Morbid Angel
Formulas Fatal To The Flesh

1998, Earache
Death Metal

Recensione di Stefano Risso - Pubblicata in data: 29/03/09

Per tutte le grandi band arriva un momento della carriera che segna il giro di boa. Quel punto in cui tutto il massimo esprimibile è stato consegnato alla storia e si apre una fase in cui si deve cercare di "sopravvivere" nel modo più dignitoso possibile. Il 1998 registra di fatto che anche per i Morbid Angel è giunta l'ora di svoltare, di intraprendere la via della discesa dopo aver conquistato le vette del death metal mondiale. Formulas Fatal To The Flesh deve essere analizzato sotto questa chiave di lettura.

Consumata la separazione con il frontman David Vincent e la temporanea dipartita di Erik Rutan, Trey Azagthoth si rimbocca le maniche (curando musica, testi e produzione), dando alla luce un disco che vorrebbe riprendere, senza riuscirvi, le sonorità più violente degli esordi, abbandonando quasi totalmente le sperimentazioni di Domination. Il ritorno alla velocità pura e alle frequenti raffiche di blast-beat non nascondono un netto calo qualitativo del song-writing e dell'ispirazione generale dei brani. Per la prima volta la musica dei Morbid Angel si accontenta di essere "solo" buon death metal, risultando in un certo senso standardizzata, priva di quella magia in grado di rendere unico il proprio modo di suonare. Prendendo le dovute distanze, si può dire che Formulas Fatal To The Flesh potrebbe essere stato suonato da "chiunque", in quanto segue fedelmente una linea musicale che appiattisce la proposta rendendola non troppo differente da tante altre. E un gruppo come i Morbid Angel, a mio avviso, non può permettersi di seguire una corrente musicale, deve imporla.

Ritornando al discorso iniziale della "sopravvivenza dignitosa" debbo dire che da questo punto di vista i nostri si mantengo comunque su buonissimi livelli. Il disco è veloce, potente, una vera e propria cavalcata in cui il duo storico Azagthoth/Sandoval sfoggia una prestazione annichilente per precisione e spietatezza, scagliandoci addosso alcune delle tracce più violente mai composte. Come sostituto di Vincent è stato chiamato Steve Tucker, che, seppur con una buona prova dietro al microfono, non riesce a far dimenticare il suo predecessore.

Un disco incentrato principalmente sull'aggressività che contempla anche qualche frangente più atmosferico (non sempre ben riuscito) che aiuta a smorzare i toni asfissianti del platter. Ne è un esempio l'opener Heaving Heart, tanto impetuosa quanto evocativa, oppure la bellissima Covenant Of Death, con una prima parte travolgente (sfido chiunque a rimanere fermo durante la lunga parte solistica di Trey) ed un finale da brividi. Non mancano però le sorprese: la quarta Nothing Is Not ha il solo difetto di essere arrivata cronologicamente dopo quel capolavoro di Where The Slime Live (da cui riprende alcune sonorità e il carattere anthemico) e la lunga Invocation Of The Continual One, un vero e proprio esperimento all'interno dell'intera discografia della band: quasi dieci minuti in cui le visioni lovecraftiane di Azagthoth prendono vita sotto forma di note e ritmiche cadenzate.

Ricollegandosi all'ultima vera traccia del cd (le seguenti sono intermezzi strumentali) si deve sottolineare il ritorno prepotente, a livello delle lyrics, di tematiche legate alla letteratura di Howard Phillips Lovecraft, con una serie importante di nomi e formule incomprensibili (se non fosse per le traduzioni a margine).

Cosa si potrebbe dire ancora? Un disco che presenta pregi e difetti (tra cui una produzione non all'altezza), che però conserva più di una freccia al proprio arco. Un lavoro che non è certo paragonabile al recente passato della band ma che testimonia che la classe e l'attitudine ripagano sempre, anche nei momenti meno brillanti.



Intervista
Marathon: Mark Kelly

LiveReport
Architects - Live at the Royal Albert Hall - Londra 21/11/20

Speciale
Videointervista - Moonlight Haze

Recensione
Iron Maiden - Nights Of The Dead - Legacy Of The Beast, Live In Mexico City

Speciale
L'angolo oscuro #13

Intervista
Ellefson: David Ellefson