Katatonia
Kocytean [EP]

2014, Peaceville Records
Alternative Rock

Recensione di Alessio Sagheddu - Pubblicata in data: 17/05/14

Avrete sicuramente vissuto una di quelle interminabili notti, in cui il sonno, con fare prezioso, vi evita senza fare troppi complimenti. Ognuna di queste, si sa, ha bisogno di una colonna sonora adeguata, che possa essere ascoltata sotto quel tenue chiarore lunare che sembra voler sabotare ancor di più il nostro riposo. E' quasi pensato per queste occasioni "Kocytean", nuovo EP dei Katatonia, che credeva di passar inosservato e che noi non ci siamo lasciati sfuggire, rimanendo piacevolmente spiazzati.

 

L'EP in questione non è altro che un vinile 12'' in edizione limitata a 2000 copie, presentato lo scorso 19 aprile in occasione del Record Store Day. Un lavoro che può essere considerato quasi una compilation, visto che all'interno non c'è spazio per alcun brano inedito: vi trovano posto sei tracce, b-side non esattamente sconosciute. Abbiamo "Second" (la più movimentata della tracklist) e "The Act Of Darkening", entrambe scartate da "Dead End Kings"; preziosi rimandi a "Night Is The New Day" ("Sold Heart" e "Ashen") e una delicata "Unfurl" - mai giustamente messa in evidenza - posta esclusivamente a far da prima donna in un EP datato 2007 ormai smarrito tra i ricordi. Ma qual è lo scopo di questo mini raccolta? Per quanto ci riguarda, tenerci compagnia, in loop, in questa nostra lunga notte... senza cedere alla distanza, senza stancare. O, più concretamente, fornire finalmente una casa a una serie di piccole gemme, scongiurando il pericolo che possano essere dimenticate.

 

PS: Allegate all'EP, quasi come un booklet, quattro splendide immagini realizzate dall'oramai familiare Travis Smith, che seguono il lirismo delle sei tracce. 





Recensione
Alter Bridge - Walk The Sky

LiveReport
Volbeat - Rewind, Replay, Rebound World Tour - Milano 14/10/19

LiveReport
Pixies - UK & Europe Tour 2019 - Bologna 11/10/19

Recensione
Nick Cave & The Bad Seeds - Ghosteen

Videointervista
Lacuna Coil: Cristina Scabbia, Andrea Ferro

Recensione
Lacuna Coil - Black Anima