Implore
Subjugate

2017, Century Media
Death Metal

Pura, semplice, nera ignoranza.
Recensione di Icilio Bellanima - Pubblicata in data: 22/09/17

Agli Implore, combo dal respiro internazionale (sono sparpagliati tra Germania, Italia e Spagna), sono bastati tre EP, un full-length ("Depopulation", uscito nel 2015), e una marea di concerti in giro per il mondo, tra Europa, Stati Uniti, Russia e Sud-America, per compiere il salto di qualità tanto desiderato da ogni band giovane e promettente: un talento che ha permesso al quartetto di firmare un contratto con Century Media, ma anche di trasformare la pressione dovuta ad un simile, importante passo, unita all'esperienza macinata on the road, in questo "Subjugate", un disco spaccaossa fresco di pubblicazione: 33 minuti di violenza, 14 schegge impazzite in cui i nostri prendono il death metal di matrice svedese, con i suoi chitarroni roboanti, e lo imbastardiscono con la furia assassina e schizofrenica del grindcore, del crust, e chiudono questo marcio pacco regalo con un nastro fatto di tanta attitudine spiccatamente hardcore.
 

Lo si evince dal cantato potente e disperato del bassista/cantante/mastermind Gabriel, ma anche da pezzi in your face molto brevi (alcuni, come "Loathe", non raggiungono il minuto), caratterizzati da un songwriting asciutto e preciso. Ad impreziosirli e ad accrescerne la potenza distruttiva ci pensa una produzione davvero ottima, brutale e graffiante, ma che rende giustizia a ogni singolo membro dell'orchestra killer: nulla di plasticoso, sia chiaro, nulla di "acchiappone", meglio specificarlo, di questi tempi. Non c'è spazio per assoli, e quelle brevi quanto sporadiche incursioni melodiche, dalla concezione armonica scarna e desolante, sono piene di rabbia per la società ingiusta e auto-distruttiva in cui viviamo, protagonista concettuale, insieme a tonnellate di livore, dell'intero lavoro. Un secondo opus, questo "Subjugate", che corregge drasticamente il tiro rispetto al predecessore, con brani ancora più ricchi di mordente, ma anche di influenze mai nascoste o velate ("Paradox" non avrebbe sfigurato in "All We Love We Leave Behind" dei Converge, per non parlare di "Cult of El", tributo duro e puro agli Entombed): tanti piccoli tasselli piazzati tutti al posto giusto e al momento giusto, tra sfuriate, momenti groovy e sinfonie di feedback, tenuti insieme dal drumming preciso e potente di Guido e dal basso del già citato Gabriel "Gabbo" Dubko.

 

I riff diretti e senza sbrodolature o tecnicismi della possente "Desolated Winds" o dell'assassina "Totalitarian" non saranno nulla di nuovo, ma al contrario di tante altre band, gli Implore compensano la mancanza di originalità con un songwriting sapiente e intelligente, tutto votato alla resa live (il loro habitat naturale), rendendo "Subjugate" una precoce conferma della loro qualità. Pura, semplice, nera ignoranza.





1. Birth Of An Era (2:46)
2. Loathe (0:50)
3. Cursed Existence (2:15)
4. Paradox (2:06)
5. Disconnected From Ourselves (2:31)
6. Totalitarian (2:12)
7. Patterns To Follow (3:48)
8. Ecocide (2:59)
9. Technology A Justification For Killing (2:42)
10.Cult Of El (2:21)
11.Desolated Winds (2:35)
12.Boundary (0:58)
13.Untouchable Pyramid (2:38)
14.Gazing Beyond (2:54)

Recensione
Greta Van Fleet - The Battle At Gardenís Gate

Speciale
Intervista - While She Sleeps (Loz)

Speciale
L'angolo oscuro #22

Speciale
FM - Tough It Out Live

Speciale
The End Machine - Phase2

Recensione
Primal Fear - I Will Be Gone [EP]