Skid Row
Slave To The Grind

1991, Atlantic Records
Hard Rock

Recensione di Luca Ciuti - Pubblicata in data: 02/01/16

Se siete fra quelli che hanno già messo in fresco lo spumante avanzato a Capodanno  per salutare prontamente l'imminente ritorno dei Guns n'Roses, non vi sarà neppure sfuggita la notizia dello split  fra gli Skid Row e il vocalist Tony Harnell: le voci di una ipotetica e agognata reunion con Sebastian Bach si sono subito rincorse prima ancora che la band si affrettasse a smentire a tempo di record qualsiasi ipotesi in tal senso. E' con una rapida associazione di idee (e una punta di nostalgia) che i ricordi ci riportano dritti al 1991, l'anno di "Use Your Illusion" e del Black Album, ultimo domicilio conosciuto di band che hanno segnato in modo indelebile l'adolescenza di milioni di persone. Fu un anno generoso per i rockettari d'ogni estrazione, il 1991, a partire da quel "Nevermind" uscito in settembre che avrebbe cambiato il corso della storia. L'estate appena trascorsa era stata la più calda degli ultimi quarant'anni e per ben undici giorni consecutivi nel mese di agosto in Italia si raggiunse la temperatura media di 33°gradi centigradi. Ci piace pensare che un grosso contributo all'innalzamento della colonnina di mercurio lo dettero senz'altro gli Skid Row, che in giugno avevano dato alle stampe il loro attesissimo secondo disco.
 
"Slave To The Grind" seguiva di due anni l'acclamato debutto con il quale i cinque del New Jersey avevano fatto breccia nei cuori di milioni di adolescenti, complice sì il faccione da belloccio di Sebastian Bach ma anche un disco che non presentava punti deboli. Da lì il tour con i Mötley Crüe e Bon Jovi, che da bravo conterraneo li aveva scoperti e messi sotto la propria ala protettiva. Sembrava che una nuova stagione per il Sunset Boulevard e il rock americano fosse alle porte, una sorta di estensione di quei favolosi anni '80. Gli Skid Row però, ed erano in pochi a saperlo, avevano la stoffa dei veri rockers. Con una mossa per i tempi alquanto inusuale, con il secondo lavoro in studio gli Skid Row optarono per il cambio di rotta e chi pronosticava un ammorbidimento o una ulteriore commercializzazione sulla scia del grande successo ottenuto fu colto clamorosamente in contropiede. "Slave To The Grind" è un disco pesante, pesantissimo, proprio come una zavorra in mezzo al mare. La band mette sul tavolo quelle influenze che aveva tenuto con pudore nel cassetto e ne esce un disco che è un autentico macigno, il pubblico è tramortito, spiazzato, e anche i detrattori si tolgono il cappello, qui non c'è solo il coraggio della scelta controcorrente, ma dodici brani da spellarsi le mani che non si limitano a bussare alla porta dell'heavy metal: resiste il groove di derivazione street rock, così pericolosamente al limite dall'essere fuori moda (sarà dopotutto questione di pochi mesi) ma ancora efficace quando sporcato dovere come nel singolo "Monkey Business". Con la title track i livelli di BPM e distorsione si alzano in modo vertiginoso, mentre "Get The Fuck Out" e "Riot Act" soddisfano la sete di quelli che desiderano un rock n'roll senza troppe declinazioni. "Slave to The Grind" è per certi versi un disco di passaggio, la transizione fra due epoche: se dopo "Appetite" i Guns n'Roses avessero fatto uscire un disco così oggi parleremmo di una pietra miliare in perfetta continuità con il predecessore, allo stesso modo in cui "Psycho Love", "Mudkicker" e "Creepshow" conferiscono quel tocco alternativo e "groovy" che colloca saldamente la band negli anni '90. Non pensate a "Slave To The Grind" come un disco per soli palati duri: "Wasted Time", "Quicksand Jesus" e "In A Darkened Room" sono tre ballads di altissimo livello che vibrano di intensità sulla falsariga di quelle del debut (serve ricordare i titoli...?) e si guadagnano con onore il piazzamento nella classifica dei singoli. Che alla fine dei conti saranno ben cinque, niente male per un gruppo che aveva deciso di andare controcorrente, ci provarono anche gli Warrant l'anno successivo con un disco ancora più audace, ma loro partivano svantaggiati, non avevano alle spalle un lavoro come "Skid Row" e non avevano forse il rock duro nel DNA, non almeno nella misura in cui lo avevano Sebastian Bach e compagni. Che non saranno stati degli innovatori, e magari saranno stati pure favoriti dai lineamenti fanciulleschi del frontman, ma che restano ancora oggi fra i gruppi più in rotazione nelle discoteche rock di mezzo mondo.
 
Fu un'estate caldissima quella del 1991, e a stemperarla non avrebbero contribuito certo  il Black Album e "Use Your Illusion". Il ciclone Nirvana passerà subito dopo, portando un po' di malinconia e trascinando con sé il ricordo di un grande disco. Reunion o meno, questo potrebbe essere davvero il momento giusto per rispolverarlo.




LiveReport
Florence + The Machine "High as Hope" Tour 2019 - Bologna 17/03/19

Speciale
ESCLUSIVA: ascolta lo streaming di "Cobalt"

Intervista
Queensr’che: Todd La Torre

Intervista
Shadowparty: Tom Chapman, Josh Hager, Phil Cunningham

Speciale
PREMIERE: guarda il video di "Nimrod"

Speciale
PREMIERE: guarda il video di "Heart Of Stone"