Scorpions
Born To Touch Your Feelings

2017, Sony
Hard Rock

«Al giorno d’oggi le ballad sono il top della musica rock; se sono scritte bene, vanno direttamente al cuore dei fan» (Klaus Meine)
Recensione di Luca Ciuti - Pubblicata in data: 08/01/18

Ve lo diciamo subito, la premessa di Klaus Meine è d'obbligo perché a noi "Born To Touch Your Feelings" è piaciuto parecchio per tanti diversi motivi. Ad esempio, perché ha un'identità, cosa non da poco in un'epoca in cui ci si chiede se certe operazioni siano ancora necessarie. Perché una copertina così riesce sempre a fare centro e in qualche modo a intrigare. Le ballad stanno agli Scorpions come la pizza sta al Belpaese, un binomio che è il non plus ultra del rock n'roll, alzi la mano chi non ha avuto modo di conoscere, riconoscere e apprezzare pezzi come "Holiday", "Send Me An Angel" e "Still Loving You", pezzi che hanno segnato in modo indelebile e istantaneo le preferenze dei fans di ogni estrazione e provenienza, fossero questi duri e puri o rockettari per sbaglio. A distanza di anni persino "Wind Of Change", pur spogliata di tutti i suoi significati e tolta dal contesto storico in cui vide la luce, suona struggente più che mai a dispetto del giudizio oltranzista di certi metallari mestruati.
 
Il titolo della raccolta è quello di uno dei loro brani più romantici, quella "Born To Touch Your Feelings" recuperata dal lontano "Taken By Force" del 1978 e qui riproposta in studio nell'arrangiamento "greco" dell'unplugged 2013. Se ciò non bastasse a sorprendervi, va sottolineata una ulteriore nota di merito di questa selezione: difficilmente infatti ve la sareste potuta creare da soli con una playlist di Spotify, i pezzi originali sono una minoranza cui vanno aggiunte due versioni inedite targate 2017, altri due remasters del 2015, una nuova versione acustica e un'altra sulla falsariga della title track. Senza tralasciare ovviamente i due brani inediti in cui Schenker e soci mostrano di avere ancora tanta dimestichezza in sede compositiva (ne avevamo già avuto prova con la recente "House Of Cards", non a caso inserita anch'essa nella compilation).
 
"Born To Touch Your Feelings" va a rimpinguare il catalogo delle raccolte pubblicate dalla band di Hannover nel corso della carriera, come le ammiccanti copertine dei dischi (e questa, come detto, non fa eccezione); una tipologia di release ottima per un risveglio domenicale, e lo diciamo senza ironia, rassicurante come una tazza di caffè caldo, che scopri essere più buono con quel tocco di zucchero in più. Insomma, come si fa a dirne male? L'acquisto, in questo caso, diventa quasi un impulso irrazionale e del tutto irrefrenabile.




01. Born to Touch Your Feelings (MTV Unplugged Studio Edit)
02. Still Loving You (Comeblack Version)
03. Wind of Change (Comeblack Version)
04. Always Somewhere (2015 Remaster)
05. Send Me an Angel (NEW Acoustic Version 2017)
06. Holiday (2015 Remaster)
07. Eye of the Storm (Radio Edit)
08. When the Smoke Is Going Down (2015 Remaster)
09. Lonely Nights
10. Gypsy Life
11. House of Cards (Single Edit)
12. The Best Is Yet to Come
13. When You Came into My Life (MTV Unplugged Studio Edit)
14. Lady Starlight (2015 Remaster)
15. Follow Your Heart (NEW Version 2017)
16. Melrose Avenue (NEW SONG)
17. Always Be with You (NEW SONG)

Speciale
ESCLUSIVA: ascolta lo streaming de "Il Disco Di Praino"

Speciale
Home Festival 2018: tutte le informazioni utili

LiveReport
Alice In Chains - Tour 2018 - Sesto San Giovanni (MI) 10/07/18

LiveReport
Iron Maiden - Legacy Of The Beast Tour - Milano 09/07/18

Speciale
ESCLUSIVA: ascolta lo streaming di "K"

Speciale
Film - Muse: "Drone World Tour"