James Bay
Electric Light

2018, Virgin EMI Records
Pop Rock

Recensione di Francesco De Sandre - Pubblicata in data: 22/05/18

"Scusate, scusate". Chiede permesso sin dal primo attimo, James Bay, artista-rivelazione da cui, in questo 2018, ci si aspettava una rivelazione ad illuminare un cammino che, dopo un esordio a dir poco lucente, avrebbe potuto avviarsi verso qualsiasi direzione - leggasi genere, per chi di musica vive.

 

Permesso o perdono? Il divario è tipicamente British, il dubbio è lecito e nemmeno troppo sottile: permesso, nel mondo dei grandi, per potersi guadagnare uno spazio tra i big. Perdono, nei confronti del mondo dei piccoli, che per forza lascia: è il cerchio della vita, qualcun altro prenderà il suo posto nella giostra che va. La savana ruggisce in "In My Head", caos artistico musicale, ultimo esercizio multidisciplinale eseguito prima di salire sull'auto di Electric Light, il disco che doveva farci sapere quale sarebbe stata la strada intrapresa da James Bay.

 

Il ragazzo di Hitchin ha scelto il Soul, abbracciando un'attitudine, più che un genere. Con un album coriaceo, rabbioso e dolce, ha scelto le origini, il battito del cuore: proprio e degli altri, quegli "Each Other" che contagia, consola e coinvolge in una danza attorno al fuoco. Elettrico perché si scosta dal legno di Chaos and the Calm, lucente perché positivo negli intenti, nei concetti e negli obiettivi. A tre anni da un esordio già maturo, con cortesia e coraggio James Bay gioca a fare il giovane (che è), forte di un talento con cui si nasce e che si avverte in un tocco. Elettrico.





01. Intro
02. Wasted On Each Other
03. Pink Lemonade
04. Wild Love
05. Us
06. In My Head
07. Interlude
08. Just For Tonight
09. Wanderlust
10. I Found You
11. Sugar Drunk High
12. Stand Up
13. Fade Out
14. Slide

Intervista
Dropkick Murphys: Matt Kelly

Intervista
Sabaton: Hannes Van Dahl

LiveReport
Slipknot e Behemoth: così parlò la maschera, il racconto del concerto di Milano - Assago (MI) 11/02/20

Recensione
Green Day - Father Of All...

Intervista
Delain: Charlotte Wessels, Martijn Westerholt

Intervista
Sepultura: Derrick Green