Saint Vitus
Saint Vitus

2019, Season Of Mist
Doom

Recensione di Giovanni Ausoni - Pubblicata in data: 29/05/19

Se iniziassimo ad ascoltare il nuovo lavoro omonimo dei Saint Vitus dalla coda, si potrebbero comprendere più facilmente le matrici originarie del sound della leggendaria band losangelina: il penetrante punk/hardcore di "Useless", infatti, non costituisce soltanto un omaggio affettuoso alla propria primissima giovinezza, ma anche la testimonianza della cifra singolare di un gruppo che ha saputo costruirsi un'identità riconoscibile in un oceano di numerosi concorrenti. Doom con la D maiuscola quello ricamato da sempre dal fondatore e chitarrista Dave Chandler: decadente, gonfio, lisergico, eppure ricoperto da una patina grezza e truce, lontano tanto dalle atmosfere magiche dei Pentagram quanto dalle digressioni heavy metal dei Trouble.

 

Il ritorno in sella del cantante originario Scott Reagers, dalla voce istrionica e teatrale, permette al combo di ritrovare una discreta coesione di scrittura e interpretazione dopo la mezza delusione di "Lille: F-65": intitolare l'album al pari dell'ottimo esordio, poi, manifesta da un lato il proposito di pescare dal passato determinati elementi strutturali, dall'altro la volontà di chiudere, forse definitivamente, un sentiero artistico intrapreso quattro decadi orsono.

 

Così, quando le pennate distorte all'inverosimile di "Remains" o "Last Breath" minacciano di curvare l'asse d'inclinazione terrestre, quando i feedback allucinati di "Wormhole" mettono a dura prova il precario equilibrio auricolare dell'umanità, quando "Bloodshed" e "12 Years In Tomb" evocano collaborazioni occulte tra Jimi Hendrix e Tony Iommi, ci accorgiamo che il full-length non è frutto di una stagionata boutade. Certo, non tutto quadra alla perfezione: "A Prelude To ..." sa di sperimentazione poco convinta, "Hour Glass" non va oltre una solida rispettabilità di maniera, l'intermezzo ambient "City Park" rappresenta una superflua nota di colore. Nel complesso, però, il platter funziona, benché i nostri non brillino, fisiologicamente, per variazioni cromatiche.

 

I Saint Vitus, dunque, tornano sé stessi: malgrado "Born Too Late" e "Die Healing" restino insuperabili, i canuti araldi della musica del destino costruiscono un lavoro comunque degno della loro carriera. E un verso epitaffio come "A fitting way to end your time" la dice lunga sul significato recondito del disco.





01. Remains
02. A Prelude To ...
03. Bloodshed
04. 12 Years in the Tomb
05. Wormhole
06. Hour Glass
07. City Park
08. Last Breath
09. Useless

Recensione
Korn - The Nothing

LiveReport
Alice Cooper - Ol'Black Eyes Is Back Tour 2019 - Torino 10/09/19

LiveReport
Duff McKagan - Tour 2019 - Milano 08/09/19

Recensione
Iggy Pop - Free

Intervista
Sonata Arctica: Tony Kakko

Intervista
Destruction: Marcel Schmier