Set It Off
Duality

2014, Rude Records
Pop Rock

Recensione di Francesco De Sandre - Pubblicata in data: 28/12/14

Il salto dei Set It Off nel mainstream della grande distribuzione avviene con l'ultimo album, pubblicato a metà Ottobre via Rude Records, che va quindi ad addolcire il roster della storica etichetta Punk Rock. In "Duality", guardando al di là del banale concetto che il titolo vuole presentare - solo un presupposto per lanciarne la vendita - si distinguono a sorpresa degli elementi sonori che costituiscono novità; per questo la formazione made in Florida merita menzione ed attenzione. All'interno del solito schema compatto e inflessibile che il genere presuppone, di brano in brano prende sempre più spazio la dimensione orchestrale della band. Trombe, fiati, timpani e archi possono convivere con un Pop Rock molto veloce, ne è la prova la tracklist di "Duality": la polivalente base strumentale salva i Set It Off dal paragone di nuovi Fall Out Boy. Sebbene il bacino d'utenza e la naturale frequentazione sia evidente e ben definita (Four Year Strong, My Chemical Romance, All Time Low, New Found Glory, We The Kings), Cody Carson e soci puntano tutto sulla sommatoria di melodia e classicismo. La simmetria presentata è stilisticamente interessante perchè, pur timidamente, rappresenta un tentativo di evoluzione di uno schema rigido: uno spunto nel quasi sconosciuto mondo dell'Orchestral Pop Rock ci viene regalato da una band anagraficamente giovanissima, che tra Gennaio e Febbraio attraverserà anche l'Europa in un tour teatral-musicale che non prevede tappe italiane.



01. The Haunting
02. N.M.E.
03. Forever Stuck in Our Youth
04. Why Worry
05. Ancient History
06. Bleak December
07. Duality
08. Wolf in Sheep's Clothing ft. William Beckett
09. Tomorrow ft. Jason Lancaster
10. Bad Guy
11. Miss Mysterious

LiveReport
Knotfest meets Hellfest 2019 - Clisson, Francia 20/06/19

LiveReport
Papa Roach - Who Do You Trust? EU Tour - Bologna 18/06/19

LiveReport
Firenze Rocks 2019 - Day 3: Eddie Vedder & more - Firenze 15/06/19

LiveReport
Firenze Rocks 2019 - Day 1: Tool & more - Firenze 13/06/19

Recensione
Baroness - Gold & Grey

Intervista
Satan Takes a Holiday: Fred Burman