Clicca QUI per la fotogallery completa

In una serata non esattamente estiva di giugno, ci troviamo al Parco delle Caserme Rosse a Bologna per una delle date più attese del ricco programma del Sequoie Music Park, una manifestazione che ormai da anni allieta le estati del capoluogo emiliano. Ad attendere il folto pubblico, proveniente da Bologna ma non solo, gli svedesi The Hives, pronti a riscaldare gli animi e l’atmosfera del parco, ma anche ben tre altre band per una serata all’insegna del punk e del rock.

ScowlBologna
Scowl

Si parte con Joe & The Shitboys, un nome che è davvero una garanzia: si perché il loro punk rock scarno e scanzonato, corroborato di messaggi chiari e concisi come “Save The Planet, You Dumb Shit”, porta subito una ventata di energia e buon umore. Canzoni di durata brevissima, chitarre distorte e batteria al minimo indispensabile sono le chiavi con cui i musicisti fanno breccia nel pubblico di Bologna, per un inizio di show di tutto rispetto. Non sono da meno i successivi Scowl, direttamente da Santa Cruz, California per deliziare le orecchie italiane in uno show carico di adrenalina, guidati dalla iconica cantante Kat Moss. L’atmosfera al Bologna Sonic Park è già ben sintonizzata per cui i californiani conquistano in breve tempo il pubblico col loro punk hardcore selvaggio, scatenato; iniziano ad apparire i primi crowdsurfers, la folla viene tenuta magistralmente dalla cantante dalla chioma colorata ed è facile capire come mai Rolling Stones consideri gli Scowl come una delle next best band live del momento.

InterruptsBologna
Interrupters

Giusto il tempo di una birra e un panino nei vicini chioschetti ed arrivano a tenere alta l’attenzione e la carica del pubblico gli Interrupters, chiaramente i più attesi tra gli opening act della serata. Anche loro guidati da una cantante, la splendida Aimee Allen, gli Interrupters sono tra le band di spicco dell’attuale scena punk ska e in una città come Bologna non potevano non trovare un pubblico accogliente e coinvolto già dai primi minuti di show; il loro set è serratissimo ma allo stesso tempo appassionante, l’influenza allegra dello ska è contagiosa, è davvero difficile non muoversi al ritmo dei brani proposti dalla band statunitense per cui ben presto tutti, dalle prime file fino al fondo dell’arena, si ritrovano quantomeno a sorridere, dimenticando lo stress di un monotono martedì.

TheHivesBologna1
The Hives

Lo spettacolo prosegue puntuale e alle 22:15 ecco finalmente arrivare i The Hives, abbigliati di tutto punto con i loro completi neri percorsi dall’immancabile linea bianca zigzagata. Gli svedesi, guidati dall’istrionico frontman Pelle Almqvist, si presenta sul palco illuminato da enormi lettere bianche che compongono la scritta H I V E S ed immediatamente parte il delirio con “Bogus Operandi”; tutta l’energia accumulata finora sembra spandersi per l’arena, bagnata da una leggera pioggerella che però non ferma nemmeno per un attimo il pubblico bolognese. La compagine svedese è in ottima forma e ci tiene a dimostrarlo, snocciolando uno dopo l’altro brani che spaziano dalla loro più recente uscita, “The Death of Randy Fitzsimmons” del 2023, loro prima uscita dopo ben 11 anni, e successi più datati come “Walk Idiot Walk” o la mitica “Hate to Say I Told You So”. Ogni singola canzone è accolta con gioia continua dal pubblico, cosa che esalta evidentemente gli svedesi e li spinge a dare il massimo.

Il loro set dura poco più di un’ora e forse questa è l’unica nota dolente, ma solo perché la loro performance è così spassosa, liberatoria ed esaltante che non si vorrebbe vederne la fine. Mentre si susseguono pezzi storici come “Countdown to Shutdown”, “Come On!” o “Tick Tick Boom”, Pelle Almqvist e i suoi divertono e fanno divertire il Sequoie Music Park, senza troppi fronzoli, dritti al punto, come solo un certo tipo di band sa fare. Nonostante il set conciso, gli Hives soddisfano i fan e i curiosi, fanno cantare, ballare e “andare fuori di testa” (come del resto richiesto dalla band), lasciano il sorriso sulle labbra e la certezza di essersi goduti uno spettacolo di puro, semplice e genuino rock ‘n’ roll.

Setlist

Bogus Operandi
Main Offender
Rigor Mortis Radio
Walk Idiot Walk
Good Samaritan
Go Right Ahead
Try It Again
Stick Up
Hate to Say I Told You So
Trapdoor Solution
I’m Alive
Bigger Hole to Fill
Countdown to Shutdown
Come On!
Smoke & Mirrors
Tick Tick Boom

Comments are closed.