Il chitarrista Yngwie Malmsteen, ha annunciato una nuova serie di interviste chiamata “Yngwie Malmsteen’s Coffee Talk“. Il primo episodio vede come protagonista il chitarrista Axeman Steve Vai.

Proprio Steve Vai, durante un’intervista, ha spiegato come è stato per lui suonare con Malmsteen per un’esibizione della canzone del chitarrista svedese “Black Star” durante il tour del loro super gruppo “Generation Axe”. A tal proposito Vai ha dichiarato:

Non posso suonare come Yngwie; nessuno può suonare come lui. Nessuno può suonare come me. Nessuno può suonare come chiunque. Quello che ho fatto è stato prendere l’armonia o la melodia della canzone e suonarla nel modo in cui l’avrei fatta. È stato impegnativo perché c’erano un sacco di piccole corse veloci con le sue diteggiature e il suo centro tonale, che è diverso dal mio. Ho dovuto lavorarci. Potevo farlo, ma quando è arrivato il momento di suonare l’uno contro l’altro, io sono Steve, e lui è Yngwie.

Il super gruppo Generation Axe includeva altri tre musicisti: Zakk WyldeNuno Bettencourt e Tosin Abasi che dopo un anno dal loro tour inaugurale di successo, si sono riuniti per un tour di 11 città in Asia che includeva una tappa a Pechino, in Cina. Alcune esibizioni di quest’ultimo concerto di aprile 2017 sono apparse in una registrazione dal vivo, pubblicata a giungo 2019, chiamata “Generation Axe – The Guitars That Destroyed The World: Live In China”.

Vai ha detto che l’obiettivo alla base del gruppo era

Quella di creare uno spettacolo senza soluzione di continuità con una band di supporto e cinque chitarristi completamente affermati e sorprendenti che salgono sul palco in varie configurazioni, eseguendo parte della loro musica solista e fondendosi insieme.

Lo stesso chitarrista ha poi affermato che la cosa che preferisce di più di Generation Axe è il tour bus. “Mi sveglio la mattina [e] mi fa male la mascella per aver riso così tanto. Questi ragazzi, sono fuori di testa”.

Comments are closed.