Comunicato stampa

Il duo elettronico Skynd, tinto di industrial e direttamente ispirato dal true crime, è il cupo outlet creativo ed alter ego della cantante Skynd e del producer e poli-strumentista Father; noti per trarre ispirazione da casi criminali inspiegabili quanto brutali e dal mistero che circonda le morti irrisolte, e per il trasformarli in canzoni in grado di ricordarci dell’oscurità interna alla psiche umana – il tutto evitando accuratamente ogni processo di glorificazione. Ad oggi, hanno rilasciato piccoli gruppi di brani come EP, titolati quali capitoli numerati.

Oggi, gli Skynd continuano il «Chapter V» con il rilascio della nuova traccia «Bianca Devins» e del suo video ufficiale. «Bianca Devins» si distingue fra le release di Skynd, in parte per essere chiamata come la vittima e non il carnefice, diversamente dalle tracce precedenti. Questo caso recente – datato 14 luglio 2019 – mostra quanto raccapricciante possa essere il lato oscuro dei social media.

Skynd dice:

Quello di Bianca Devins è un caso che mi ha scosso profondamente, poiché ci mostra nuovamente il potere che possono avere i social media. Quanto incredibilmente confuse siano le regole. Una donna che mostra i propri capezzoli è censurata, ma una foto di una giovane ragazza mezza decapitata di nome Bianca Devins è circolata per settimane sulle piattaforme social. La brutalità delle storie di Instagram postate da Brandon Clark miravano tutte allo stesso concetto: era geloso, la voleva per sé, voleva ucciderla, e perché lei aveva baciato un altro ragazzo gli pareva come una vendetta. Ha infranto la vita di Bianca perché non poteva tollerare che lei volesse vivere nel modo in cui faceva. Le ha strappato via la vita, la sua essenza. La gente ha poi postato questa orribile sua foto, senza neanche conoscere il suo nome. L’ha solo condivisa, senza sapere appieno quanto fosse avvenuto. Questo è il motivo per cui è stato molto importante per me scrivere di lei, portare nuovamente il suo nome in primo piano, e metterla sotto i riflettori.

L’altamente rispettato regista PR Brown, che ancora una volta ha diretto il video ufficiale del brano, aggiunge:

Quando ho sentito la traccia «Bianca Devins» per la prima volta non sono riuscito a pensare ad altro che a mia figlia. Il video è una sorta di ammonimento riguardo i pericoli del diventare un supereroe nel mondo online dei social e quanto ciò potrebbe coinvolgere. Skynd voleva riflettere l’immagine reale di Bianca e il suo mondo immaginario come due aspetti opposti. Nel video, Bianca cede alla tentazione di essere più grande dei propri limiti mentre il tutto diventa un po’ troppo surreale e sopraffacente. Alla fine, i confini fra realtà e sogno sono completamente sfocati.

Di seguito il video di “Bianca Devins”.

Comments are closed.