Sanguisugabogg
Tortured Whole

2021, Century Media Records
Brutal Death Metal/Goregrind

Recensione di Giovanni Ausoni - Pubblicata in data: 24/03/21

Una formazione relativamente nuova nel mondo del metal estremo, i Sanguisugabogg; la pubblicazione della demo di debutto "Pornographic Seizures" nel 2019 ha rapidamente attirato sugli statunitensi l'attenzione degli appassionati di sonorità degenerate e tematiche corrotte. La cosa davvero sorprendente riguarda il fatto che in meno di ventiquattro mesi il gruppo è riuscito a coprire un numero enorme di date live a supporto di colleghi di prima fascia e una tournée in patria nel ruolo di headliner, oltre, poi, a porsi sotto l'ala protettiva di una label prestigiosa come Century Media. Il tutto, si badi bene, con una pandemia nel mezzo.
 

Dal debutto sulla lunga distanza "Tortured Whole", dunque, ci si aspettava una bomba dall'esplosività pari alla rapida ascesa del quartetto dell'Ohio, hype confermato dalla collaborazione, per un paio di videoclip, con la leggendaria Troma Entertainment, casa di produzione e distribuzione cinematografica specializzata in film a basso costo e politically uncorrect. Scavando nei pezzi, però, il riscontro qualitativo non risulta all'altezza delle promesse, visto che il brutal death metal speziato di goregrind messo in tavola dalla band non si discosta quasi per nulla da quello proposto negli anni '90 da Cannibal Corpse e Mortician, con le aggravanti di una tecnica approssimativa e di un songwriting a dir poco monocorde. 

 

Sin dal trittico d'abbrivio "Menstrual Envy", "Gored In The Chest" e "Dragged By A Truck", i ragazzi di Columbus espongono il proprio intero e terrificante arsenale: riff pachidermici e martellanti, cadenze metifiche, rullate slam, la voce gutturale di Devin Swank tanto profonda quanto piatta, testi adatti allo scopo, ricchi di particolari rivoltanti e umorismo grossolano. Tranne "Dead As Shit", con le sue tiepide variazioni strumentali, e l'adiposa doppietta "Dick Filet"/"Felching Felt", piste caratterizzate da fraseggi spessi e da una base ritmica altrettanto densa, la scaletta risulta abbastanza fiacca, priva di picchi e finanche di vera energia. Gli innocui interludi sintetici "Pornographic" e "Interlube", che vorrebbero richiamare le atmosfere degli horror movie ottantiani, finiscono, invece, per suonare fuori posto in una tracklist che, di certo, non brilla per raffinatezza e pretese di connessioni concettuali. E delle sbandierate influenze hip-hop, neanche l'ombra.

 

Disco più antiquato che vintage, "Tortured Whole" non va oltre un simpatico scherzo tra adolescenti, che può divertire soltanto a patto di giudicarlo tale. Per il resto, Sanguisugabogg rimandati a data da destinarsi.





01. Menstrual Envy
02. Gored In The Chest
03. Dragged By A Truck
04. Pornographic
05. Dead As Shit
06. Tortured Whole
07. Interlube
08. Dick Filet
09. Urinary Ichor
10. Posthumous Compersion
11. Felching Filth

Speciale
L'angolo oscuro #22

Speciale
FM - Tough It Out Live

Speciale
The End Machine - Phase2

Recensione
Primal Fear - I Will Be Gone [EP]

Recensione
Nad Sylvan - Spiritus Mundi

Intervista
Stranger Vision: Ivan Adami, Riccardo Toni