Massimiliano Martines
Meccanismo Estetico

2012, Liquido Records
Indie

Recensione di Fabio Rigamonti - Pubblicata in data: 26/09/12

Pensando ad un disco artisticamente pretenzioso ma sterilmente emotivo, può venire alla mente il secondo tentativo di Massimiliano Martines. Non sorprende, difatti, nello scorrere il curriculum vitae del Nostro una forte propensione al teatro, all’arte figurativa ed al collettivo artistico, non a caso anche questo “Meccanismo Estetico” nasce in collaborazione con la RanocchiDelfinoDorsistiStilibertari Band (parlando di semplicità, no?). Tuttavia, siamo ben lungi dall’avere di fronte una versione maschile dell’ultima Amanda Palmer.

Problema numero uno del disco: l’intonazione a metà strada tra il recitato ed il cantato del buon Martines, una stramba e decisamente troppo irregolare via di mezzo che fa sì che le capre mangino i cavoli, scontentando un po’ tutti. Quindi: una gran confusione di genere. Si passa da accenni noise/post rock (la titletrack, “FruttaFresca”, “QuanteQuanteQuanteQuante”), all’omaggio inevitabile alla furia di Capossela (“SugliAlberi”), passando nel mezzo all’istrionismo di Caparezza ma senza hip-hop (“Mistress”) ed a derive electro-minimal Lalipunizziane (“LaMaglietta”).

Un grosso minestrone, insomma, che cerca sempre e comunque la provocazione artistica, ma incontra più facilmente la noia, specialmente in chi, nella musica, cerca neanche emozione, ma anche e solo semplice – ohibò - musicalità. 




01. FruttiDiStagione
02. MeccanismoEstetico
03. SugliAlberi
04. Americana
05. Mistress
06. LeMemorieDiAdriano
07. FruttaFresca
08. LaMaglietta
09. QuanteQuanteQuanteQuante
10. IlMioUniverso

LiveReport
Cult of Luna European Tour 2019 - Milano 03/12/19

LiveReport
Archive - 25th Anniversary Tour - Roma 03/12/19

LiveReport
Alter Bridge, Shinedown, The Raven Age - "Walk The Sky" Tour 2019 - Assago (MI) 02/12/19

Intervista
The Low Anthem: The Low Anthem

Speciale
Music Industry e innovazione tecnologica: la blockchain come strumento per rivoluzionare il mercato

Speciale
Alter Bridge: la nostra top 20