Krisiun
Scourge of the Enthroned

2018, Century Media
Death Metal

I fan possono invece tirare un sospiro di sollievo: i Krisiun sono tornati, più cattivi e violenti che mai
Recensione di Icilio Bellanima - Pubblicata in data: 06/09/18

Chi ascolta i Krisiun non cerca intricate trame chitarristiche, tentacolari soli di basso tra la fusion e il progressive kingcrimsoniano o tecnici vocalizzi: vuole blasfemia, truculenza, brutalità. “Scourge of the Enthroned”, ultima fatica del trio brasiliano, arriva con la tracotanza di un fulmine a spazzare via i dubbi e le storture di naso generati dal precedente ”Forged in Fury”, più lento, più lungo, meno selvaggio. Il nuovo lavoro, sempre sotto Century Media, sempre con Andy Classen in cabina di regia, ripristina l'ordine naturale delle cose, tra smitragliate assassine, riff convulsi e gravity blast che sfiorano la velocità della luce, e poco importa se non ci sono trigger a rimettere ogni colpo sui rigidi e freddi binari di una produzione robotica, meccanica e a volte senza cuore.
 

Quello dei Krisiun è sempre stato un death metal vecchia scuola, truculento, viscerale, sottolineato dalla produzione targata Stage One Studio, cruda, asciutta, priva di fronzoli, che si dà un contegno solo per non impastare un suono che, con i veloci e ignorantissimi riff di uno dei due fratelli Kolesne in formazione (Moyses, per la precisione), si sarebbe avvicinato pericolosamente alla bolgia infernale evocata dalla blasfema attitudine del trio, che con titoli come "Slay The Prophet" non le manda di certo a dire. “Scourge of the Enthroned” non lascia tregua: i momenti in cui i BPM scendono sotto la soglia d'emergenza si contano sulle dita di una mano, illudendo l'ascoltatore di avere almeno un attimo di respiro, salvo poi smentirsi qualche riff dopo, come nella conclusiva “Whirlwind of Immortality”, un sigillo demoniaco su un album brutale e senza compromessi. In “Demonic III” c'è anche spazio per un'auto-citazione (a Black Force Domain), non che i Krisiun ne abbiano bisogno, in realtà: la loro concezione di death metal, unita al loro riffing, è ormai un marchio di fabbrica.

 

Tolte le imprecisioni di natura puramente tecnica, a questo disco manca solo un po' di varietà, con una lieve sensazione di déjà vu che si respira lungo le 8 canzoni che lo compongono, inevitabile in un assalto sonoro del genere. Manca anche quel guizzo compositivo realmente geniale, ma è talmente veloce, onesto e incontrollato da riuscire a scalfire anche i preconcetti dei fan del genere che non hanno mai particolarmente apprezzato i tre brasiliani. I fan possono invece tirare un sospiro di sollievo: i Krisiun sono tornati, più cattivi e violenti che mai.





01. Scourge of the Enthroned  
02. Demonic III 
03. Devouring Faith  
04. Slay the Prophet 
05. A Thousand Graves 
06. Electricide 
07. Abysmal Misery (Foretold Destiny) 
08. Whirlwind of Immortality 

Speciale
ESCLUSIVA: ascolta lo streaming di "Thousand Souls Of Revolution"

Speciale
PREMIERE: guarda il video di "La Notte Di Valpurga"

Recensione
Muse - Simulation Theory

Speciale
ESCLUSIVA: ascolta lo streaming di "Il Blu Di Ieri"

LiveReport
Bullet For My Valentine Gravity Tour 2018 - Bologna 31/10/18

Speciale
ESCLUSIVA: ascolta lo streaming di "The Living Past"