Cadaveria
Horror Metal - Undead Edition

2013, Bakerteam Records
Black Metal

Recensione di Stefano Torretta - Pubblicata in data: 24/05/13

Nel 2012 i Cadaveria ritornavano sulle scene dopo cinque anni di silenzio presentando l'ottimo "Horror Metal", apprezzato sia dalla critica che dal grande pubblico. Ad un anno dalla pubblicazione del fortunato album, i Cadaveria lo ridanno alle stampe, ancora in collaborazione con la loro etichetta, la Bakerteam Records, in un'edizione speciale celebrativa per l'occasione rinominata "Undead Edition".


Il "valore aggiunto" di questa nuova edizione è dato dalla presenza di due tracce in versione remix: in "Whispers Of Sin (Ancestral Remix)" sono state registrate nuovamente le parti di batteria, che suonano nettamente meno thrash e più "ancestrali" (secondo quanto espresso da Cadaveria in persona); in "Hypnotic Psychosis (Chaotic Remix)", invece, ad essere state registrate nuovamente sono le linee vocali, che risultano ora più aggressive, senza più passaggi smaccatamente avantgarde.

 

Per quanto riguarda il resto dell'album, le prime undici tracce rimangono invariate e quindi meritano nuovamente l'ottimo giudizio che già si erano guadagnate l'anno scorso. Il lavoro svolto da Cadaveria (ex Opera IX, attualmente anche nei Dynabyte) alla voce è veramente notevole, con l'abilità di alternare i diversi registri per passare da un growling imponente a linee melodiche più vicine in alcuni casi alla darkwave o all'avantgarde. Alle chitarre (per la prima volta nella storia dei Cadaveria, sdoppiate) troviamo Stefano "Frank Booth" Tappari e la nuova aggiunta Cristian "Dick Laurent" Scarponi (ex Tears of Christ, ex Orcrist, ex Calvary) capaci di regalare una varietà stilistica ai brani nettamente superiore a quella degli album passati. La sezione ritmica non è certamente da meno, con Marçelo "Flegias" Santos (ex Opera IX, attualmente anche nei Necrodeath) alla batteria, con il suo inconfondibile stile, graziato anche da un volume che permette di mettere in primo piano il suo operato, e John "Killer Bob" al basso, forse quello più penalizzato ed in secondo piano rispetto agli altri strumenti.


Guardando le tracce, i Cadaveria non si fanno mancare assolutamente nulla: "Flowers In Fire" è il tipico brano à la Cadaveria; con "Whispers Of Sin", "The Days Of The After And Behind" e "This Is Not The Silence" ci troviamo più dalle parti del thrash; "Assassin" e "Apocalypse" viaggiano più dalle parti del death.


In definitiva "Horror Metal" è un album ben suonato ed estremamente ispirato, forse tra i migliori dei Cadaveria, ed il successo ottenuto l'anno scorso è più che meritato. Arrivando invece a valutare questo "Horror Metal - Undead Edition" bisogna chiedersi quanto fosse necessario pubblicarlo: la qualità artistica delle prime undici tracce è più che evidente (ed è l'unico motivo per cui, nonostante tutto, questa Undead Edition si guadagna il voto presente a fine recensione) mentre le due tracce aggiuntive sono interessanti ma più che di remix si tratta solamente di nuove registrazioni: in particolare, delle linee vocali di una canzone e della parte di batteria di un'altra. Più che di un "regalo" io parlerei di ripensamento da parte dei Cadaveria della riuscita di due loro pezzi e del volerli rendere migliori approfittando di questa edizione speciale. Anche per quanto riguarda il pubblico al quale il disco è indirizzato il discorso si fa complicato: l'ascoltatore medio che già è in possesso della versione dello scorso anno non sarà di certo invogliato a comprarne un doppione. Il vero bacino d'utenza sarà il fan accanito che non si vuole fare scappare nulla della propria band preferita e tutti coloro che non avevano acquistato "Horror Metal" al momento della sua uscita.

 

A mio vedere questa "Undead Edition", in un'ottica puramente commerciale, poteva benissimo essere evitata, optando magari per un DVD celebrativo con un live della band o qualche altra chicca che non facesse pensare ad una bieca operazione commerciale al fine di spremere quanti più soldi possibili ai poveri fan.





01. Flowers In Fire

02. The Night's Theatre

03. Death Vision

04. Whispers Of Sin

05. Assassin

06. The Days Of The After And Behind

07. Apocalypse

08. The Oracle (Of The Fog)

09. Requiem

10. This Is Not The Silence

11. Hypnotic Psychosis

12. Whispers Of Sin (Ancestral Remix)

13. Hypnotic Psychosis (Chaotic Remix) 

LiveReport
Lamb Of God - Self Titled Album Global Stream - Richmond, Virginia 18/09/20

LiveReport
Black Anima - Live from the Apocalypse 2020 - Milano 11/09/20

Recensione
Napalm Death - Throes Of Joy In The Jaws Of Defeatism

Speciale
L'angolo oscuro #9

Recensione
Finntroll - Vredesvävd

Recensione
Marilyn Manson - We Are Chaos