Raven
ExtermiNation

2015, SPV
Heavy Metal

Recensione di Luca Ciuti - Pubblicata in data: 22/04/15

Di cognome fanno Gallagher e provengono anche loro dal Nord dell’Inghilterra, ma a differenza degli illustri fratellini di Manchester, invece di passare il tempo tirandosi inutili frecciate a mezzo stampa preferiscono far parlare la musica a colpi di dischi e tour, un leit motiv che va avanti a fasi alterne ormai da quasi quarant’anni. John e Mark meglio di Noel e Liam, meno appetibili per i tabloid d’oltremanica ma senz’altro più produttivi e anche se sono passati cinque anni dal ritorno sulle scene con l’eccellente “Walk Through Fire”, la band di Newcastle si è presa tutto il tempo necessario per partorire una nuova release che lascerà soddisfatti  i fans. Esponenti di punta della New Wave Of British Heavy Metal, i Raven sono stati un’influenza decisiva per tutto il movimento speed/thrash: sono passati giusto trent’anni da quando il trio inglese scelse come opening act una promettente band di San Francisco a nome Metallica, gli stessi che lo scorso anno hanno ricambiato il favore davanti a oltre 70.000 persone per il loro concerto a San Paolo del Brasile. Corsi e ricorsi insomma, storie che si incrociano e si invertono; quello che non cambia è la voglia di divertire che continua a scorrere a fiumi nei dischi del trio britannico.

Da questo punto di vista “ExtermiNation” non fa eccezione e rappresenta un fulgido esempio di “athletic rock” come gli stessi Raven definiscono la loro musica. Granitici riff di chitarra e ritmiche telluriche, il suono dei corvi di Newcastle è abrasivo come una mano di cartavetrata e ha dalla sua un piglio scanzonato che lo rende perfetto per un’occasione di divertimento. “Extermination” si distingue sin dal primo ascolto per il piglio più aggressivo del solito, ha il giusto mix di potenza e melodia senza slanci particolari ne’ in un senso né in un altro, senza picchi che facciano gridare al miracolo ma anche senza particolari cadute di stile. I brani stuzzicanti non mancano, “Tomorrow” ha una botta e un chorus di tutto rispetto, magari la lunghezza del disco non giova ai fini del gradimento, ma non si tratta di certo di un lavoro da buttare o dimenticare.

I Raven sono oggi un trio di sopravvissuti inteso nell’accezione più nobile del termine; con tutti gli alti e bassi che caratterizzano la carriera pluridecennale di una band di culto, oggi la ditta Gallagher rimane una garanzia per gli amanti delle sonorità senza compromessi. Se cercate questo, e soltanto questo, “Extermination” vi lascerà senz’altro soddisfatti.




01. Destroy All Monsters
02. Tomorrow
03. It`s Not What You Got
04. Fight
05. Battle March/Tank Treads (The Blood Runs Red)
06. Feeding The Monster
07. Fire Burns Within
08. Scream
09. One More Day
10. Thunder Down Under
11. No Surrender
12. Golden Dawn
13. Silver Bullet
14. River Of No Return
15. Malice In Geordieland (bonus track)

Speciale
L'angolo oscuro #12

Intervista
Jakko Jakszyk: Jakko Jakszyk

Recensione
Bruce Springsteen - Letter To You

Recensione
Fever 333 - Wrong Generation

Intervista
Cindy Blackman Santana: Cindy Blackman Santana

Speciale
L'angolo oscuro #11