ATTUALITÀNEWSULTIME NEWS

Iced Earth, Jon Schaffer: ripreso con uno “spray per orsi” nel video della rivolta al Campidoglio degli Stati Uniti

Jon Schaffer, chitarrista degli Iced Earth, è presente all’interno di un video pubblicato questa settimana dal Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti, che mostra la rivolta avvenuta nel Campidoglio.

Schaffer è stato immortalato in un video di sorveglianza mentre trasportava dello “spray per orsi” (una sorta di spray al peperoncino) e mentre era impegnato in alterchi verbali con agenti di polizia all’interno del Campidoglio.

Circa 13 mesi fa Schaffer si è dichiarato colpevole per la sua partecipazione nella rivolta al Campidoglio, e sta continuando a collaborare con le autorità durante il rilascio della pre-condanna.

A febbraio di quest’anno l’avvocato degli Stati Uniti Matthew M. Graves ha chiesto al tribunale federale di Washington, DC, una scadenza per la presentazione di un altro rapporto su un secondo caso relativo a Jon Schaffer.

In un comunicato stampa dell’aprile 2021 il chitarrista ha infatti “riconosciuto di essere un membro fondatore a vita” del gruppo estremista di destra Oath Keepers.

A gennaio Amit Mehta, giudice del tribunale distrettuale degli Stati Uniti, ha approvato la richiesta del governo di condividere il materiale del caso riguardante il ruolo di Schaffer nel caso della rivolta al Campidoglio degli Stati Uniti, in merito alla scoperta dei tre casi principali degli Oath Keepers.

Il fondatore e leader degli Oath Keepers , Stewart Rhodes, e molti dei suoi vice furono accusati di cospirazione sediziosa per il loro ruolo nella rivolta. Rhodes ed i suoi coimputati sono accusati di aver portato armi leggere all’interno dell’area di Washington, DC, di essersi impegnati in un addestramento al combattimento per prepararsi ad un attacco e per aver fatto dei piani per sostenere gli insorti nella rivolta.

Già a dicembre 2021 è stata intentata una causa dal tribunale federale di Washington, DC , che accusava 31 membri degli Oath Keepers e dei Proud Boys di “cospirare per terrorizzare il distretto“. Successivamente, a gennaio le loro azioni sono state definite “un atto coordinato del terrorismo interno“.

La causa descrive Schaffer come “un membro fondatore a vita dei Guardiani del Giuramento ” e prosegue dicendo:

 Schaffer è stato accusato penalmente e incriminato per il suo ruolo nell’esecuzione dell’attacco del 6 gennaio. In connessione con la promessa di collaborare con gli investigatori e potenzialmente testimoniare in procedimenti penali relativi alla cospirazione per commettere l’attacco del 6 gennaio, Schaffer si è dichiarato colpevole dell’intera Dichiarazione di reato nell’azione penale intentata contro di lui, che includeva due reati penali: (1) violazione di domicilio del Campidoglio mentre era armato con un’arma mortale o pericolosa e (2) ostruzione a un procedimento ufficiale del Congresso. La denuncia penale presentata contro Schaffer , così come il patteggiamento di Schaffer e la dichiarazione di reato di accompagnamento che descrive la sua condotta, sono documenti pubblicamente disponibili che sono qui incorporati nella denuncia per riferimento.

Nell’ambito del patteggiamento dell’aprile 2021, Jon ha stipulato un accordo di cooperazione con il governo.

Il chitarrista ha riconosciuto che il 6 gennaio 2021 si trovava a Washington per partecipare alla manifestazione “Stop The Steal” per protestare contro i risultati delle elezioni presidenziali, che riteneva fraudolente. Schaffer indossava un giubbotto tattico e trasportava spray per orsi, un’arma pericolosa e irritante chimico usato per allontanare gli orsi. Al termine della manifestazione, Schaffer si è unito a una grande folla che ha marciato dall’Ellisse al Campidoglio. Poco dopo le 14:00 i membri della folla hanno forzato l’ingresso nell’edificio del Campidoglio, interrompendo la sessione congiunta e provocando l’evacuazione dei membri del Congresso e del Vicepresidente dalle camere della Camera e del Senato.

Sebbene Schaffer sia stato inizialmente accusato di sei crimini, si è dichiarato colpevole solo di due accuse: ostruzione a un procedimento ufficiale del Congresso; e sconfinare in un terreno ristretto del Campidoglio armato di un’arma mortale o pericolosa. La prima è punibile con una reclusione fino a 20 anni, mentre la seconda con una pena detentiva fino a 10 anni. Come parte del patteggiamento, Schaffer ha accettato di collaborare con gli investigatori e potenzialmente testimoniare in casi penali correlati.

Dopo le prime notizie sul coinvolgimento di Schaffer nella rivolta, i suoi compagni di band, hanno preso le distanze dalle sue azioni. Il cantante Stu Block e il bassista Luke Appleton hanno poi pubblicato dichiarazioni separate sui social media annunciando le loro dimissioni. Anche Hansi Kürsch dei Blind Guardian ha lasciato i Demons & Wizards , il suo progetto di lunga data con Schaffer . Le accuse hanno influenzato anche il rapporto di Schaffer con la sua etichetta discografica, la Century Media. A metà gennaio infatti, la pagina dell’elenco degli artisti di Century Media non elencava nessuna delle due band.

Comments are closed.

More in:ATTUALITÀ

0 %