In Flames
Reroute To Remain

2002, Nuclear Blast
Alternative Metal

Recensione di Lorenzo Brignoli - Pubblicata in data: 23/05/10

Nel 2002 gli svedesi In Flames decidono, una volta per tutte, di staccarsi dai canoni del genere che li ha lanciati (e che hanno contribuito far crescere), per gettarsi in nuovi territori. Lo fanno con questo album, "Reroute To Remain", che apre le porte alla seconda fase della discografia della band; un disco amato ed odiato, che ha scatenato le ire dei fans di vecchia data, ma che allo stesso tempo ha aperto agli infiammati tantissime opportunità, su tutte una grande popolarità nel florido mercato americano. E’ anche grazie a quest’album infatti che gli ascoltatori d’oltreoceano hanno iniziato ad apprezzare i lavori dei cinque di Goteborg, e probabilmente senza di esso molti acts della scena metalcore moderna oggi suonerebbero un altro tipo di musica.

Ma veniamo al disco, si parlava di cambiamento, e in effetti è impossibile non sentirlo: i semi piantati con “Colony” e germogliati con “Clayman” sono finalmente fioriti in una proposta musicale eterogenea, che abbraccia il riffing melodico degli esordi, strizza l’occhio all’industrial ed ammicca alla scena metal più moderna. Un esempio? “Cloud Connected”, che ha la sua base portante nel lavoro delle tastiere ed in riff che ricordano gli esordi degli infiammati, fino a culminare in un ritornello melodico in cui Anders Friden si fa apprezzare ancora una volta in tutta la sua versatilità.

Per molti il filo conduttore di "Reroute to Remain" si potrebbe riassumere in ritornelli catchy e strofe “Gothenburg-style”; francamente la trovo una definizione un po’ riduttiva, dato che nel disco troviamo un po’ di tutto, dalla simil-ballad “Dawn of a New Day”, alla più pestata “System”, passando per la groovy “Trigger”. Il disco si ascolta che è un piacere, data l’assenza di passaggi a vuoto e riempitivi; certamente alcune canzoni spiccano sulle altre, come le sopracitate, “Minus”, “Egonomic”, ma a differenza del predecessore "Clayman", la tentazione di skippare è molto più bassa. Quindi uno dei pregi del disco è sicuramente la sua continuità, quanto ai difetti dipende da voi: alcuni rinfacceranno sicuramente alla band un approccio troppo easy-listening e meno heavy, mentre altri troveranno ben poche pecche nel disco. Personalmente credo che un rimpianto per il sound che caratterizzò la prima parte di carriera degli svedesi ci debba essere, ed è giusto che ci sia, ma allo stesso tempo va ammirata l’evoluzione, per certi versi coraggiosa, degli In Flames, che sono riusciti a reinterpretare le proprie influenze musicali, vecchie e nuove, proponendo un nuovo trademark, spesso imitato ma pochissime volte con successo. Questa è la differenza, basilare, tra leaders e followers.





Recensione
Korn - The Nothing

Intervista
Rise Twain: Jeremy David Beck, Brett William Kull

LiveReport
Alice Cooper - Ol'Black Eyes Is Back Tour 2019 - Torino 10/09/19

LiveReport
Duff McKagan - Tour 2019 - Milano 08/09/19

Recensione
Iggy Pop - Free

Intervista
Sonata Arctica: Tony Kakko