Player
Too Many Reasons

2013, Frontiers Records
Pop Rock

Recensione di Francesco De Sandre - Pubblicata in data: 18/03/13

Un genere musicale senza tempo e soprattutto senza età, è il genere che fa del romanticismo e della sdolcinatezza armi vincenti con le quali diffondersi e perpetuare: orecchiabili e apprezzabili, gli americanissimi Player uniscono alla classe di sempre la loro maturità artistica, al punto da ottenere un sound pop-rock giudizioso e classicheggiante, che accontenta chiunque si ponga all’ascolto.

Prima di far innamorare migliaia di casalinghe ed appassionate con il suo sguardo ammaliante, Ronn Moss, l’attore paladino della storica soap opera "Beautiful", apriva la porta del mondo dello spettacolo con la chiave del pentagramma. Grazie a lui si assemblarono, dopo vari cambi di denominazione, gli stessi Player, che anche quest’anno propongono (o meglio ri-propongono) le loro canzoni, che trattano quasi esclusivamente di amore e bellezza, attraverso mielosi toni sicuramente ben strutturati e pregevolmente eseguiti, ma che ormai non sorprendono più di tanto. I brani più suggestivi sono chiaramente i più radiofonici: “I Will” descrive il sogno di un amante, “My Addiction” celebra la forza della coppia di innamorati e la title-track “Too Many Reasons” sancisce definitivamente che i Player sono un altro esempio di musicisti nostalgici che guardano agli anni d’oro per celebrare un sentimento sempre attuale, riferimento dell’arte in generale.

Semplici, dolci e sempre gradevoli, i Player riversano in questo ultimo lavoro tutta l’esperienza accumulata in tanti anni di intrattenimento, riflettori puntati e alternate reunion.



01. Man On Fire
02. Precious
03. I Will
04. Tell Me
05. The Sins Of Yesterday
06. My Addiction
07. Too Many Reasons
08. To The Extreme
09. The Words You Say
10. Life In Color
11. A Part Of Me
12. Kites
13. Nothin’ Like You
14. Baby Come Back

LiveReport
Archive - 25th Anniversary Tour - Roma 03/12/19

LiveReport
Alter Bridge, Shinedown, The Raven Age - "Walk The Sky" Tour 2019 - Assago (MI) 02/12/19

Intervista
The Low Anthem: The Low Anthem

Speciale
Music Industry e innovazione tecnologica: la blockchain come strumento per rivoluzionare il mercato

Speciale
Alter Bridge: la nostra top 20

Speciale
Pink Floyd “The Later Years 1987-2019”