appena scritto, brani immortali che rimarranno tali e impressi nella mente (orecchie) di ognuno. Come non citare poi la commovente “Cry Forever”, esempio di come anche il cuore più duro possa essere sciolto in poche semplici note. C’è anche spazio per un ulteriore disco contenente alcune bonus track inedite, qualche cover e la versione pianistica di “Noble Savage”.

Un disco che non dovrebbe mancare sulla mensola di ogni estimatore dell'epic metal, ,a che dovrà presenziare anche su quella delle giovani leve, le quali troppo spesso si concentrano sulle band moderne e poco spazio lasciano alla storia del metal, lì dove tutto è nato, negli anni ottanta che mai ritorneranno e che sono stati nucleo pulsante di una rivoluzione musicale che è tutt’ora in corso. Lunga vita ai Virgin Steele.




CD 1

01. The Burning Of Rome (Cry For Pompeii)
02. Let It Roar
03. Prelude To Evening
04. Lion In Winter
05. Stranger At The Gate
06. Perfect Mansions (Mountains Of The Sun)
07. Coils Of The Serpent
08. Serpent’s Kiss
09. On The Wings Of The Night
10. Seventeen
11. Tragedy
12. Stay On Top (Uriah Heep cover)
13. Chains Of Fire
14. Desert Plains (Judas Priest cover)
15. Cry Forever
16. We Are Eternal

CD 2 - Under The Graveyard Moon

01. Screaming For Vengeance (Judas Priest cover)
02. The Curse
03. Breach Of Lease (Bloodrock cover)
04. Another Nail In The Cross
05. A Changeling Dawn (“Noble Savage” acoustic version)
06. Under The Graveyard Moon
07. Down By The River (Neil Young cover)

Speciale
ESCLUSIVA: ascolta lo streaming de "Il Disco Di Praino"

Speciale
Home Festival 2018: tutte le informazioni utili

LiveReport
Alice In Chains - Tour 2018 - Sesto San Giovanni (MI) 10/07/18

LiveReport
Iron Maiden - Legacy Of The Beast Tour - Milano 09/07/18

Speciale
ESCLUSIVA: ascolta lo streaming di "K"

Speciale
Film - Muse: "Drone World Tour"