The Mars Volta
Noctourniquet

2012, Warner Bros.
Prog Rock

I The Mars Volta presentano un'opera interessante e introspettiva
Recensione di Stefano Risso - Pubblicata in data: 20/04/12

A tre anni dal poco più che sufficiente “Octahedron” ritorna il duo texano con un nuovo capitolo della saga The Mars Volta. Tra cambi di formazione, ormai consueti, in cui si registra il ritorno del grande batterista Deantoni Parks e l’abbandono dello storico tastierista Isaiah "Ikey" Owens, oltre all’assenza del supporto “esterno” di John Frusciante, e dichiarazioni enigmatiche del singer Cedric, che ha definito la nuova opera “future punk”, abbiamo finalmente il piacere di ascoltare il sesto studio album “Noctourniquet”.

Piacere perchè da quelle teste di ricci ribelli di Omar Rodríguez-López e Cedric Bixler-Zavala non si sa mai cosa aspettarsi e anche negli episodi meno fortunati, c’è sempre stato qualcosa di buono da scoprire. Dunque, diciamo subito che “Noctourniquet” può essere considerato un disco di rottura. Sebbene le avvisaglie potevano scorgersi con la passata release, il nuovo arrivato proietta i The Mars Volta verso un prog/art rock pacato e riflessivo, almeno secondo i canoni della band di El Paso, in cui le digressioni strumentali non fungono più da colonna portante, ma da sporadico supporto per dare verve a una tracklist altrimenti eccessivamente omogenea. Psichedelia, synth, passaggi jazz, come al solito tanti ingredienti in “Noctourniquet”, un’opera più fruibile ma per nulla semplice da ascoltare.

È come se la musica dei nostri si fosse data una ripulita, una calmata generale, permettendo di esplorare territori eterei e dilatati come mai prima d’ora. Un bouquet emotivo affascinante in cui Cedric Bixler-Zavala si destreggia meglio che in passato, tenendo a freno l’esuberanza e lasciandosi andare in mirabili vocalizzi. Un concept sul mito greco di Giacinto, episodio narrato nelle “Metamorfosi” di Ovidio, che (forse) vuole sottolineare la trasformazione in seno alla band, ormai proiettata verso una nuova fase espressiva, molto meno intricata, in cui non mancano aperture “pop” che potrebbero far storcere il naso ai vecchi fan.

Sì, dopo uno sconcerto iniziale potrebbe anche essere questa la reazione. Ma dobbiamo renderci conto che i tempi di “Frances the Mute” sono passati da un pezzo, quindi non vale neppure la pena ascoltare il nuovo disco con lo spirito di chi guarda al passato con eccessivo attaccamento. I nuovi The Mars Volta sono questi, prendere o lasciare... Non tutto funziona ancora alla perfezione, ma il risultato, se lo si vuole trovare, è decisamente appagante.



01. The Whip Hand

02. Aegis

03. Dyslexicon

04. Empty Vessels Make the Loudest Sound

05. The Malkin Jewel

06. Lapochka

07. In Absentia

08. Imago

09. Molochwalker

10. Trinkets Pale of Moon

11. Vedamalady

12. Noctourniquet

13. Zed and Two Naughts

LiveReport
Lamb Of God - Self Titled Album Global Stream - Richmond, Virginia 18/09/20

LiveReport
Black Anima - Live from the Apocalypse 2020 - Milano 11/09/20

Recensione
Napalm Death - Throes Of Joy In The Jaws Of Defeatism

Speciale
L'angolo oscuro #9

Recensione
Finntroll - Vredesvävd

Recensione
Marilyn Manson - We Are Chaos