Def Leppard
The Story So Far - The Best Of

2018, Bludgeon Riffola
Hard Rock

Recensione di Simone Muzzoni - Pubblicata in data: 31/12/18


A poco più di un anno dalla ristampa di Hysteria, in occasione del trentennale del loro disco di maggior successo, i Def Leppard tentano ancora la carta del revival con questo "The Story So Far- The Best Of", raccolta che esce con l'intento di ripercorrere la carriera della band, dai primi successi fino agli ultimi anni. Con le ultime due ristampe, la band di Joe Elliott cerca di mascherare una certa latitanza nella produzione di nuovi inediti: l'ultimo disco omonimo è lontano infatti quasi 4 anni, mentre è già trascorsa una decade dal precedente "Songs From The Sparkle Lounge".


Gli inediti sono forse l'unico vero assente nella raccolta, se escludiamo "We All Need Christmas", presente però in uno solo dei tre formati disponibili, ovvero nella versione 2 LP + bonus 7 "(gli altri due formati proposti sono invece i canonici da uno e due CD). Ciò che salta subito all'occhio leggendo la scaletta è la totale mancanza di brani estratti dai primi due album della band ("On Through The Night" e "High ‘N' Dry), scelta particolare per questa raccolta che include tutti i più grandi successi, a partire da "Pyromania" del 1983.

 

Il primo disco copre l'arco temporale che va dal 1983 ad "Adrenalize" (1992), la cui uscita, immediatamente successiva alla morte del chitarrista Steve Clark, chiuse la prima parte di carriera del complesso. Immancabili, troviamo sfoggiati uno dopo l'altro i singoli storici della band: "Pour Some Sugar on Me" e "Love Bites" da Hysteria, "Photograph", "Foolin'" e "Rock of Ages" da Pyromania, ma giusto spazio si ritagliano anche alcuni dei classici più significativi del gruppo, tra cui "Armageddon It", "Hysteria", "Animal" e "Rocket" (per citarne solo alcune).


Uniche intruse nel festival degli anni d'oro della band sono, la cover in chiave hard rock di "Personal Jesus" (grande successo dei Depeche Mode), oltre alle due ballad pubblicate nel'93, in occasione della prima raccolta di hits, "Vault": parliamo di "Two Steps Behind", brano acustico dalle note delicate e suggestive, che venne utilizzato nella colonna sonora del film "Last Action Hero"; per finire con "When Love & Hate Collide", lento dall'incedere soffuso e pacato, tanto negli accordi quanto nel cantato di Elliott, quasi sussurrato a tratti: uno dei brani migliori della band, specialmente perché riuscì a introdurre un sound più intimista e introspettivo, in linea con le sonorità tipiche degli anni '90.


Esaurita la carrellata delle grandi hit, nel secondo disco è invece preponderante il materiale della seconda parte di carriera: gli ultimi 6 album della band sono rappresentati più o meno da due brani a testa (fa eccezione "Slang", che segnò il ritorno del '96). Nonostante l'assenza di singoli scala-classifica e di vere killer track, non mancano episodi sicuramente godibili: tra questi senza dubbio l'opener "Let's Go", bel brano frizzante estratto dall'ultimo disco del 2015, oltre a "Nine Lives", interessante duetto tra Joe Elliot ed il cantautore country Tim McGraw. Da segnalare anche la presenza in fondo alla scaletta delle tracce inedite rilasciate nel live album "Mirror Ball", ovvero "It's All About Believin'", "Undefeated" e "Kings of the World", con le ultime due che sono state concepite per tributare un degno omaggio ai Queen.

 

Piace pensare che questo album, che è stato rilasciato in contemporanea con una raccolta di singoli, "The Hysteria Singles", box in edizione limitata con 10 singoli 7'' in vinili, sia solo il preludio dell'uscita di materiale inedito.





Disc 1
01. "Animal"
02. "Photograph"
03. "Pour Some Sugar On Me"
04. "Love Bites"
05. "Let's Get Rocked"
06. "Armaggedon It"
07. "Foolin'"
08. "Two Steps Behind"
09. "Heaven Is"
10. "Rocket"
11. "Hysteria"
12. "Have You Ever Needed Someone So Bad"
13. "Make Love Like A Man"
14. "Action"
15. "When Love & Hate Collide"
16. "Rock of Ages"
17. "Personal Jesus"

Disc 2
01. "Let's Go"
02. "Promises"
03. "Slang"
04. "Bringin' On The Heartbreak"
05. "Rock On (Radio Remix)"
06. "Nine Lives" (feat. Tim McGraw)
07. "Work It Out"
08. "Stand Up"
09. "Dangerous"
10. "Now"
11. "Undefeated"
12. "Tonight"
13. "C'Mon C'Mon"
14. "Man Enough"
15. "No Matter What"
16. "All I Want Is Everything"
17. "It's All About Believing"
18. "Kings Of The World"

HYSTERIA: THE SINGLES TRACKLISTING:
DISC ONE: Women / Tear It Down (US Version)
DISC TWO: Animal / I Wanna Be Your Hero (US Version)
DISC THREE: Hysteria / Ride in To the Sun (Int Version)
DISC FOUR: Pour Some Sugar on Me / Ring of Fire (US Version)
DISC FIVE: Love Bites / Billy's Got A Gun (Live)(Int Version)
DISC SIX: Armageddon It / Release Me (Can Version)
DISC SEVEN: Rocket / Woman (Live) (US Version)
DISC EIGHT: Excitable / Run Riot (Album Version)
DISC NINE: Love and Affection / Don't Shoot Shotgun (Album Version)
DISC TEN: Animal / Tear It Down (Spanish Artwork Version)

Intervista
Frank Carter & The Rattlesnakes: Frank Carter

Speciale
ANTEPRIMA: guarda il video di "Pray"

LiveReport
Florence + The Machine "High as Hope" Tour 2019 - Bologna 17/03/19

Speciale
ESCLUSIVA: ascolta lo streaming di "Cobalt"

Intervista
Queensr˙che: Todd La Torre

Intervista
Shadowparty: Tom Chapman, Josh Hager, Phil Cunningham