Bottega Glitzer
Ding!

2014, Leave Music/Universal
Pop/Folk

Recensione di Francesco De Sandre - Pubblicata in data: 08/04/14

Atmosfere parigine e balcaniche cantate in tedesco, disegnate con sapienza italiana e l’irriverenza degli esordi. Il talent scouting targato Universal colpisce ancora e non si lascia scappare il puro talento di Nadja Maurizi, artista ibrida dalla poli-nazionalità che conferisce a “Ding!” la qualità che ci si aspetta con la sua voce accogliente e gli accordi della malinconia. È questo, dopo l’EP autoprodotto del 2010, il primo album della (o dei) Bottega Glitzer, uno di quei nomi che suonano bene dappertutto, e non si fa riferimento solo alla denominazione della formazione: il gruppo romano abbraccia più generi, come vuole la regola del primo disco, condensando undici brani in una combinazione di Soul e Folk dai risvolti a tratti riflessivi o tristi, a tratti allegri e dinamici. L’unicità della fisarmonica fa il resto, ovvero colma i vuoti della standardizzazione, conferendo la dimensione viaggiatrice, itinerante, alla frizzante compagine. “Ding!” è retrò, e dallo sguardo al passato la Glitzer ha già iniziato a muovere i primi passi verso un roseo futuro. Sperando che la dimensione della Bottega non venga ampliata in una sorta di industria, godiamoci questo singolare esempio di songwriting nazionale. 





01. Baby
02. Vieni Qui
03. Will Tanzen
04. Garden Of Cotton Hearts
05. Weinnacht
06. J'Aime Ça
07. Mr. Perfect
08. Geh Nicht Fort
09. Tutte Queste Cose
10. Your Smile
11. Abba

Intervista
Danko Jones: JC

Speciale
ESCLUSIVA: ascolta lo streaming di "Don't Listen And Drive!"

Speciale
PREMIERE: guarda il video di "Kofi"

Speciale
Pistoia Blues Festival 2019: tutti i dettagli della 40esima edizione

Speciale
ESCLUSIVA: ascolta lo streaming di "Quetzal"

LiveReport
Low - Double Negative Tour 2019 - Roma 08/04/19