Timo Tolkki’s Avalon
Return To Eden

2019, Frontiers Records
Power Metal

Melodia, classe, forza e un cast stellare!
Recensione di Marco Ferrari - Pubblicata in data: 14/06/19

Siete amanti del power metal, ma non ne potete assolutamente più del proliferare di album etichettati “Metal Opera” quasi come fosse ormai un genere a sè stante? Siete totalmente stufi di ascoltare dischi costruiti e strutturati con il “copia / incolla” e ormai prevedibili come i postumi di  una sbronza? Bene, allora Return to Eden è il disco che stavate aspettando da anni. Capisco il vostro scetticismo davanti a questa affermazione, soprattutto alla luce dei due precedenti capitoli usciti sotto il moniker Timo Tolkki’s Avalon, ma basterà un attento ascolto di “Return to Eden” per capire che abbiamo tra le mani un album che si discosta in modo significativo da una corrente musicale sempre più arida e priva di idee.
 
Per il terzogenito del suo nuovo progetto il buon Timo Tolkki cambia tutto e viene affiancato da una squadra di musicisti, compositori e produttori decisamente forte, ben affiatata ed italianissima. Alle indubbie doti del maestro finlandese del power metal si affiancano, difatti, Aldo Lonobile (chitarra e produzione), Andrea Buratto (basso), Giulio Capone (batteria) e Antonio Agate (tastiere), personaggi della scena power metal italiana che di certo non hanno bisogno di presentazioni, ma che identificano in maniera molto forte la direzione artistica di “Return to Eden”.

 
Perdonate la lunga introduzione, ma è funzionale ad evidenziare il vero punto di forza del disco: quello che è nato anni orsono come un progetto di un singolo è oggi diventato il progetto di un gruppo, nel senso più positivo del termine. L’album, difatti, gode di una superba coesione tra i brani e di un feeling univoco che incanta per tutta la sua durata. Di brano in brano cambiano gli ospiti dietro al microfono, ma come detto sono appunto… guest. Tutte le linee vocali sono ben definite e coerenti e si sposano alla perfezione alla funzionalità sia delle singole tracce che del platter nel suo insieme.

 
Il primo singolo estratto, “Promises”, ha il compito di aprire le danze e lo fa nel migliore dei modi: il classico suono Tolkkiniano viene esaltato da un Todd Michael Hall monumentale, il tutto esaltato da un lavoro egregio negli arrangiamenti, capace di dare la giusta profondità sonora e rendere il brano piacevole sin dal principio, ma sorprendente anche dopo innumerevoli ascolti. Questa caratteristica è la più grande sorpresa del lavoro nel suo complesso e ci accompagna per tutte le 12 tracce dell’album. La successiva Title Track è forse il brano più tipico da metal opera, con un incedere power folk che esalta la trinità dietro al microfono: Todd Michael Hall, Mariangela Demurtas e Zachary Stevens… non penso serva aggiungere altro. I brani più prettamente veloci e quelli più lenti si susseguono con naturalezza e maestria passando dalla cristallina bellezza di “Hear My Call” (con una Anneke Van Giersbergen capace di trasformare in oro tutto ciò che tocca), alla devastante perfezione di “Now And Forever”, sin dal primo ascolto un incredibile inno al power metal. Difficile non citare tutti i brani, i quali godono, ognuno a modo suo, di qualità non secondarie, ma cercando i picchi compositivi non posso che citare “We Are The Ones“ (forse il miglio brano presente), in cui Anneke raggiungi livelli di pura estasi sonora e la superba “Give Me Hope” che sembra uscita da "Master of The Ring" degli Helloween. Menzione a parte merita “Wasted Dreams” brano cucito su misura per uno Zachary Stevens semplicemente sublime.

"Return To Eden" non è semplicemente il punto di arrivo della carriera di un artista la cui classe cristallina si è spesso scontrata con demoni personali, ma è principalmente il punto di partenza per una nuova (nei membri e contenuti) avventura musicale. Bentornato Timo, Benvenuti Avalon.
 
 
 Il Cast:

Todd Michael Hall – Vocals (Promises, Now And Forever, Return To Eden )
Anneke Van Giersbergen – Vocal (Hear My Call,   We Are The Ones)
Mariangela Demurtas – Vocals (Godsend, Guiding Star, Return To Eden)
Zachary Stevens – Vocals  (Miles Away, Wasted Dreams , Return To Eden)
Eduard Hovinga – Vocals (Give Me Hope, Limits)

Timo Tolkki – Lead Guitars
Andrea Buratto – Bass
Antonio Agate – Piano and Keyboards
Giulio Capone – Drums , Piano and Keyboards
Aldo Lonobile – Guitars





01. Enlighten
02. Promises  
03. Return To Eden  
04. Hear My Call  
05. Now And Forever  
06. Miles Away  
07. Limits  
08. We Are The Ones    
09. Godsend 
10. Give Me Hope  
11. Wasted Dreams   
12. Guiding Star

LiveReport
Archive - 25th Anniversary Tour - Roma 03/12/19

LiveReport
Alter Bridge, Shinedown, The Raven Age - "Walk The Sky" Tour 2019 - Assago (MI) 02/12/19

Intervista
The Low Anthem: The Low Anthem

Speciale
Music Industry e innovazione tecnologica: la blockchain come strumento per rivoluzionare il mercato

Speciale
Alter Bridge: la nostra top 20

Speciale
Pink Floyd “The Later Years 1987-2019”