Michael Sweet, frontman degli Stryper, ha subito un’operazione chirurgica all’occhio per la testa volta. Al cantante, lo scorso novembre, era stato diagnosticato un distacco della retina.

Nella sua recente intervista a Myglobalmind, Sweet ha raccontato:

Quando si parla di interventi chirurgici agli occhi, non si pensa mai a qualcosa di grave. Un intervento all’occhio non fa lo stesso effetto di un intervento a cuore aperto, di uno per il bypass o un intervento al cervello. Insomma questo genere terribile di cose.

Ormai ho subito ben tre interventi agli occhi e vi dirò che o sono un bambinone io oppure sono qualcosa di terribile.

Ho gli occhi molto sensibili e questa è l’ultima cosa che avrei voluto fare in tutta la mia vita.

Ho dovuto fare questo terzo intervento perché mi hanno fatto tenere dell’olio nell’occhio per sei mesi in modo da tenere la retina in posizione. Dopo sei mesi di olio, mi hanno dovuto rimuovere il cristallino perché in quel lasso di tempo avevo sviluppato la cataratta. Quindi hanno dovuto toglierla.

Successivamente mi hanno tolto quell’olio perché a tenerlo per troppo tempo si rischia di sviluppare un glaucoma che può portare alla cecità. È un processo molto complicato.

Per rimuovere l’olio hanno dovuto incidere il mio cristallino, me ne hanno messo uno nuovo e per farlo mi hanno inciso un’altra volta. Adesso il mio occhio è decisamente malandato.

Prima di Michael Sweet, anche un altro membro degli Stryper, il chitarrista Oz Fox, era stato sottoposto a un intervento chirurgico: nel suo caso al cervello per rimuovere un tumore.

Comments are closed.