INTERVISTESPECIALI

Intervista – Jeff Scott Soto

“The Duets Collection, Vol. 1” è il nuovo disco di Jeff Scott Soto, uscito per Frontiers Music. Abbiamo parlato con il cantante americano della genesi di questo nuovo lavoro, degli ospiti che ne fanno parte e di molto altro.

Ciao Jeff, bentornato su SpazioRock! È un piacere averti qui, come stai?

Sta andando alla grande, ho appena iniziato le prove per il prossimo tour della Trans-Siberian Orchestra, siamo fortunati a poterlo fare quest’anno fino a che tutti rispetteranno le normative e rimarranno al sicuro.

Il tuo nuovo album “The Duets Collection, Vol. 1” è una panoramica importante sulla tua lunga carriera. Com’è nato?

È iniziato con una conversazione con Frontiers. Stavamo facendo un brainstorming su cosa avremmo potuto fare nel mezzo delle uscite dei miei album ufficiali. Allora, non avevamo ancora idea di quando le cose sarebbero tornate alla normalità per il nostro tour. Il primo pensiero è stato un album di cover che ho buttato giù subito, ma ha acceso l’idea per un album di cover di JSS. Ho avuto un problema a cantare di nuovo le mie canzoni. Ho pensato: chi le vorrebbe sentire quando hanno già le versioni originali? Quindi ho suggerito quello che Tony Bennett e Lady Gaga, così come altri, hanno fatto, un album di cover di JSS in duetti!

Un regalo per i veri fan in un momento lontano dai fan…

Sì e no. Non sono mai stato zitto o sono sparito durante il lockdown, mi sono fatto il culo su molta musica, apparizioni e collaborazioni. Ma questo disco è diventato qualcosa di molto speciale per me, una volta che abbiamo stabilito le canzoni e chi le potesse cantare. Mentre ogni cantato stava arrivando, è diventata davvero un’esperienza magica per me, motivo per cui ho deciso di aggiungere al titolo “Vol. 1”. Spero che questo susciti interesse per più volumi come questo poiché ora mi gira la testa sulle possibilità… Dio sa che ho il catalogo per farne molti!

Puoi dirci di più su questo Vol. 2?

Ops, immagino di aver parlato troppo presto. Puoi fare riferimento all’ultima domanda per la risposta qui! [ride, ndr]

L’elenco dei grandi nomi hard & heavy in questo album è sbalorditivo. Chi è stato il primo a salire a bordo? Come hai sigillato tutte queste fantastiche collaborazioni? 

Ad essere onesti, ho inviato le richieste a tutti lo stesso giorno. Hanno risposto tutti subito e nessuno ha detto di no. Sono molto fortunato ad avere amici così incredibilmente talentuosi, ma l’obiettivo principale era di averne il più possibile già associati a Frontiers. Volevo che questo album aiutasse a promuovere i miei amici come loro promuovono me e Frontiers per beneficiare di tutti noi.

Qual è stata la canzone in cui hai trovato più distanza nella sessione di registrazione, confrontando l’originale con la nuova versione dell’album?

Nessuna in realtà, la maggior parte di queste canzoni erano nei set JSS nel corso degli anni. Non cantavo la canzone degli Eyes da oltre 30 anni, quindi forse questa. Ma queste canzoni sono così importanti per me e per la mia vita, è stato un vero spasso farle di nuovo in questo modo.

Il mondo della musica sta attraversando un momento di cambiamento, ci sono nuovi artisti che catturano il tuo interesse?

Non proprio. Non voglio sembrare snob ma sono sempre così dannatamente impegnato sul lavoro successivo quando ne sto finendo uno, che raramente ho tempo o interesse per ascoltare cose nuove. Trovo irrispettoso ascoltare nuovi artisti se non posso impegnarmi con una mente aperta, è meglio non ascoltare perché non ne apprezzerò veramente l’arte.

Quali sono i tuoi piani adesso?

Al momento sto riempiendo l’anno con le molte cose che sono state cancellate nel 2020 e persino nel 2021. Nessun vero tour JSS però, alcuni spettacoli qua e là. Molte cose diverse sono in lavorazione.

La pandemia ha tirato fuori dalla libreria alcune rarità: quali sono gli album, i libri o quant’altro che abbia salvato le tue giornate in lockdown?

Il tempo trascorso nel mio home studio per tutto il 2020 mi ha salvato. Le mie session, la mia creatività e le mie uscite mi hanno tenuto così impegnato durante il lockdown che ho guardato principalmente solo film che aspettavo di vedere da anni.

Vorresti lasciare un messaggio ai tuoi fan italiani e ai nostri lettori?

Siate attenti, siate gentili e grazie per la vostra pazienza, il vostro amore ed il vostro supporto!

Grazie mille per il tuo tempo Jeff!

Comments are closed.

More in:INTERVISTE

0 %