White Lies
Big TV

2013, Fiction Records
Pop Rock

I prevedibili esiti dell'incontro di un post-punk in crisi d'identità con il peggio degli eighties.
Recensione di Riccardo Coppola - Pubblicata in data: 16/08/13

"I've never been too good at change": l'ammissione di colpe la fanno loro stessi, nel ritornello della lentissima "Change". E infatti, nel White Lies capitolo 3, dal titolo "Big TV" e dalla copertina oggettivamente orrenda, la band britannica conferma la sua caratteristica tendenza all'autosabotaggio, già messa chiaramente in mostra due anni fa nel pessimo "Ritual".

 

Si impegna il trio britannico, continuando a distruggere tutti i residui di bontà che ancora restavano dai tempi dell'incoraggiante esordio "To Lose My Life...". Le cavalcate di violino suonavano veramente bene, e con le chitarre un po' più arrabbiate si riusciva a far finta di non essere completamente innocui e insignificanti? Gli spudorati tentativi di plagio ai danni dei Depeche Mode erano le uniche cose quasi passabili del secondo album? Via tutto. Poco importa (o forse l'obiettivo in realtà è proprio questo) se si finisce per sembrare un originale mix tra Rick Astley e una cover band un po' sfigata dei Killers: adesso ci si dà dentro con tastiere plasticose e tamarre come non mai ("Getting Even") che fanno da base a linee vocali che surclassano, in svogliatezza e inespressività, anche il sintetizzatore vocale di Windows ("Be Your Man").

 

A onor del vero, qualche hook melodico abbastanza azzeccato riesce a rendere piacevoli pezzi come "Heaven Wait", "Goldmine" o la già citata "Change"; il punto è che se arrivati già al terzo album non si riesce a costruire un-pezzo-uno che sia davvero significativo e piuttosto si persevera nei propri errori più gravi, ostinandosi a ridar vita a quelle brutture degli anni '80 che tutti siamo contenti di esserci lasciati alle spalle, sarebbe davvero l'ora di valutare l'idea di cambiare radicalmente approccio, di cominciare a porsi qualche domanda specifica e prendere qualche consequenziale provvedimento.

 

Noi proveremo a dare una risposta all'interrogativo sull'utilità di questo "Big TV": usatelo per mettere alla prova la vostra resistenza e la vostra tenacia, e preparatevi a considerarvi dei veri eroi se riuscirete ad ascoltarlo fino in fondo. In tal caso, per quel che vale, avrete anche tutta la nostra stima.





LiveReport
Cult of Luna European Tour 2019 - Milano 03/12/19

LiveReport
Archive - 25th Anniversary Tour - Roma 03/12/19

LiveReport
Alter Bridge, Shinedown, The Raven Age - "Walk The Sky" Tour 2019 - Assago (MI) 02/12/19

Intervista
The Low Anthem: The Low Anthem

Speciale
Music Industry e innovazione tecnologica: la blockchain come strumento per rivoluzionare il mercato

Speciale
Alter Bridge: la nostra top 20