In questa settimana i manifestanti contro i cambiamenti climatici e il debito globale hanno usato la famosa panchina dei Black Sabbath a Birmingham, in Inghilterra, per sottolineare la loro campagna.

Gli attivisti hanno appeso dei cartelli con la scritta “G7: TURN DEBT INTO CLIMATE ACTION“. I cartelli sono stati rapidamente rimossi e non hanno causato nessun danno alla panchina, per fortuna si è trattato semplicemente di una protesta pacifica.

Le proteste sono avvenute durante il vertice dei leader mondiali del G7 di quest’anno che si è riunito a Schloss Elmau, un edificio storico vicino a Garmisch-Partenkirchen nelle Alpi Bavaresi in Germania.

Mike Olley, direttore generale del Westside BID, ha dichiarato:

“Ci rendiamo perfettamente conto che la natura della protesta era attenta a non causare alcun danno. Tuttavia abbiamo dovuto rimuovere i cartelli . L’ironia della sorte vuole che i Black Sabbath stessi fossero inizialmente una band di protesta, essendo un gruppo di orgogliosi lavoratori erano infastiditi dalla cultura “hippie” di pace e amore e sentivano di dover proiettare un aspetto più crudo e realistico della vita. Ma se si osservano attentamente i testi di alcune canzoni dei Black Sabbath, si può notare la loro profonda sfiducia nei confronti dei leader mondiali, un esempio è la canzone “War Pigs“”.

Olley ha aggiunto:

“Qui a Westside vogliamo che la gente si occupi della panchina dei Black Sabbath, ma allo stesso tempo, siamo favorevoli le proteste democratiche e pacifiche”.

La panchina è stata realizzata a mano in acciaio inossidabile da Gateway Steel Fabrications e presenta immagini di Ozzy Osbourne, Iommi, Butler e Ward con la scritta “Geezer. Ozzy. Tony. Bill. Made in Birmingham 1968”.

 

Comments are closed.