Disarmonia Mundi
Nebularium + The Restless Memoirs EP

2009, Coroner Records
Death Metal

Recensione di Riccardo Calanca - Pubblicata in data: 24/06/09

Disarmonia Mundi è la strana, affascinante creatura partorita agli inizi del nuovo millennio dal genio di Ettore Rigotti. Dieci anni di attività e tre album in studio, hanno dato a questa band un grande risalto nazionale e l’occasione di farsi conoscere anche all’estero, soprattutto grazie alla collaborazione intrapresa con il singer Björn "Speed" Strid della Nuclear Blast... niente male! Ma attenzione, i Disarmonia Mundi non sono un side project di Speed, e un disco come "Nebularium" è la prova concreta della validità e della grandezza di questa band tutta italiana!

Lo splendido digipack che ho tra le mani, targato Coroner Records, contiene per l’appunto la ristampa di "Nebularium", il primo album della band piemontese uscito per la prima volta nel 2002, come autoproduzione, e “The Restless Memoirs EP”, sei brani registrati tra il 1999 e il 2006, riadattati e raccolti in un gioiellino che impreziosisce la release. Una veste grafica completamente rinnovata e un remastering eccellente da parte dello stesso Ettore Rigotti concludono il prodotto, che si guadagna una promozione a pieni voti tra le migliori uscite italiane del 2009.

Ma veniamo ai contenuti. "Nebularium", come qualcuno sicuramente sa, è un disco che conquista! Affascinante e misterioso, mi dona emozioni simili a quelle che mi sanno dare i migliori Novembre di “Classica” e “Arte Novecento” o gli Edge Of Sanity di “Crimson”. Spinti da influenze di colossi come Opeth, In Flames e Soilwork, i Disarmonia Mundi si creano un loro sound e una loro carica, spesso melodica, che mi coinvolge e mi trascina con grande soddisfazione: un death metal avvincente e progressivo che lascia il segno. Per contro, anche "The Restless Memoirs EP" contribuisce a fare di questa uscita un prodotto davvero interessante, con una line-up (quasi) totalmente rinnovata, che vede il leader Rigotti affiancato dal cantante Claudio Ravinale. Death Swedish inarrestabile! Molte influenze, idee ben sviluppate, in un prodotto che convince totalmente. Non bastano le parole, andate sul myspace e provate per credere... In attesa del nuovo album, i Disarmonia Mundi ci allietano con una release da non perdere, un prodotto delizioso, da avere assolutamente.



Nebularium
01.Into D.M.
02.Blue Lake
03.Mechanichell
04.Guilty Claims
05.Burning Cells
06.Demiurgo
07.Nebularium
08.Awakening

The Restless Memoirs EP
01.Across The Burning Surface
02.Flare
03.Spiral Dancer
04.Kneeling On Broken Glass
05.Chester
06.Ghost Song

Recensione
Satyricon - Rebel Extravaganza [Remastered]

LiveReport
Ghost - A Pale Tour Named Death 2019 - Mantova 05/12/19

Intervista
Skillet: John Cooper

Recensione
Nightwish - Decades: Live In Buenos Aires

Speciale
Toliman - Abstraction

LiveReport
Cult of Luna European Tour 2019 - Milano 03/12/19