Rotting Christ
Under Our Black Cult

2018, Peaceville Records
Black Metal

Recensione di Giovanni Ausoni - Pubblicata in data: 15/07/18

Quando agli inizi degli anni '90 scatenò le sue fosche orde di blackster allo scopo di conquistare le pie anime del Mare del Nord, Satana forse mai avrebbe immaginato che il logos maligno si sarebbe propagato nel vecchio continente così capillarmente. La Francia e l'ex cortina di ferro apparvero subito ricettive nell'accogliere i pestiferi venti boreali, ma l'Europa meridionale non fu certo indifferente alle lusinghe del demonio: tuttavia, se ben presto in Italia, eccetto alcuni casi isolati, il filone si spostò in direzione di una proposta vicina alla negromanzia e all'esoterismo, possiamo affermare senza dubbi di sorta che la scena greca, inferiore numericamente, riuscì comunque a competere, in termini di convinzione e impatto, alla consistente enclave norrena. Nella nazione culla della civiltà occidentale assistiamo infatti alla nascita di uno stile peculiare che, invece di concentrarsi sui blast beat e le chitarre zanzarose, preferì dedicarsi all'evocazione atmosferica e all'incremento della componente melodica: il retaggio della cultura mediterranea, l'interesse per la mitologia, le suggestioni della musica tradizionale, la rivisitazione dell'heavy metal classico, rappresentarono gli elementi caratterizzanti il mood delle formazioni della penisola ellenica che, benché diverse tra loro, condividevano un background comune.


Necromantia, Varathron, Septicflesh, Zemial: nomi fondamentali ai quali bisogna necessariamente aggiungere il gruppo guida del movimento, ovvero quei Rotting Christ che contribuirono in modo decisivo allo sviluppo dell'estremismo diabolico locale. La creatura dei fratelli Tolis, unici superstiti della line-up originaria, decide dunque di deliziare i propri fan attraverso la pubblicazione del box set "Under Our Black Cult", contenente un volume di settantadue pagine di Dayal Patterson e cinque CD che illustrano, l'uno dal punto di vista biografico, gli altri da quello puramente musicale, il percorso della band, dalla genesi al 1994. Ventiquattro mesi dopo, l'uscita dell'album "Triarchy Of The Lost Lovers" sancì lo spostamento verso territori gothic, a cui seguiranno nuove sperimentazioni, e l'emersione dal circuito dell'underground. 


La storia dell'act di Atene del resto risulta singolare sin dai primordi e la compilation a tal fine risponde all'esigenza di una documentazione esaustiva in grado di chiarire l'evoluzione stilistica del combo: le due demo del 1989, "The Other Slide Of Life" e "Sathanas Te Deum", testimoniano l'abilità dei nostri, a stretto giro di posta, di passare dall'immaturo e confusionario grindcore di pezzi come "Lost In The Void" e "Thyrotoxicosis" a una "Hills Of The Crucifixion" che esibisce le influenze di Venom, Bathory, Celtic Frost e scampoli dei Mayhem di "Deathcrush". Gli inserti di tastiera, già abbozzati nelle prove degli albori, rivestono un ruolo basilare nell'EP "Passage To Arcturo", lotto che destò anche l'attenzione di Euronymous e disco di snodo nella definizione compiuta del sound eclettico e sfaccettato degli attici: gli inserti epic doom di "Forest N'Gai", gli echi death della spettrale "The Mystical Meeting", il latino zoppicante, ma minaccioso, della preghiera blasfema "Gloria De Domino Inferni", costituiscono l'introduzione perfetta per comprendere la grandezza della coppia dei full-length successivi, "Thy Mighy Contract" e "Non Serviam". Pietre miliari ove l'aggressività, pur presente nella patina grezza dell'ordito ereditata dai sodali scandinavi, viene sublimata da un approccio crepuscolare e da un rimo ipnotico e marziale che privilegia cadenze mid-tempo allo strumming continuo e tagliente di matrice soprattutto norvegese. Completano la raccolta rarità, uno split con gli italiani Monumentum, i mini "Dawn Of The Iconoclast" e "Apokathelosis", e un nutrito lotto di tracce live: un quadro esaustivo della parte più intrigante della carriera di un ensemble ancora in auge e lontano, fortunatamente, dal deporre le armi.


