World Trade
Unify

2017, Frontiers Music
Progressive Rock/AOR

I World Trade tornano alla carica dopo più di vent'anni con una release che racchiude appieno lo stile a metà tra prog e AOR della band.
Recensione di Federico Barusolo - Pubblicata in data: 02/08/17

Ci sono voluti più di vent'anni per rivedere all'opera i World Trade, pronti al ritorno in scena in questo 2017 con la loro terza fatica, "Unify", in maniera del tutto inaspettata. Risaliva al 1995, infatti, l'ultimo lavoro della formazione progressive rock americana, prima che il talentuoso Billy Sherwood, bassista e cantante, seguisse l'amico Chris Squire verso nuovi progetti che lo portarono ad entrare nell'orbita degli Yes, band della quale è tuttora in formazione, in seguito proprio alla scomparsa di Squire.


Di primo acchito sembra che nulla sia cambiato in tutto questo tempo. Il pendolo di Newton sulla copertina di "Unify", oltre ad avere in sé un certo valore nella simbologia prog, stabilisce un netto collegamento con il self-titled di debutto, che tra i due precedenti lavori è probabilmente il più rappresentativo del progetto World Trade. Collegamento che appare evidente anche nei contenuti, dove le complesse strutture melodiche e le abilità di songwriting della band emergono in maniera fedele tra gli elementi caratterizzanti lo stile, a metà tra prog e AOR, dei losangelini.


L'elevata qualità e cura delle parti vocali registrate da Sherwood può non sorprendere affatto i suoi estimatori ed esprime forse il suo massimo potenziale nella title-track. Le influenze nel cantato di figure come Peter Gabriel e Fish conferiscono al tutto un'aria classic prog anni ‘80 e su questo stampo nascono pezzi come "Where We're Going", molto affine allo stile Genesis, e la bellissima "Gone All The Way", pezzo in cui salgono in cattedra le tastiere di Guy Allison, elemento fondamentale del sound dei World Trade. Sherwood risulta poi impeccabile anche nella registrazione dei bassi, pienamente fedeli al timbro ottantiano e perfezionati nella tecnica dalle più recenti esperienze con Yes e CIRCA.


La chitarra di Bruce Gowdy, di natura più hard rock, rafforza i brani richiamando uno stile più devoto ai Rush, come avviene in "The New Norm", e impreziosisce il disco di corposi riff e assoli che attraggono l'orecchio fin dal primo ascolto. È questa la forza principale di "Unify", sicuramente non innovativo nella sua natura e nel sound, ma piacevolmente evocativo del contesto nel quale, quasi trent'anni fa, si venivano a formare i World Trade. Sia che si conosca la band o meno, quindi, l'ascolto di questo album è senz'altro consigliato, non solo agli intenditori in ambito prog rock e AOR, ma anche ad un pubblico maggiormente hard rock che voglia godere di un lavoro tecnicamente notevole.





01. The New Norm
02. Where We're Going
03. Pandora's Box
04. On Target On Time
05. Gone All The Way
06. Unify
07. For The Fallen
08. Life Force
09. Same Old Song
10. Again

Speciale
ESCLUSIVA: guarda il making of di "BCCIV", nuovo album dei Black Country Communion

Intervista
Steven Wilson: Steven Wilson

Speciale
PREMIERE: ascolta "Novacaine" il nuovo singolo dei 10 Years

Speciale
PREMIERE: guarda il video di "Gutter Ballet" interpretata dai Cryptex

LiveReport
Wacken Open Air 2017 - Wacken 03/08/17

Recensione
Judas Priest - Sin After Sin