Groundbreaker
Groundbreaker

2018, Frontiers Music
Melodic Rock

Vecchia scuola, nuove emozioni per questo progetto targato Frontiers Music che fa brillare tutta la meraviglia vocale di Overland e il talento di Robert Sall.
Recensione di Marilena Ferranti - Pubblicata in data: 19/09/18

Groundbreaker è un nuovo progetto targato Frontiers nato da un'intuizione di Serafino Perugino? Niente di nuovo sotto al sole. Per gli amanti dell'AOR e di quel rock melodico che tanto affascinava noi romantici rimasti agli anni 80 negli ultimi anni Frontiers non si è certo risparmiata.
 
Qualcuno storcerà il naso lamentandosi della solita pesca miracolosa per cui se metti insieme una voce pazzesca e dei musicisti top è difficile fare un buco nell'acqua. Ecco, non siate così scontati. Se i pezzi non ci sono, il disco non funzionerà mai. Per fortuna, se diamo un'occhiata più ravvicinata a questo "progetto", non c'è nessuna delusione all'orizzonte.
 
Steve Overland (FM) è innegabilmente una delle voci più straordinarie e classiche del panorama rock melodico dagli anni 80 ad oggi. Non solo: è un artista di un'umilità e una bellezza spirituale fuori dal comune. L'avete mai sentito dal vivo? Questo ragazzino (classe 1960) tiene il palco come quando di anni ne aveva 25, e non c'è niente che esca dalla sua bocca che non valga la pena ascoltare. E che dire del chitarrista Robert Sall (Work of ArtW.E.T) e della ormai immancabile magia che  Alessandro Del Vecchio infonde come polvere di stelle su ogni produzione che gli venga affidata? Aggiungiamo Nalley Pahlsson al basso Herman Furin alla batteria. Ora state bene a sentire: due cucchiaini di Scandinavia, uno di Inghiliterra, abbondante melodia con due prese di romanticismo retrò....e voi siete ancora lì impalati con la bocca chiusa e il tovagliolo al collo? Tuffatevi su questo disco con la bava alla bocca, per la miseria! Stiamo parlando di pezzi che scaldano i timpani come due motori turbojet di un Boeing 747. 
 
Partiamo dal singolo "Over My Shoulder", o dalla emozionante "Will It Make You Love Me", scegliete voi. In questi pezzi c'è un bel groove, il tappeto di tastiere di Del Vecchio e un sound squisitamente AOR. "Eighteen ‘Til I Die" ne è un esempio delizioso, come si fa a non cedere al fascino di Overland che vi racconta i suoi ricordi? Se vi mancavano gli anni 80, beh... ben tornati a casa. "Only Time Will Tell" fa la parte del classico rock anthem, e c'è anche la mega ballad "Something Worth Fighting For", con contorno di videoclip struggente... ora io non dico che dobbiate piangere come vitellini dalla prima strofa; ma potrebbe capitare. Questo pezzo tenetelo pronto per una dichiarazione d'amore, che so, una proposta di matrimonio, un anniversario, per chiedere scusa dopo una brutta litigata... funzionerà. Ps: una canzone che sa di FM al punto che viene da chiedersi come faccia Overland ad essere talmente sè stesso da pervadere tutto ciò che fa e farti dimenticare la band in cui suona.
 
Non contento, probabilmente con un pizzico di sadismo, il buon Steve ha deciso che avrebbe anche potuto cantare subito dopo "The Sound Of A Broken Heart", che non è una ballad, ma sprizza devastazione sentimentale da tutte le strofe. C'è una tale intensità nel sound e nello struggersi di tutti i componenti della band che viene da premere "pause" e fare un bel respiro prima di continuare. "The First Time", riporta una ventata di ottimismo, un riff più chiaro e accattivante, un andamento energico e un mood spensierato; dopotutto come dicono loro, "everyday is a joyride". E ci avviciniamo alla conclusione con la scoppiettante "The Days Of Our Life", che nemmeno Jennifer Beals in Flashdance. Super intro di batteria, chitarra sfacciata e pulita, super il tiro della sezione ritmica. "The Way It Goes" srotola il sipario tra gli applausi scrocianti; e come se non con un tripudio di tastiere? "Open up your eyes" canta Overland, e aggiungerei "your ears", per godere al meglio di questo gioiellino: vecchia scuola, nuove emozioni. Consigliatissimo.




01.Over My Shoulder
02.Will It Make You Love Me
03.Eighteen ‘Til I Die
04.Only Time Will Tell
05.Tonight
06.Standing Up For Love
07.Something Worth Fighting For
08.The Sound Of A Broken Heart
09.The First Time
10. The Days Of Our Life
11. The Way It Goes

Recensione
Greta Van Fleet - The Battle At Gardenís Gate

Speciale
Intervista - While She Sleeps (Loz)

Speciale
L'angolo oscuro #22

Speciale
FM - Tough It Out Live

Speciale
The End Machine - Phase2

Recensione
Primal Fear - I Will Be Gone [EP]