In una recente intervista per la rivista Classic Rock, il cantante inglese Ozzy Osbourne, leader e fondatore dei Black Sabbath, ha rivelato che nel nuovo album, “Patient Number 9”, c’è una canzone con un testo che potrebbe suscitare alcune polemiche. La prima è giunta proprio da un’artista che ha partecipato al disco come ospite: Eric Clapton.

Il pezzo in questione si intitola “One Of Those Days”, nel quale compare anche Slowhand. Ad un certo punto del brano, il testo recita: “One of those days that I don’t believe in Jesus“, letteralmente: “Uno di quei giorni in cui non credo in Gesù”. Pensando alle possibili polemiche che la frase poteva suscitare, Clapton avrebbe provato a convincere Ozzy a rimettere mano sul testo.

The Madman ha contestualizzato la frase:

Non è una canzone da “Io sono un Anticristo”. Tratta di quei giorni in cui tutto va fottutamente storto, e tu impazzisci cercando di sistemare tutto.

Per poi aggiungere, rivelando la prima reazione di Eric:

Ha detto: “Quel testo non mi convince”. Così abbiamo provato a sostituirlo con alcune alternative. Abbiamo tentato con “One of those days where I don’t believe in Christmas” (Uno di quei giorni in cui non credo al Natale), ma non suonava bene. Perdere la fede in Gesù ha molto più senso quando il mondo sta diventando una merda.

Inoltre, riguardo al potenziale rifiuto di quel testo, Ozzy ha ribadito la sua fiducia nel nuovo album:

Penso che quella canzone e l’intero album siano andati alla grande.

Il nuovo album “Patient Number 9”, verrà pubblicato il prossimo 9 settembre. Tanti sono i grandi nomi presenti nel progetto. Oltre ad Eric Clapton infatti, troviamo anche Zakk Wylde, Tony Iommi, Jeff Beck, Chad Smith, Duff McKagan, Mike McCready, Robert Trujillo, Chris Chaney, Taylor Hawkins e il produttore Andrew Watt.

“Patient Number 9” è il dodicesimo album solista di Ozzy Osbourne, dopo “Ordinary Man” uscito nel 2020. Sono già usciti due singoli: la title track “Patient Number 9” con Jeff Beck, e “Degradation Rules”, con Tony Iommi.

Di seguito i link per l’ascolto.


Comments are closed.