"Under Our Black Cult" si mostra una rassegna preziosa e imprescindibile, adatta sia ai devoti di lungo corso dei Rotting Christ, sia a chi desideri accostarsi per la prima volta a una delle formazioni di maggior peso della nera fiamma: l'odore di zolfo aleggia sulle teste degli dei dell'Olimpo.





DISC 1 - Demos & Promos Collection

The Other Side Of Life Demo 1989

01. Slaughter Of The Innocents
02. Asthmatic Apoplexy
03. Lost In The Void
04. Thyrotoxicosis
05. Animal Revenge
06. Mentally Disordered
07. Myxomycetes Attack
08. Neyroparalia
09. Artificial Hypertrophy

De Vermis Mysteriis Rehearsal 1989

10. Intro-Holyness Lamentation
11. Feast Of The Grand Whore
12. Fortress Of Cremation
13. De Vermis Mysteriis
14. Outro

Satanas Te Deum Demo 1989

15. Hills Of The Crucifixion
16. Feast Of The Grand Whore
17. The Nereid Of Esgalduin
18. Restoration Of The Infernal Kingdom
19. The Sixth Communion

Ade's Winds 1992

20. Fgmenth Thy Gift
21. The Fourth Knight Of Revelation

Promo 1995

22. Snowing Still
23. One With The Forest
24. The Opposite Bank

DISC 2

Passage to Arcturo 1991

01. The Old Coffin Spirit
02. The Forest Of N'gai
03. The Mystical Meeting
04. Gloria De Domino Inferni
05. Inside The Eye Of Algond

Monumentum Split 7″ 1991

06. Feast Of The Grand Whore

Dawn of the Iconoclast EP 1992

07. The Nereid Of Esgalduin
08. Vicious Joy And Black Delight

DISC 3

Thy Mighty Contract 1993

01. The Sign Of Evil Existence
02. Transform All Suffering Into Plagues
03. Fgmenth, Thy Gift
04. His Sleeping Majesty
05. Exiled Archangels
06. Dive The Deepest Abyss
07. The Coronation Of The Serpent
08. The Fourth Knight Of Revelation

Apokathelosis EP 1993

09. Visions Of The Dead Lovers
10. The Mystical Meeting

DISC 4

Non Serviam 1994

01. The Fifth Illusion
02. Where Mortals Have No Pride
03. Wolfera The Chacal
04. Fethroesforia
05. Non Serviam
06. Mephesis Of Black Crystal
07. Morality Of A Dark Age
08. Ice Shaped God
09. Saturn Unlock Avey's Son

DISC 5

Live 2000

01. The Sign Of Evil Existence
02. Transform All Suffering Into Plague
03. The Fourth Knight Of Revelation
04. Coronation Of The Serpent
05. Fgmenth Thy Gift
06. Ach Golgotha (The Small One On The Cross)
07. The Old Coffin Spirit
08. The Mystical Meeting
09. The Forest Of N'Gai
10. Morality Of A Dark Age
11. Feast Of The Grand Whore
12. Saturn Unlock Avey's Son
13. Wolfera The Chacal
14. Exiled Archangels

Live 1993

15. Feast Of The Grand Whore
16. The Forest Of N'Gai
17. Visions Of The Dead Lovers
18. The Mystical Meeting

LiveReport
Black Anima - Live from the Apocalypse 2020 - Milano 11/09/20

Recensione
Napalm Death - Throes Of Joy In The Jaws Of Defeatism

Speciale
L'angolo oscuro #9

Recensione
Finntroll - Vredesvävd

Recensione
Marilyn Manson - We Are Chaos

Intervista
Ihsahn: Ihsahn