Arctic Monkeys
Live At The Royal Albert Hall

2020, War Child UK
Indie Rock, Alternative Rock

Il corposo compendio di una band che ha marcato indelebilmente il mondo dell'indie/alternative rock a livello planetario.
Recensione di Giampiero Pelusi - Pubblicata in data: 07/12/20

"We are the Arctic Monkeys from High Green, baby!"


Il Natale è alle porte ed i primi fiocchi di neve iniziano a paracadutarsi sulle strade ancora troppo vuote. Il fuoco arde nei caminetti, illuminando quella che è un'atmosfera magica e rilassante, ma che per ovvi motivi ha perso parte del suo fascino in un anno a dir poco infernale. Regalare musica non può che ravvivare un'ardore ormai affievolitosi, attanagliato da eventi che hanno devastato il mondo intero e, soprattutto, quello dello spettacolo e dei concerti. Gli Arctic Monkeys sfruttano a dovere l'occasione, pubblicando per War Child UK "Live At The Royal Albert Hall", live album registrato durante l'evento di beneficenza tenutosi il 7 giugno 2018 nella splendida sala da concerti londinese, teatro di numerosi eventi di caratura internazionale. Così com'è stato per il concerto di due anni fa, la band ha deciso di devolvere tutto il ricavato dalle vendite del disco a War Child UK, per il sostentamento e il supporto riabilitativo dei bambini vittime dei traumi della guerra.


"Live At The Royal Albert hall" è un corposo compendio della carriera quasi ventennale di Alex Turner e soci, venti pezzi che riassumono impeccabilmente il processo di sviluppo e perfezionamento di una band che ha marcato indelebilmente il mondo dell'indie/alternative rock a livello planetario. Il live in analisi riguarda una delle date del tour promozionale di "Tranquility Base Hotel & Casino", ultimo lavoro in studio della band di High Green: non a caso l'apertura è affidata alle atmosfere soffuse di "For Out Five", dove melodie dream pop si mescolano ad un basso ancheggiante. I colpetti scanditi di pianoforte di "One Point Perspective", così come gli scenari stranianti e onirici di "She Looks Like Fun" e di "Star Treatment" ci ripresentano gli Arctic Monkeys del 2018, profondamente cambiati e capaci di scostare le tende e osservare orizzonti sonori più mirati ad uno space rock stralunato con venature lounge, caratteristiche molto differenti rispetto alla fruibilità del rock diretto e impattante degli esordi. Il contrasto c'è e si sente soprattutto con i grandi classici "Brianstorm", "The View From The Afternoon" o "I Bet You Look Good On The Dancefloor", dove distorsione e ritmi concitati prevalgono sulla morbidezza dell'ultima fase compositiva. Ad inserirsi nel fulcro tra i due opposti fanno capolino i pezzi del celebratissimo "AM": il riffing scandito di "Do I Wanna Know?", il portamento felpato e provocante di "Arabella", il mood trasognato di "Why'd You Only Call Me When You're High" compongono il giusto compromesso tra vecchio e nuovo, risultando anche i pezzi meglio riusciti live. Menzioni particolari per la bellissima "505", che a distanza di più di dieci anni non perde minimamente il fascino che scaturì all'epoca e per la conclusiva "R U Mine?", manifesto di una generazione: basta il verso "I'm a puppet on a string" per iniziare a scuotersi, ballare e sudare, ubriachi di nettare sonoro che cola sulla platea dai monolitici amplificatori on stage.


Non c'è null'altro da dire: "Live At The Royal Albert Hall" è un disco ricco, variegato, multiforme, divertente e spassionato. La prova, suggellata su vinile, di una performance fenomenale di una band che riuscirebbe a far smuovere anche il più radicale detrattore del "rumore". Gli Arctic Monkeys, d'altronde, sanno benissimo come intavolare show degni di nota, portando sul palco una miscela di sound e emozioni assolutamente coesa ed omogenea. Non si può che consigliare l'acquisto di questo album, che lo regaliate ad amici, parenti o a voi stessi, non fa nessuna differenza: i soldi investiti saranno comunque un bel regalo di Natale.





01. Four Out Of Five
02. Brianstorm
03. Crying Lightning
04. Do I Wanna Know?
05. Why'd You Only Call Me When You're High?
06. 505
07. One Point Perspective
08. Do Me A Favour
09. Cornerstone
10. Knee Socks
11. Arabella
12. Tranquility Base Hotel & Casino
13. She Looks Like Fun
14. From The Ritz To The Rubble
15. Pretty Visitors
16. Don't Sit Down ‘Cause I've Moved Your Chair
17. I Bet You Look Good On The Dancefloor
18. Star Treatment
19. The View From The Afternoon
20. R U Mine?

Recensione
Bodom After Midnight - Paint The Sky With Blood [EP]

Recensione
The Vintage Caravan - Monuments

Recensione
Greta Van Fleet - The Battle At Gardenís Gate

Speciale
Intervista - While She Sleeps (Loz)

Speciale
L'angolo oscuro #22

Speciale
FM - Tough It Out Live