Krokodil
Nachash

2014, Spinefarm Records
Sludge

Recensione di Riccardo Coppola - Pubblicata in data: 04/12/14

Sludge pestato, durissimo, cattivo: si presentano senza andare troppo per il sottile i Krokodil, ensemble composto da membri di SikTh, Gallows, Cry for Silence ed Hexes che sceglie come moniker quello che è anche il nome di una devastante droga dei sobborghi russi, e che dà con "Nachash" un sanguinoso battesimo discografico alla propria musica.

Quello della band è sound in bilico tra le cattiverie rallentate dei Neurosis -più d'una volta le urla riescono ad avvicinarsi in quanto a struggente intensità a quelle di Scott Kelly, pur perdendosi altrove in qualche farfugliamento fin troppo inintellegibile- e le deviate alienazioni dei Mastodon del decennio scorso -alcuni groove dannatamente divertenti come quello di "Reptilia Familiar", o riff arzigoglati come quello in testa a "Porcelain Bones"- condito, sporadicamente, da fasi più dirette dall'approccio quasi -core ("Dead Man's Path") o inaspettate aperture malinconico-melodiche ("The Collapse").

Solido e monolitico, "Nachash" manca però quasi del tutto della capacità di innovare e di differenziarsi, riuscendo a stordire ma, sostanzialmente, non a stupire. E non sono sufficienti, allo scopo, i tre godibili minuti atmosferici della strumentale "Ragnarok" o l'ospite d'onore Simon Neill (Biffy Clyro) sulla comunque abbastanza confusa "Sun Riders", se bastano pochi istanti per rituffarsi in una formula che a quel punto avrà già abbondantemente stufato.



01. Shatter
02. Skin Of The Earth
03. Dead Man's Path
04. A Life Lived In Copper, But Painted In Gold
05. Reptilia Familiar
06. Porcelain Bones
07. The Collapse
08. Sleep Well, Medusa
09. Ragnarok
10. Sun Riders
11. Sobek
12. Phyllotaxis

LiveReport
Archive - 25th Anniversary Tour - Roma 03/12/19

LiveReport
Alter Bridge, Shinedown, The Raven Age - "Walk The Sky" Tour 2019 - Assago (MI) 02/12/19

Intervista
The Low Anthem: The Low Anthem

Speciale
Music Industry e innovazione tecnologica: la blockchain come strumento per rivoluzionare il mercato

Speciale
Alter Bridge: la nostra top 20

Speciale
Pink Floyd “The Later Years 1987-2019”